Il gioco potrebbe rappresentare un “serio rischio” per i giovani con problemi cardiaci non diagnosticati

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Il gioco potrebbe rappresentare un "serio rischio" per i giovani con problemi cardiaci non diagnosticati

È ben noto all’interno dello sport competitivo che i concorrenti con patologie cardiache sottostanti potrebbero essere a rischio di battiti cardiaci irregolari potenzialmente letali, chiamati aritmie cardiache.

In molte discipline ci sono test per queste condizioni e, in alcuni casi, coloro che si trovano ad averle non sono in grado di continuare a gareggiare.

Ora i ricercatori avvertono che potrebbero esserci rischi simili per i giovani con patologie pregresse che giocano ai giochi per computer, sia in modo competitivo che per svago.

In un rapporto sulla rivista Heart Rhythm, i ricercatori avvertono che il gioco potrebbe rappresentare un “serio rischio” per i bambini con patologie preesistenti e potrebbe anche essere letale.

Hanno fatto una revisione sistematica degli studi e della letteratura medica per trovare casi di bambini che avevano perso improvvisamente conoscenza mentre giocavano al computer.

La perdita di coscienza può essere un segnale di avvertimento prima o anche in concomitanza con un grave evento cardiaco.

I ricercatori hanno affermato che la base di questo fenomeno è attribuita alla stimolazione adrenergica dovuta all’ di gioco elettronico emotivamente carico. In altre parole, il sistema nervoso del corpo diventa sovrastimolato.

Tra i 22 casi che hanno trovato, il gioco di multiplayer è stato il fattore scatenante più frequente di questa perdita di coscienza.

Quattro dei 22 casi hanno provocato la improvvisa e gli eventi medici riportati in tutti i casi includevano palpitazioni cardiache, svenimento con un successivo ritorno alla coscienza, attacchi di e dolori al petto.

Ad alcuni bambini sono state successivamente diagnosticate condizioni del ritmo cardiaco.

“I possono rappresentare un serio rischio per alcuni bambini con condizioni aritmiche; potrebbero essere letali nei pazienti con condizioni aritmiche predisponenti, ma spesso non riconosciute in precedenza”, ha spiegato la ricercatrice principale Claire Lawley, del The Heart Center for Children presso il Sydney Children’s Hospitals Network in Australia.

“I bambini che perdono improvvisamente conoscenza durante i giochi elettronici dovrebbero essere valutati da un cardiologo in quanto questo potrebbe essere il primo segno di un grave problema cardiaco”.

I videogiochi non sono più un’alternativa sicura?

Gli autori dello studio avvertono che per i bambini con patologie cardiache sottostanti, i giochi per computer potrebbero non essere l’alternativa sicura agli sport fisici che si pensava fossero in precedenza.

“Sappiamo già che alcuni bambini hanno problemi cardiaci che possono metterli a rischio quando praticano sport agonistici, ma siamo rimasti scioccati nello scoprire che alcuni pazienti hanno avuto blackout pericolosi per la durante i videogiochi”, ha affermato il co-investigatore Christian Turner, anche lui di Il centro del cuore per i bambini.

“I videogiochi erano qualcosa che in precedenza pensavo sarebbe stata un'”attività sicura” alternativa. Questa è una scoperta davvero importante. Dobbiamo assicurarci che tutti sappiano quanto sia importante essere controllati quando qualcuno ha avuto un episodio di black out in queste circostanze”.

In un editoriale di accompagnamento sulla rivista Heart Rhythm, gli autori notano che c’è stata una “notevole crescita nei giochi elettronici” negli ultimi 20 anni, con il globale degli eSport valutato a $ 1,38 miliardi (€ 1,42 miliardi).

Sostengono che mentre molti giochi sono classificati attività “sedentarie”, in contrapposizione ad attività “attive” come l’esercizio, la “distinzione è complicata dal fatto che alcuni giochi destinati a essere giocati in una posizione sedentaria, come gli sparatutto in prima persona , hanno dimostrato di elevare la frequenza cardiaca negli adulti a una di 80 bpm sopra la linea di base”.

Con le principali competizioni ospitate in arene esaurite con fan, commentatori e spettacoli coordinati di luci e pirotecnici, affermano che i giocatori di livello d’élite dovrebbero essere inclusi nei futuri programmi di screening volti a identificare gli atleti a rischio di pericolosi battiti cardiaci irregolari.

“Siamo d’accordo sul fatto che una guida su come giocare a giochi di guerra o altri eSport dovrebbe essere fornita ai genitori con un che ha una condizione proaritmica nota, in particolare quelle condizioni che sono inducibili dallo stress o dall’esercizio”, hanno scritto.

“Sebbene l’adeguatezza di tali programmi di screening sia al di fuori dell’ambito di questo studio, suggerisce certamente che i concorrenti di eSports dovrebbero essere trattati in modo simile agli atleti tradizionali per quanto riguarda la stratificazione del rischio di morte improvvisa”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare