L’OMS si unisce all’appello globale per un trattato vincolante per porre fine all'”autosabotaggio” della dipendenza dai combustibili fossili

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
L'OMS si unisce all'appello globale per un trattato vincolante per porre fine all'"autosabotaggio" della dipendenza dai combustibili fossili

Più di 1.000 professionisti sanitari e 175 organizzazioni sanitarie di tutto il mondo chiedono un urgente “trattato di non proliferazione dei ” per proteggere la salute umana.

L’ () e la World Federation of Public Health Associations (WFPHA) sono tra i firmatari di una lettera che chiede ai governi di elaborare un piano globale legalmente vincolante per eliminare gradualmente l’uso e l’estrazione di combustibili fossili.

“La moderna dipendenza dai combustibili fossili non è solo un atto di vandalismo ambientale. Dal punto di vista della salute, è un atto di auto-sabotaggio”, ha affermato in una nota il direttore generale dell’Oms, il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Il patto proposto è un chiaro riferimento al Trattato di non proliferazione delle , firmato durante la Fredda per prevenire la diffusione della capacità di fabbricazione di armi nucleari e promuovere il disarmo.

Sarebbe anche paragonabile alla Convenzione quadro sul controllo del tabacco (FCTC), il primo trattato internazionale negoziato sotto gli auspici dell’OMS.

Firmato nel 2003 e ratificato nel 2005, l’FCTC è diventato uno dei trattati più ampiamente abbracciati nella storia delle Nazioni Unite, con 182 partiti fino ad oggi.

Supportato da un segretariato dedicato presso la sede dell’OMS a Ginevra, promuove, tra le altre misure, tasse più elevate sul tabacco per ridurre il consumo.

Lo scopo di un trattato simile contro i combustibili fossili sarebbe quello di stabilire regole globali per eliminare gradualmente l’uso di carbone, petrolio e gas per proteggere la salute umana, affermano i firmatari.

L’accordo di Parigi del 2015 stabilisce un quadro globale per evitare pericolosi cambiamenti climatici limitando il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2°C e perseguendo gli sforzi per limitarlo a 1,5°C.

Ma sorprendentemente non menziona i combustibili fossili – che sono responsabili della maggior parte delle – e non obbliga i firmatari a eliminarli gradualmente.

“Tossico per la salute delle persone”

La combustione di combustibili fossili rappresenta una grave minaccia per la salute umana e planetaria, la lettera sostienecitando l’inquinamento atmosferico, la e gli eventi meteorologici estremi più frequenti, nonché i rischi per la salute sul “associati a ogni fase delle operazioni di combustibili fossili”.

“La scienza su questo è chiara: lo sviluppo di nuovi combustibili fossili è completamente incompatibile con un clima sano e un futuro sano”, ha affermato Liz Hanna, presidente della WFPHA per la salute ambientale.

L’inquinamento atmosferico uccide circa 7 milioni di persone nel mondo ogni anno e il 99% della popolazione terrestre vive in luoghi che superano i limiti dell’OMS per l’inquinamento atmosferico.

L’eliminazione graduale dei combustibili fossili eviterebbe 3,6 milioni di morti per inquinamento atmosferico ’anno, ha affermato Jeni Miller, direttore esecutivo della Global Climate and Health Alliance.

“I combustibili fossili non sono solo tossici per la salute delle persone: ogni fase del ciclo dei combustibili fossili mette a rischio la salute delle persone, dall’estrazione mineraria e dal fracking al attraverso condotte, alla lavorazione e infine alla combustione di combustibili fossili per i trasporti, l’elettricità e l’uso industriale, ” lei disse.

“Per decenni dipendiamo dalla capacità dei combustibili fossili di fornire energia, ma ora abbiamo alternative più pulite e sostenibili – e compatibili con il futuro più sano che vogliamo”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare