Allerta gli amanti del tè verde! Il suo estratto può provocare danni al fegato

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
tè verde per aumentare la libido

Una giornata senza una tazza di tè caldo è semplicemente incompleta per la maggior parte di noi. Ad alcuni piace aggiungere un po’ di limone, ad altri piace averlo con il latte o semplicemente piace berlo senza aggiungere altri ingredienti. Il tè stesso è disponibile in molti tipi e colori. Molti si affidano al se mirano alla perdita di peso. In effetti, a molte persone piace averlo per i suoi benefici per la salute che sono diventati popolari nel corso degli anni. Ora, un nuovo studio ha scoperto che uno degli è il danno al .

Iniziare la giornata con estratti di tè verde? Ripensaci perché potrebbe fare più male che bene al tuo corpo.

Si scopre che il tè verde funziona oltre la perdita di peso! Immagine per gentile concessione: Shutterstock

Perché il tè verde è popolare?

C’è il tè nero, il tè oolong, il tè bianco, ma il tè verde è la forma “non fermentata” della bevanda.

Secondo ResearchGate, il tè verde fa parte della medicina tradizionale cinese bevanda salutare e studi recenti suggeriscono anche che potrebbe contribuire a ridurre il rischio di alcune forme di cancro e malattie cardiovascolari. Si dice anche che aiuti a promuovere la salute orale e altre funzioni fisiologiche come il corporeo, una migliore densità minerale ossea e altro ancora.

C’è stato un crescente interesse per i suoi benefici per la salute, così naturalmente, che ha portato all’inclusione del tè verde nel gruppo di che hanno proprietà funzionali. Tuttavia, troppo di qualsiasi cosa può essere problematico.

Troppo estratto di tè verde può metterti in pericolo

Se si consuma l’estratto di tè verde, potrebbe fornire una certa protezione contro l’obesità, il cancro, le malattie cardiovascolari e il diabete di tipo 2. Tuttavia, troppa bevanda non fa bene al fegato, secondo una ricerca di Rutgers, pubblicata su The Journal of Dietary Supplements.

benefici del tè verde
Alte dosi di estratto di tè verde potrebbero danneggiare il fegato. Immagine per gentile concessione: Shutterstock

L’autore senior Hamed Samavat dello studio, ha affermato che imparare a prevedere chi subirà danni al fegato è potenzialmente importante. Ci sono prove che dimostrano che un’alta dose di estratto di tè verde nel tuo sistema potrebbe avere significativi benefici per la salute per coloro che possono “prenderlo in ”.

I del Minnesota Green Tea Trial, che è uno studio massiccio sull’effetto del tè verde sul cancro al , sono stati utilizzati dal team di ricerca per il nuovo studio. Hanno verificato se le persone con determinate variazioni genetiche fossero più propense di altre a segni di stress epatico dopo un anno di consumo quotidiano di 843 milligrammi dell’antiossidante predominante nel tè verde. L’antiossidante è una catechina nota come epigallocatechina gallato (EGCG).

Laura Acosta, allora dottoranda, ora laureata, ha guidato i ricercatori, che hanno selezionato due varianti genetiche in questione. Lo hanno fatto poiché ogni variazione controlla la sintesi di un enzima che scompone l’EGCG.

Secondo un’analisi del gruppo di ricerca, i primi segni di danno epatico erano in qualche modo più comuni del normale nei partecipanti, che erano tutte donne, con una variazione nel genotipo della catecol-O-metiltransferasi e fortemente predetta da una variazione nell’uridina 5′ -difosfo-glucuronosiltransferasi 1A4.

In media, le donne con il genotipo UGT1A4 ad alto rischio hanno visto l’enzima che indica lo stress del fegato aumentare di quasi l’80% dopo aver consumato l’integratore di tè verde per nove mesi. I partecipanti con genotipi a basso rischio hanno visto lo stesso enzima aumentare fino al 30%.

Il rischio di tossicità epatica è legato solo ad alti livelli di integratori di tè verde

Samavat ha affermato che il team è ancora molto lontano dall’essere in grado di “prevedere chi può assumere in sicurezza l’estratto di tè verde ad alte dosi”. Ho notato che il rischio di tossicità epatica è legato solo ad alti livelli di integratori di tè verde e non all’assunzione di dosi più basse di estratto di tè verde o addirittura al consumo di tè verde.

Ha condiviso che le variazioni in un genotipo non spiegano completamente le variazioni nei cambiamenti degli enzimi epatici tra i partecipanti allo studio. Ha aggiunto che la spiegazione completa include probabilmente diverse variazioni genetiche e vari fattori non genetici.

Tuttavia, il team di ricerca ritiene di aver compiuto un passo verso la previsione di chi può godere in sicurezza dei benefici per la salute forniti dall’assunzione di alte dosi di estratto di tè verde.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare