Vorresti un robot come amministratore delegato? L’azienda cinese è la prima a provare scommettendo sul “posto di lavoro del metaverso”

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Vorresti un robot come amministratore delegato?  L'azienda cinese è la prima a provare scommettendo sul "posto di lavoro del metaverso"

È lunedì mattina e sei a a prendere un caffè con il tuo nuovo capo, un robot virtuale alimentato dall’. Nel frattempo, il tuo clone digitale sta partecipando a un’altra riunione per tuo conto, prendendo appunti che rivedrai in seguito, ma in realtà stai lavorando dalla tua camera da letto a Rio de Janeiro.

Potrebbe sembrare uscito da un romanzo di , ma questo è il futuro del lavoro promesso dal metaverso e da NetDragon, un’azienda cinese che ha recentemente nominato un robot umanoide virtuale alimentato dall’intelligenza artificiale come CEO a rotazione della sua filiale di punta, Fujian NetDragon Websoft.

Il metaverso, spesso soprannominato la prossima versione di Internet, promette un mondo virtuale 3D in cui le persone entrano tramite visori di realtà virtuale (VR) e realtà aumentata (AR) per fare affari, uscire e giocare attraverso i loro avatar virtuali o ologrammi.

NetDragon Websoft, la società di gioco cinese che si è guadagnata una reputazione con giochi come Eudemons Online, Heroes Evolved, Conquer Online e Under Oath, sta scommettendo molto su questo nuovo mondo digitale e sulle relative tecnologie.

“Dal nostro punto di vista, il metaverso è qui per restare e un CEO di intelligenza artificiale fa parte del piano per entrare lì. Lo stiamo facendo davvero”, ha detto il vicepresidente dell’azienda, il dott. Simon Leung. ha detto alla CNBC nel mese di settembre.

La nomina di Tang Yu, il nome del CEO di robot virtuale guidato dall’intelligenza artificiale, “è una mossa per aprire la strada all’uso dell’intelligenza artificiale per trasformare la gestione aziendale e portare l’efficienza operativa a un nuovo livello”, ha affermato la società in un dichiarazioneaggiungendo che ha rappresentato un’importante pietra miliare” verso l’essere una “organizzazione del metaverso”.

Cosa farà esattamente Tang Yu?

La società ha affermato che il robot umanoide “semplificherà il flusso di processo, migliorerà la qualità delle attività lavorative e migliorerà la velocità di esecuzione”.

Tang Yu opererà anche come “un hub di dati in tempo reale e uno strumento analitico per supportare il processo decisionale razionale nelle operazioni quotidiane e consentire un sistema di gestione del rischio più efficace”.

Inoltre, “Tang Yu dovrebbe svolgere un ruolo fondamentale nello sviluppo dei talenti e garantire un ambiente di lavoro equo ed efficiente per tutti i ”.

“Faremo in modo che Tang Yu ci aiuti a gestire l’azienda, quindi potremo spostare le risorse che abbiamo per svolgere il suo lavoro in altri segmenti che ci aiuteranno a far crescere il business”, ha affermato Leung.

La dichiarazione non ha fornito dettagli sul fatto che Tang Yu avrebbe preso decisioni indipendenti come amministratore delegato o se il robot sarebbe stato supervisionato da un essere umano.

La società non ha risposto alla richiesta di commento di Euronews Next.

Il suo annuncio suggerisce i profondi cambiamenti che i nostri luoghi di lavoro potrebbero subire se e quando le aziende abbracciassero veramente il lavoro a distanza e il metaverso.

Come potrebbe essere il lavoro nel metaverso

Il posto di lavoro del metaverso potrebbe vederci lavorare da qualsiasi parte del mondo, grazie alla realtà aumentata e ai sensori di movimento che fanno agire i nostri avatar digitali come noi. Il nostro di lavoro potrebbe anche essere personalizzato in base alle nostre stranezze e preferenze.

Potenzialmente eliminerebbe la necessità di spazi e attrezzature per uffici fisici e la necessità di entrare in contatto faccia a faccia.

I colleghi che lavorano in posizioni geografiche separate potrebbero collaborare come se fossero fisicamente nella stessa stanza, con funzionalità come lavagne interattive digitali per il brainstorming.

Quest’anno, ha iniziato a implementare Mesh, un sistema per riunioni di realtà virtuale aumentata che sarà integrato in Teams.

Secondo Gartner, la società di consulenza internazionale, entro il 2026 un quarto della popolazione trascorrerà almeno un’ora al giorno nel metaverso, che si tratti di lavoro, shopping, socializzazione o svago.

Osborne Clarke, uno studio legale internazionale che fornisce servizi su tutte le questioni legali, inclusi problemi di occupazione, protezione dei dati e lavoro ibrido, ha pubblicato un rapporto sul metaverso nel 2021. Dice che sta già aiutando le aziende a pianificare questo nuovo mondo coraggioso.

“I nostri clienti a volte hanno problemi di lavoro e noi li aiutiamo a superarli, ma stiamo anche lavorando con loro per prevedere quali saranno i problemi nei prossimi sei mesi, nei prossimi 12 mesi, per loro”, Olivia Sinfield, partner di Osborne Clarke, ha detto a Euronews.

“Con qualcosa come il metaverso, è davvero fondamentale che stiano iniziando a pianificare e prepararsi per questo ora, motivo per cui dobbiamo essere al top in modo da poter avere queste conversazioni con i nostri clienti”.

I rischi per la salute del luogo di lavoro del metaverso

Nonostante i potenziali benefici che lo spazio di lavoro del metaverso può offrire, come la possibilità di scegliere dove vivere più liberamente, ridurre i costi di viaggio e quasi eliminare la necessità di uffici fisici, sorge una preoccupazione: ci farà bene?

L’ufficio europeo dell’Organizzazione mondiale della sanità ha già avvertito il metaverso potrebbe comportare rischi per la .

“Trascorrere più tempo online connessi al metaverso con i gadget può ridurre i livelli di attività fisica e offrire agli inserzionisti molti più modi per promuovere prodotti malsani come spazzatura, tabacco o alcol”, il dott. Prevenzione e controllo delle malattie non trasmissibili, detto in un comunicato all’inizio di quest’anno.

Ma le implicazioni per la salute potrebbero essere molto più profonde della riduzione dell’attività fisica e dell’esposizione a pubblicità malsana.

Il comportamento sociale umano è importante per la nostra salute e sopravvivenza, e la ricerca mostra i disturbi psichiatrici spesso implicano una certa interruzione del normale comportamento sociale. Questo perché siamo creature sociali: è nel nostro e i nostri ormoni sono progettati per stimolare l’impegno sociale.

La pandemia di coronavirus ha già evidenziato i rischi di una minore interazione faccia a faccia, così come l’ascesa dei .

Molti studi hanno avvertito che l’uso eccessivo di piattaforme come Facebook, Instagram e TikTok potrebbe causare sintomi di depressione, dipendenza, solitudine e ansia.

Siamo stati anche allertati su come il lavoro a distanza aggravi l’isolamento.

Un sondaggio paneuropeo condotto a settembre da LifeWorks, una società di servizi per il benessere, ha rilevato che il 39% dei lavoratori intervistati era ad alto rischio di problemi di salute mentale. Quasi un terzo degli intervistati ha riferito di sentirsi spesso solo.

“Possiamo effettuare transazioni in queste chiamate Zoom di 20 minuti e poi andare avanti. Ma questo non crea un senso di appartenenza”, Paula Allen, leader globale della ricerca di LifeWorks ha detto a Euronews Next all’inizio di quest’anno.

Uno studio separato condotto da ricercatori della Boston University e dell’Università di Canterbury ha scoperto che i dipendenti più soli erano quelli che lavoravano da casa.

Ma il metaverso si presenta come un ibrido tra lavorare da casa e lavorare in ufficio: non è del tutto remoto, né tanto meno presente.

Depersonalizzazione e ansia

Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere le potenziali implicazioni per la salute del lavoro nel metaverso, ma alcuni studi evidenziano altri possibili rischi.

Un 2010 studio trovato che le persone avevano maggiori probabilità di sperimentare un aumento dei sentimenti dissociativi, noto anche come disturbo di depersonalizzazione-derealizzazione, a seguito di un’immersione VR.

Questo disturbo è caratterizzato dalla sensazione di essere disconnessi dal nostro corpo e dai nostri pensieri e può portare a gravi attacchi di ansia e panico.

Alcuni utenti VR su Reddit hanno segnalato di sentirsi male dopo sessioni VR prolungate: “È quasi come una piccola sbornia, a seconda dell’intensità della tua esperienza VR (…) [But the physical symptoms] di solito svaniscono entro le prime 1-2 ore e migliorano nel tempo”.

Su una nota più positiva, altri studi suggeriscono che il lavoro nel metaverso “può alleviare l’affaticamento dello schermo e i problemi di salute mentale associati all’isolamento del lavoro a distanza”, secondo Sinfield di Osborne Clarke e il suo collega Alex Farrell-Thomas.

“L’interazione nel metaverso è più simile alla connessione umana che sperimentiamo lavorando e collaborando di persona”, hanno scritto sul sito web delle risorse umane Personale oggi.

“I datori di lavoro hanno il dovere di prendersi cura della salute e del benessere dei propri dipendenti e in particolare ora dopo il COVID”, ha detto Sinfield a Euronews Next.

“Dovranno essere in grado di rassicurare i dipendenti prima che si aspettino che smettano di lavorare in questo modo”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare