“Guarda Euronews, non Russia Today”, ha esortato Olena Zelenska a scoprire la verità sulla guerra in Ucraina

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
"Guarda Euronews, non Russia Today", ha esortato Olena Zelenska a scoprire la verità sulla guerra in Ucraina

La first lady ucraina ha esortato i russi a guardare Euronews e non Russia Today, parlando della disinformazione diffusa sulla e della necessità che la verità venga mostrata.

“È molto difficile per noi parlare con la Russia. Guarda Euronews, non guardare Russia Today o non guardare il primo canale Rossiza. Questo è il primo verso la guarigione”, ha detto Olena Zelenska a Euronews Next in una conferenza stampa al Web Summit di Lisbona.

La first lady ha anche affermato che le società di social media non dovrebbero nascondere i contenuti delle vittime della guerra in Ucraina come contenuti sensibili.

“Ho affisso la fotografia di una ragazza che è stata uccisa da un bombardamento, la ragazza che conoscevo con una carrozzina rosa”, ha detto.

“Ed è stato nascosto dai social media come contenuto sensibile. Penso che sia sbagliato. Non cercare di rifuggire da questo perché questa è la verità. E il mondo dovrebbe conoscere la verità”.

Zelenska ha aggiunto di non aver parlato con Facebook o di contenuti nascosti, ma ha detto: “Penso che al momento possiamo vedere i doppi standard quando parliamo. Parlano dei valori morali di ciò che deve essere nascosto e di ciò che è sensibile”.

Opera della Fondazione Olena Zelenska

La first lady ha parlato per evidenziare il della Fondazione Olena Zelenska, un’organizzazione benefica che ha lanciato a settembre con l’obiettivo di aiutare gli ucraini a sentirsi mentalmente e fisicamente sani e in grado di costruire un futuro nel loro paese d’origine sulla scia dell’invasione russa.

Mentre in un precedente discorso di martedì aveva avvertito i partecipanti al Web Summit che la tecnologia veniva utilizzata attivamente per l’uccisione di civili, ha anche evidenziato come le sue fondamenta venissero utilizzate per il bene.

“Ci sono numerose opzioni su come possiamo aiutare e utilizzare la tecnologia per sempre”, ha affermato, aggiungendo che uno dei progetti principali della fondazione è la protesi.

“Noi, purtroppo, abbiamo decine di bambini che hanno perso gli arti a causa delle esplosioni, si sa, causate dalle mine”.

Zelenska ha affermato che molte operazioni per protesi sono state eseguite negli , aggiungendo di sperare che la sua fondazione sarà in grado di finanziare protesi bioniche da utilizzare in quell’Ucraina che consentirebbero alla di controllare l’arto artificiale.

“Ci auguriamo che con l’aiuto della fondazione, queste operazioni possano essere organizzate meglio e possiamo averne di più”, ha affermato.

Un altro modo in cui la tecnologia sta aiutando i feriti è attraverso gli apparecchi acustici. Zelenska ha affermato che molti hanno perso l’udito a causa di shock da proiettile e la fondazione ha molti partner che forniscono apparecchi acustici speciali.

Un altro problema che le sta a è la mentale dell’Ucraina. La first lady ha fondato un programma nazionale per fornire supporto psicologico.

Affrontare i traumi causati dalla guerra

“Abbiamo creato un campo; non solo un semplice campo, ma un campo per bambini con diversi livelli di disturbo da stress post-traumatico e diversi livelli di trauma. E le storie che ho sentito da questi bambini sono orrende”, ha detto.

“A partire da un ragazzo che ha dovuto seppellire la madre con le proprie mani a quattro fratelli che hanno visto i genitori uccisi davanti ai loro occhi ad un ragazzo che è venuto al campo e non poteva parlare”.

Ha detto che la è stata chiamata in un cortile e ha affrontato un ” plotone di esecuzione russo e gli è stato detto di dirsi addio”.

Ha detto che i russi hanno sparato proiettili in aria. I quattro bambini sono nel centro di accoglienza e in 20 giorni sono “tornati in vita” dopo aver lavorato con gli psicologi.

Ma Zelenska ha notato che si trattava solo di bambini che venivano curati, ma c’è un’altra massiccia demografia.

“Parliamo di altre persone vulnerabili. Parliamo dei pensionati. Parliamo dei disabili, dei reduci. E ovviamente la richiesta sarà massiccia”.

Ha detto che la fondazione diventerà più importante con l’avvicinarsi dell’ in mezzo ai blackout energetici causati dagli russi.

“Questo è un obiettivo russo per assicurarsi che le persone soffrano non solo per la paura, ma anche per il freddo e l’oscurità”, ha detto.

Ha esortato il mondo a continuare a sostenere l’Ucraina anche quando la guerra sta entrando nel suo ottavo mese.

“Comprendiamo che le persone si stanno stancando molto. Ma puoi solo immaginare quanto siano stanchi gli ucraini. E quando parliamo di questa cosa della fatica, vorrei dire che è se ci arrendiamo a questa fatica o ci arrendiamo a questa fatica , ci arrenderemo, fine della storia completamente”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare