Viaggiare in modo sostenibile non basta: ecco perché è tempo di restituire i luoghi che visitiamo

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Viaggiare in modo sostenibile non basta: ecco perché è tempo di restituire i luoghi che visitiamo

I viaggi sostenibili stanno finalmente diventando mainstream – e con un nuovo invito ’azione: il turismo rigenerativo.

, ondate di calore, incendi boschivi e siccità hanno messo l’ambiente al primo posto nel 2022. Allo stesso tempo, i viaggiatori sono desiderosi di riconnettersi con uscendo dalla . Quindi, come possiamo farlo senza diventare parte del problema?

Nel Rapporto sui viaggi sostenibili 2022 di Booking.com, che ha intervistato 30.000 viaggiatori in tutto il mondo in 32 paesi, il 42% ha affermato che le recenti su cambiamento climatico li aveva influenzati a fare scelte di viaggio più sostenibili. Più della metà (57%) ha dichiarato di voler viaggiare di più sostenibile nei prossimi 12 mesi.

Questo desiderio crescente di fare di più viaggio sostenibile le scelte urlano opportunità e le compagnie di viaggio stanno iniziando a prenderne atto. Tuttavia, ridurre semplicemente il consumo di e abbandonare la plastica monouso non è sufficiente.

Nel 2023, l’industria del turismo deve trovare il modo di farlo conserva, proteggere e rigenerare in modo proattivo le destinazioni che serve. Ecco come funzionano i viaggi rigenerativi.

Cos’è il viaggio rigenerativo?

Invece turismo sostenibile potrebbe mirare a pratiche a emissioni zero, rigenerativo riprese di viaggio per carbonio negativo. Ciò significa investire in soluzioni che rimuovono o compensano più carbonio di quello che emettono.

UN albergo sostenibile potrebbe limitare la sua produzione di carbonio utilizzando l’energia solare o incoraggiando i viaggi in EV. Ma uno rigenerativo andrà a beneficio dell’ambiente in modo proattivo, ad esempio rimuovendo ulteriori carbonio dall’atmosfera.

Il turismo rigenerativo prevede anche investimenti in progetti che miglioreranno il ambientepiuttosto che ripristinarlo come è stato trovato.

Il passo verso la rigenerazione della biodiversità – piantagione di alberi, il ripristino dell’habitat e altri investimenti nella natura – sta guadagnando slancio. Più di 100 paesi hanno ora aderito al ‘30×30‘ patto per proteggere almeno il 30 per cento della terra e del entro il 2030.

Sia le compagnie di viaggio che le destinazioni si stanno rendendo conto che possono aiutare in questa missione. Nuova Zelanda, ad esempio, è un pioniere dei viaggi rigenerativi. Durante la pandemia, il paese ha annunciato l’intenzione di farlo decarbonizzare turismo ripristinando i paesaggi danneggiati dal calpestio e incentivando veicolo elettrico utilizzo.

Giro d’avventura l’operatore Exodus Travels è all’avanguardia nella sfera commerciale con il suo impegno a diventare “nature net positive” entro il 2024. Il fiore all’occhiello è un enorme rewilding progetto sull’Appennino italiano, finanziato in parte da prenotazioni di viaggi, che ha il potenziale per rimuovere circa 1.500 tonnellate di carbonio dall’atmosfera ogni anno.

Quindi, come si pianifica un responsabile per l’ambiente viaggio?

Gli agenti di viaggio ecologici e la compensazione del carbonio aprono la strada a viaggi rigenerativi

“Il turismo rigenerativo è un elemento di sostenibilità”, afferma Nelly O Gedeon, fondatrice e CEO dell’app di viaggi ecologici Wayaj. Attraverso l’app, i viaggiatori possono esplorare e prenotare esperienze e hotel sostenibili e socialmente responsabili in tutto il mondo.

Gli hotel ricevono un ‘sostenibilità rating’ basato su sette fattori: materiali, supporto alla comunità, gestione, consumo di acqua ed energia, gestione dei rifiuti e ambiente interno.

“Ciò di cui abbiamo bisogno è che più partecipanti – viaggiatori e fornitori di viaggi – diventino più consapevoli, comprendano e apprezzino l’importanza di questo settore in modo che possano svolgere un ruolo maggiore nell’abbracciare sostenibile [and] turismo rigenerativo”.

Wayaj non riunisce solo operatori responsabili in un unico posto. Ti consente di calcolare l’impronta di carbonio del tuo viaggio e acquisto compensazioni di carbonio per neutralizzare il tuo impatto ambientale.

Il tuo contributo aggiuntivo viene investito in progetti ambientali come la riforestazione in , la generazione di energia pulita in Thailandia e la riduzione dei gas serra emissioni in Malawi.

“Ciò che vorremmo vedere sono più persone che abbracciano il potere di calcolare il impronta ecologica dei loro viaggi e compensare come un modo per aiutare a combattere il cambiamento climatico”.

Anche alcuni operatori di offrono la compensazione del carbonio al momento dell’acquisto. Tuttavia, ciò non annulla la necessità di ridurre le emissioni e dovresti comunque cercare alternative a basse emissioni di carbonio al volo come viaggio in treno e veicoli elettrici.

Quali hotel abbracceranno il turismo rigenerativo nel 2023?

Gli hotel di tutto il mondo hanno già iniziato ad apportare cambiamenti sostenibili, da semplici atti come richiedere agli ospiti di riutilizzare gli asciugamani a pratiche più elaborate come l’installazione in loco fattorie solari. Nel 2023, le build carbon negative e circolare la creazione sarà in cima all’agenda.

Il Crowne Plaza Copenhagen Towers, ad esempio, sta già girando prodotti di scarto in nuove risorse, creando nel frattempo posti di lavoro nella produzione locale. I suoi pavimenti sono fatti di gomma e cemento riciclati, i suoi pannelli acustici del controsoffitto da bottiglie in PET e i suoi pozzi di ventilazione sono ricoperti da vele scartate.

Il primo hotel carbon negativo degli Stati Uniti, Populus, aprirà a Denver, in Colorado, alla fine del 2023. Saranno piantati oltre 2.000 ettari di foresta per compensare l’impronta di carbonio dell’hotel e rimuovere ulteriori CO2 dall’atmosfera.

L’hype sta crescendo per l’apertura di Six Senses Svart nel 2024, che prevede di raccogliere tutto da solo energia solare in una zona selvaggia della Norvegia artica.

Nel dicembre 2022 si terrà a Montreal, in Canada, la Conferenza delle Nazioni Unite sulla biodiversità (COP15), la più grande conferenza sulla biodiversità degli ultimi dieci anni. Questo dovrebbe servire solo a ispirare ulteriormente il settore turistico.

La prossima iterazione di ecoturismo espanderà la prospettiva “scatta solo foto, lascia solo ricordi”. Aspettati che i viaggiatori insistano carbonio negativo e viaggi di protezione della natura nel 2023.

Dopo un anno in cui il emergenza climatica è diventata una notizia da prima pagina, non sarà più sufficiente per le aziende di viaggio mirare semplicemente a ridurre al minimo il proprio impatto sull’ambiente. Tour operator, enti di destinazione e hotel avranno il compito di riparare attivamente, restaurare e investire nella natura.

La tendenza dei viaggi rigenerativi è esplorata più in dettaglio in Expedia ed Euronews Travel 2023 Rapporto di tendenza.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare