Tre turisti sono morti per sospetto avvelenamento da monossido di carbonio in un Airbnb. Come puoi stare al sicuro?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Tre turisti sono morti per sospetto avvelenamento da monossido di carbonio in un Airbnb.  Come puoi stare al sicuro?

Tre turisti americani sono morti a ottobre mentre soggiornavano in un Airbnb città del Messicoapparentemente per avvelenamento da monossido di carbonio.

Ora, i loro familiari stanno sollecitando il noleggio a breve termine società a richiedere rilevatori nelle proprietà per prevenire future tragedie.

“Vogliamo fare pressione Airbnb per regolamentare e imporre rilevatori di monossido di carbonio in futuro”, afferma Jennifer Marshall, il cui figlio, Jordan Marshall, è stato una delle vittime. “È l’unico modo che ci viene in per onorare i nostri ”.

Una ingiusta è pianificato anche contro Airbnb e altri a seguito dell’incidente, secondo l’avvocato L. Chris Stewart dello studio Stewart Miller Simmons Trial Attorneys con sede ad Atlanta.

“Stiamo chiedendo ad Airbnb di imporre che tutti i loro annunci abbiano rilevatori”, afferma.

“Hanno creato divieti internazionali e nazionali feste, sulle armi, sulle telecamere. Potrebbero facilmente imporre anche rilevatori di monossido di carbonio”, continua. “Sanno che hanno ucciso persone nei loro affitti. Conosciamo almeno altri tre casi.»

Tuttavia, aggiunge Stewart, sono in attesa di informazioni dagli investigatori Messico determinare “tutti gli imputati” prima di intentare la causa.

Chi erano le vittime del sospetto avvelenamento da monossido di carbonio?

I tre viaggiatori morti il ​​30 ottobre erano Kandace Florence, 28 anni, di Virginia Beach, Virginia; la sua amica di lunga data, Jordan Marshall, 28 anni, anche lei di Virginia Beach ma insegnava a New Orleans; e Courtez Hall, 33, di Nuova Orleansche insegnò anche in città.

Hanno visitato il paese per Giorno della morte e alloggiavamo nella in una zona esclusiva di Città del Messico.

Secondo le notizie, Florence ha contattato il suo ragazzo negli per dire che si sentiva male, e lui ha contattato il suo host Airbnb per andare a controllarli. Le autorità in seguito hanno trovato tutti e tre i morti.

In una dichiarazione, Airbnb ha affermato di aver sospeso la quotazione e annullato le prenotazioni imminenti in attesa di un’indagine incidente.

“Questo è terribile tragedia e i nostri pensieri sono con le famiglie e i propri cari mentre soffrono per una perdita così inimmaginabile. La nostra priorità in questo momento è sostenere le persone colpite mentre le autorità indagano sull’accaduto e siamo pronti ad assistere le loro richieste in ogni modo possibile”, ha affermato la società.

Cosa fa Airbnb per prevenire l’avvelenamento da monossido di carbonio?

Airbnb afferma di non aver ancora confermato che l’esposizione al monossido di carbonio fosse responsabile del problema deceduti. Tuttavia, la società osserva che gestisce un programma globale che mette a disposizione degli host rilevatori gratuiti di fumo e monossido di carbonio, di cui finora ne sono stati ordinati più di 200.000.

Airbnb afferma che sta anche collaborando con i funzionari messicani per la promozione pratiche di sicurezza tra gli host e sta aggiornando il suo programma di rilevamento per accelerare le spedizioni nel paese.

Aggiunge che il sito consente ai potenziali ospiti di filtrare le loro ricerche di host che segnalano di avere rilevatori e contrassegna eventuali prenotazioni dove non ce ne sono.

Perché il monossido di carbonio è pericoloso?

Il monossido di carbonio non può essere visto, assaggiato, toccato o sentito, rendendo difficile il veleno senza l’ausilio di un dispositivo.

I sintomi di avvelenamento includono mal di testa, vertigini, mancanza di respiro, nausea, affaticamento, confusione e perdita di coscienza. Tuttavia, molte vittime non riconoscono i sintomi finché non è troppo tardi.

Le fonti comuni di monossido di carbonio sono i gas fornicaldaie, forni e caminetti.

Come puoi stare al sicuro in una casa vacanza a breve termine?

Jennifer Marshall dice che spera che la morte di suo figlio e dei suoi amici sia un… ammonimento per altri viaggiatori

“Vogliamo che le persone ripensino a come vanno in vacanza”, afferma Marshall. “Anche se non possiamo ottenere alcuna azione da Airbnb, il che sarebbe deludente, speriamo che questo porti consapevolezza a molti. Se non possiamo dipendere dalle aziende per dare la priorità alla sicurezza dei propri clienti, dobbiamo assicurarci di farlo per noi stessi”.

Freida Florence, la madre di Kandace, afferma che far luce sulle “carenze” di Airbnb è una priorità.

“Stiamo chiedendo alla gente di prendere Precauzioni,” lei dice. “Non obbligano né richiedono ai loro ospiti di garantire un rilevatore di monossido di carbonio, e dovrebbero. Farlo potrebbe davvero salvare delle vite. Non vogliamo che altre famiglie sperimentino ciò che abbiamo vissuto noi”.

Florence chiede inoltre alle persone di sollecitare i legislatori ad aiutare ad affrontare il problema. “Le nostre aziende ne sanno di più e dovrebbero fare di meglio”, afferma.

Quando cerchi una proprietà su Airbnb, puoi selezionare “Allarme monossido di carbonio” sotto i filtri “Sicurezza”.

Per testare il corretto funzionamento del rilevatore, controllare che la luce sia accesa e tenere premuto il pulsante di sull’allarme fino a quando non si sente un segnale acustico.

Molti rivelatori cinguettano quando la batteria sta per esaurirsi, ma batterie dovrebbe essere cambiato ogni sei mesi come misura precauzionale.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare