Desideri il tempo nella natura ma ami i comfort della tua creatura? Questa tendenza di viaggio è per te

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Desideri il tempo nella natura ma ami i comfort della tua creatura?  Questa tendenza di viaggio è per te

Maglione vanlifehutlife sta guidando le tendenze di viaggio del 2023.

Un bisogno di immersione nato dalla natura sta portando molti viaggiatori a prendere le distanze dagli hotel congestionati a favore di capanne e baite rurali.

Questi ritiri più piccoli attingono al fascino estetico della “vanlife” e delle minuscole case, ma non sono tutti i buchi degli hobbit e le fughe scollegate.

Un tempo appannaggio di escursionisti e viaggiatori a basso costo, capanna e alle sistemazioni in cabina viene data una nuova prospettiva di vita per offrire comfort, praticità e persino servizi di .

Quando arriverà il 2023, aspettati di trovare qualcosa di più di cabine minimaliste e umili capanne che spuntano nel vasto spazio all’aperto.

I ritiri in cabina consentono ai viaggiatori di staccarsi dalla folla

Il desiderio di uscire allo scoperto non è mai stato così grande. Dopo periodi prolungati al chiuso durante il pandemia, le vacanze in città hanno perso il loro fascino e hanno preso il loro posto i ritiri nella natura. Ma le destinazioni popolari stanno risentendo della tensione.

Il National Park Service degli Stati Uniti ha registrato quasi 13 milioni di pernottamenti nei suoi oltre 400 parchi nel 2021 e 11 parchi nazionali ha registrato più di cinque milioni di visite ricreative, un numero quasi doppio rispetto a quello del 2020 e pari a quello del 2019.

Per combattere la folla, alcuni fornitori di alloggi offrono fughe più appartate a pochi passi da questi popolari ritiri della natura.

“Mentre il Parco Nazionale di Yellowstone può diventare certamente affollato a volte, la maggior parte dei viaggiatori è sorpresa dalla serenità e dall’atmosfera poco affollata della nostra posizione off-grid “, afferma Jon Hooke, vicepresidente delle operazioni per Tammah, una società di nordamericana.

Tammah è nuovo glamping le sistemazioni vicino all’ingresso di Yellowstone sono completamente fuori rete, costruite per conformarsi alla topografia e alla vegetazione che circonda ogni suite tendata. Il loro approccio a basso impatto è supportato dall’uso di energia solare e riseminando il terreno ogni anno per mantenere la vegetazione autoctona.

“I viaggiatori stanno diventando sempre più consapevoli dell’impatto che il loro viaggio ha sul quindi intraprendere per ridurre al minimo l’impatto può davvero essere una vittoria per un’, per i viaggiatori e per l’ambiente”, afferma Jon.

Più a nord, la società canadese Cabinscape sta realizzando le proprie cabine nella natura selvaggia dell’Ontario. Attualmente offre una dozzina di abitazioni a basso impatto, molte accessibili solo da racchette da neve o ATV/motoslitta, a seconda della stagione.

Le capanne di lusso ampliano il fascino delle fughe nella natura

I soggiorni in capanne e baite attingono al desiderio di una connessione naturale, abbattendo i confini fisici e avvicinando le persone al all’aperto. Ma non tutti vogliono fare i conti con bagni all’aperto e brandine.

In Vallese, Svizzerai tradizionali rifugi per escursionisti vengono aggiornati con strutture più confortevoli in risposta a un picco di prenotazioni da parte di utenti non tradizionali dopo la pandemia.

Punteggiato da stazioni sciistiche di fascia alta, il cantone delle Alpi svizzere ha storicamente soddisfatto i viaggiatori più facoltosi. Mentre si staccano dal solito lusso alberghi, un progetto pilota del 2022 sta anche attingendo al desiderio di alloggi fuori rete unici costruendo una capanna pop-up remota e lussuosa. Ogni stagione, l’esclusiva capanna si sposterà tra impressionanti montagna luoghi.

Paesi e aziende stanno investendo in alloggi in cabine ecologiche

Paesi come Nuova Zelanda sono già ben posizionati per abbracciare la tendenza hutlife. Il loro dipartimento di da solo gestisce quasi 1.000 capanne nelle isole del nord e del sud. Questi vanno da rifugi di base con servizi limitati che sono gratuiti a capanne Great Walk più confortevoli che dispongono di illuminazione solare, materassi e guardiani della capanna, a un prezzo ragionevole.

In Australianel frattempo, una rete di oltre 70 vacanza a distanza cabine sarà completato nel 2023. Il progetto da 7,85 milioni di dollari australiani (5 milioni di euro) è una partnership tra la compagnia turistica Intrepid e CABN, una società australiana specializzata nella costruzione e nel noleggio sostenibile, alloggio fuori rete. Le capanne sono classificate in diverse categorie, che vanno dal “minimalista” al “lusso sostenibile”.

Il progetto di CABN mira a soddisfare una crescente domanda di viaggiare. Invece di essere stipati negli spazi comuni degli hotel, l’esperienza della capanna/cabina consente ai viaggiatori di muoversi liberamente tra i loro letti e l’ambiente naturale.

I loro costruzione i metodi minimizzano anche il disturbo ambientale.

“Ogni cabina è costruita prevalentemente con prodotti di provenienza locale e sostenibile materiali e richiede un’infrastruttura minima con una filosofia ‘non lasciare traccia’”, afferma Intrepid della sua partnership CABN. “Il loro design unico consente agli ospiti di immergersi nella natura incoraggiandoli disconnessione dalla vita di tutti i giorni.”

L’azienda sta già esaminando “progetti in stile rifugio multi cabina” per sviluppare l’ecoturismo in paesaggi naturali poco disturbati Australiatra cui Myponga Reservoir sulla Fleurieu Peninsula e Cedars a Hahndorf – entrambi nel South Australia – e Cooloola Great Walk sulla Fraser Coast nel Queensland.

Man mano che l’infrastruttura di cabina cresce, portando nuove località, demografici ed esperienze, è probabile che questa tendenza continui ben oltre il 2023.

La tendenza dei viaggi hutlife è esplorata in modo più dettagliato in Expedia e Euronews Travel’s 2023 Rapporto sulle tendenze.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare