La NATO ripone le sue speranze sulle nuove tecnologie per affrontare la guerra in Ucraina, la sicurezza informatica e il cambiamento climatico

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
La NATO ripone le sue speranze sulle nuove tecnologie per affrontare la guerra in Ucraina, la sicurezza informatica e il cambiamento climatico

La ha mostrato la sua ferma determinazione ad aiutare L’Ucraina si difende dall’invasione russa ma garantire che disponga delle ultime tecnologie per affrontare il rappresenta un’altra sfida per l’alleanza delle 30 nazioni.

“Ora ci troviamo di fronte a un’invasione russa dell’Ucraina, quindi un conflitto su larga scala sul suolo europeo che molti avrebbero ritenuto impensabile alcuni anni fa”, ha detto a Euronews David van Weel, Segretario generale aggiunto della NATO per le sfide alla sicurezza emergente Prossimo.

“Va solo a dimostrare che dobbiamo prepararci a tutto”.

Una delle grandi minacce immediate è attacchi informaticiche secondo van Weel sono diventati una parte importante dei combattimenti in Ucraina.

La guerra è stata combattuta con bombe e byte con la Russia che ha lanciato attacchi informatici all’Ucraina prima che gli stivali invadessero il paese il 24 febbraio, con attacchi ancora in corso alle infrastrutture critiche.

Il modo migliore per difendersi da loro è essere resilienti, ha consigliato van Weel.

“Assicurati che qualsiasi attacco possa essere respinto presto e che il sistema non venga colpito in modo molto serio. Alla NATO, lavoriamo su questa resilienza e aiutiamo gli alleati ad aumentare tale resilienza allo stesso tempo, dobbiamo rispondere agli attacchi che vediamo accadere”, ha affermato.

La tecnologia sta ora giocando un ruolo sostanziale nella guerrache secondo van Weel cambia il suo carattere.

“L’innovazione cambia la natura della guerra e devi adattarti sia come difensore che come attaccante. Devi adattarti a queste nuove tecnologie”, ha detto.

Al momento, la Russia sta utilizzando un gran numero di droni iraniani per attaccare le infrastrutture civili in Ucraina, ha affermato, il che significa che la NATO deve aiutare l’Ucraina a difendersi da una nuova minaccia.

“È un continuo di adottare per distrarre e quindi assicurarsi di avere nuove soluzioni tecnologiche e innovative per contrastare questa minaccia”, ha detto van Weel a Euronews Next.

In che modo la NATO utilizza la tecnologia?

Per fare ciò, l’alleanza ha due iniziative: il Defense Innovation Accelerator for the North Atlantic (DIANA) e il NATO Innovation Fund, un fondo di capitale di rischio. Entrambi si concentrano sul portare nelle forze armate soluzioni a duplice uso della tecnologia profonda.

Oltre alla tecnologia profonda, la NATO considera cruciale anche l’intelligenza artificiale (AI), l’uso dei Big Data e l’uso di veicoli autonomi, aerei o navi. Il calcolo quantistico sarà la prossima tecnologia che la NATO affronterà.

Ma la chiave di tutte queste tecnologie, ha affermato van Weel, sono le start-up in modo che l’alleanza possa “assicurarsi di avere le tecnologie più innovative a nostra disposizione per difendere il nostro miliardo di cittadini”.

Tuttavia, la sfida principale è avere una migliore comunicazione con gli innovatori.

“Molte volte i militari non sanno quali sono le nuove tecnologie dietro l’angolo e molti innovatori non sanno cosa è necessario in un contesto militare”, ha affermato, aggiungendo che colmare il divario è la prima priorità della NATO .

Il secondo è mettere rapidamente in gioco queste nuove tecnologie.

“Le organizzazioni della difesa e i governi, in generale, non sono famosi per avere processi di approvvigionamento veloci”, ha affermato.

“La nostra sfida è davvero assicurarci di avere un modo praticabile e agile di comunicare con gli innovatori e introdurre nuove tecnologie a una velocità adeguata”.

La lotta al cambiamento climatico

Ma la guerra non è l’unica minaccia per l’alleanza.

Mentre i leader mondiali si incontrano in Egitto per il Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP27)van Weel ha anche messo in guardia sulla minaccia immediata del cambiamento climatico.

Ha detto che causerà più disastri naturali, più migrazioni e più scarsità di e acqua oltre che di .

“Ora vediamo in quanto sia fondamentale disporre della nostra sicurezza energetica e che possiamo effettivamente superare l’ in modo decente”, ha affermato.

“Quindi, il numero di sfide è molto più grande della tradizionale minaccia militare e poiché un’organizzazione di sicurezza la NATO si prepara a questo”.

L’organizzazione ha un piano d’azione per affrontare la crescente minaccia.

La prima parte è la consapevolezza e la conoscenza di ciò che sta accadendo, come l’apertura della rotta del del Nord quando il ghiaccio si ritira o il prosciugamento della regione del Sahel e come ciò potrebbe avere un impatto su cibo, acqua e .

La seconda parte riguarda la comprensione e l’adattamento al modo in cui il cambiamento climatico sta influenzando le basi e i soldati della NATO poiché le temperature estreme indicano che alcuni soldati stanno lavorando a temperature di 50 gradi centigradi, mentre le basi militari potrebbero anche essere allagate.

Essere parte della soluzione è la parte finale.

“Man mano che la società si allontana dai , le forze armate non rimarranno indietro. E dobbiamo pensare a quella transizione”, ha detto van Weel.

“Siamo anche parte della soluzione e siamo durevoli per il futuro a venire”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare