Sovraccarico di lavoro e schiacciato dall’inflazione: incontra gli europei che svolgono più lavori per pagare i conti

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Sovraccarico di lavoro e schiacciato dall'inflazione: incontra gli europei che svolgono più lavori per pagare i conti

Con l’aumento dell’inflazione in tutta e oltre, un numero crescente di lavoratori sta assumendo nuovi posti di lavoro per combattere la crisi del costo della vita.

Una nuova ricerca della società di sondaggi online Qualtrics mostra che quasi la metà dei dipendenti del Regno Unito ha già cercato o sta pianificando di cercare un secondo flusso di reddito e il 77% sta valutando la possibilità di fare straordinari o turni extra per pagare le bollette.

Altri paesi europei stanno vedendo tendenze simili: il 30 per cento dei lavoratori intervistati in Germania e il 22 per cento di quelli in Francia sta valutando la possibilità di accettare un secondo lavoro. Circa un quarto è alla ricerca di un ruolo meglio retribuito.

L’inflazione è adesso in doppia cifra nel Regno Unito (10,1%) e in più della metà dei paesi della zona euro, tra cui Germania (11,6%), Belgio (13,1%) e Paesi Bassi (16,8%).

Con l’aumento dei prezzi del gas e dell’, molti lavoratori lo sono considerando di tornare a tempo pieno in ufficio per tenere a bada le bollette dell’energia domestica.

Ma il 45% dei dipendenti con sede in Europa afferma che il proprio datore di lavoro li sta effettivamente incoraggiando a lavorare da casa per risparmiare sulle bollette dell’elettricità e del riscaldamento dell’ufficio, secondo uno studio separato di SAP Concur, una società di servizi di gestione dei viaggi e delle spese.

Euronews Next ha contattato i lavoratori che hanno assunto più lavori per sbarcare il lunario. Hanno chiesto di non essere identificati con i loro veri nomi.

In che modo la crisi del costo della vita incide sui lavoratori reali?

Madeleine, 40 anni, lavora a tempo pieno in un ruolo di alto livello come responsabile di ufficio a Birmingham, in Inghilterra. Di recente, ha svolto i turni del fine settimana in un ruolo di amministratore presso il suo centro di giardinaggio locale per guadagnare qualche soldo extra.

“Sono nella mia azienda da oltre 20 anni. È un lavoro ben pagato, molti vantaggi, persone amichevoli e amo il lavoro.

“Ma io sono proprietario di una casa e il modo in cui le bollette sono aumentate negli ultimi mesi, mi lascia pochissima scelta se voglio tenere il passo con il mio mutuo, luce e gas, andare al lavoro, e costo della vita.

“Il mio non negoziabile sono le mie vacanze. Niente di speciale, ma quando ho del tempo libero amo visitare posti nuovi e avrei il cuore spezzato se fosse qualcosa che dovessi sacrificare. Questo è ciò che mi mantiene motivato durante la mia nuova settimana lavorativa di sei giorni!”

Lottando per pagare l’affitto

Ricerche recenti di assicuratore Royal London ha scoperto che 5,2 milioni di lavoratori nel Regno Unito hanno già assunto un lavoro aggiuntivo per combattere l’aumento del costo della vita – e altri 10 milioni stanno cercando di seguire l’esempio mentre entriamo nei mesi invernali.

Casey, 27 anni, lavora nei e ha assunto posizioni di freelance insieme al loro lavoro a tempo pieno a .

“Ad essere onesti, penso che questo settore sia comunque sottopagato. Ma è anche molto competitivo e sei molto sostituibile come lavoratore.

“Vado contro il mio contratto assumendo questi ruoli extra, ma alla fine è quello che devo fare se ho intenzione di permettermi di vivere a Londra in modo da poter svolgere il mio lavoro quotidiano a pieno regime.

“Ho ancora del tempo libero, come i fine settimana. Ma al giorno d’oggi le pinte post-lavoro sono fuori questione: devo solo tornare a casa e fare tutto ciò che è sulla mia lista per quella sera”.

Quando gli è stato chiesto come lo stessero tenendo segreto al loro datore di lavoro, Casey ha detto: “Non lo sono. Il mio manager sa che sono freelance.

“Penso che al momento siano più disposti a chiudere un occhio perché sanno che senza il reddito extra non sarei in grado di pagare l’affitto o di andare al lavoro. E ‘così semplice”.

che si ripete

Durante la , abbiamo visto molte persone cambiare i loro percorsi di carriera per trovare un lavoro che sostenesse il loro benessere mentale durante quello che è stato un periodo senza dubbio impegnativo.

Ma mentre il Grandi dimissioni era in gran parte caratterizzato da dipendenti che cercavano aziende i cui valori fossero allineati ai propri, secondo Qualtrics chi cerca lavoro attribuisce il massimo valore alla retribuzione.

I genitori sono particolarmente sotto pressione. Quasi la metà dei genitori lavoratori intervistati – il 44 per cento – afferma di aver cercato un nuovo o un secondo lavoro e di avere quasi il doppio delle probabilità di trasferirsi in città più economiche (15 per cento) rispetto ai lavoratori senza figli (9 per cento ).

“Questi risultati sono un chiaro segnale per i datori di lavoro che la sicurezza finanziaria è un fattore decisionale primario nella vita delle persone”, ha detto a Euronews Next Sarah Marrs, che guida il team Employee Experience Product Science di Qualtrics.

“C’è una reale opportunità per aprire conversazioni su ciò di cui i dipendenti hanno bisogno. Non deve essere imbarazzante: gli strumenti di ascolto giusti possono acquisire questi dati in modo sicuro e riservato. Potrebbe scoprire il supporto che il datore di lavoro può fornire che consentirà loro di trattenere il talento”.

Allo stesso modo, un sondaggio del di persone in cerca di lavoro TotalJobs ha rilevato all’inizio di quest’anno che quasi la metà dei lavoratori del Regno Unito viveva da busta paga a busta paga e oltre un terzo (37%) stava cercando di cambiare lavoro per una retribuzione più elevata.

Dove la pandemia e le sue di lavoro a distanza hanno consentito ai dipendenti di lavorare da qualsiasi luogo, provocando un enorme picco nomade digitale stili di vita e persone che lavorano all’estero – ora sembra che la ricerca sia iniziata per trovare lavoro in paesi in cui i tuoi soldi vanno oltre.

Secondo il sito di lavoro all’estero Anywork Anywhere, le ricerche di “lavoro all’estero” sono aumentate del 56% quest’anno, con le opzioni più popolari a Dubai, Canada e .

Qual è la soluzione?

Finora… non molto oltre al burnout globale.

Alcuni governi hanno applicato misure di soccorso. Ad esempio, nel Regno Unito, quest’anno le famiglie ricevono sostegno con le bollette energetiche invernali.

La Francia ha adottato durante l’estate un pacchetto di sgravio dell’inflazione da 20 miliardi di euro, che ha consentito alle aziende di pagare ai dipendenti bonus esentasse più elevati nel tentativo di aumentare il potere d’acquisto delle famiglie.

L’Italia ha anche introdotto una legislazione per tagliare le bollette dell’elettricità e del gas e la Polonia ha introdotto un regime di sgravio per le “paese di pagamento” per le persone che hanno mutui in zloty polacchi, consentendo loro di saltare i pagamenti per otto mesi in un periodo di due anni.

Ma la realtà è che, mentre i prezzi continuano a salire in ogni aspetto dell’economia globale – dal cibo e carburante alle bollette domestiche – non c’è da meravigliarsi se milioni di persone stanno rivalutando il proprio reddito.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare