La “smissione silenziosa” è solo una moda? Questi lavoratori ci hanno provato e non hanno mai guardato indietro

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
La "smissione silenziosa" è solo una moda?  Questi lavoratori ci hanno provato e non hanno mai guardato indietro

Dopo le “Grandi Dimissioni”, le aziende americane ed europee hanno un altro fenomeno post- di cui preoccuparsi: il “silenzioso licenziamento”.

La mania di TikTok e la parola d’ordine sui social sono state definite e ridefinite in innumerevoli articoli di notizie e articoli di opinione. Una cosa è certa: “abbandonare il silenzio” in realtà non implica dimettersi dal proprio lavoro, almeno non subito.

Che si tratti di ritirarsi mentalmente dal proprio lavoro e fare il minimo indispensabile per tirare avanti, o di rifiutare la cultura del trambusto aziendale e di non andare più al di là del lavoro, “abbandonare tranquillamente” è ora diventato una sorta di grido di battaglia per un lavoro migliore. equilibrio di vita.

Il termine ha una connotazione abbastanza negativa, persino passiva-aggressiva. Ma coloro che ammettono di non fare più il possibile – e gli esperti di risorse umane (HR) che sono testimoni della tendenza – affermano che in realtà è positivo e salutare che i lavoratori stabiliscano confini più chiari con il loro lavoro.

“Preferirei che la gente dicesse che questa è ‘vita razionale’ invece di ‘smettere di fumare'”, ha detto a Euronews Next Paula Allen, Global Leader of Research presso l’azienda di servizi per il benessere LifeWorks.

“È essere razionali: non essere irrazionali e bruciarti, ma anche non impedirti di dare il meglio di te. Si tratta di stabilire le priorità, non di smettere”.

Euronews Next ha parlato con quattro lavoratori che ammettono di aver tentato di “dimettersi silenziosamente” – ma che alla fine hanno lasciato tutti il ​​lavoro. Ecco cosa avevano da condividere.

“Oberato di lavoro e esaurimento”

Per la 31enne londinese Natalie Pearce, la “smissione tranquilla” è iniziata quando lavorava come consulente principale all’interno di un’agenzia ed è stata licenziata dal suo medico per esaurimento.

“Sentivo da molto tempo che stavo cercando di destreggiarmi tra troppe cose in una volta, per paura che se non l’avessi fatto le cose sarebbero andate in pezzi ei miei compagni di squadra avrebbero sofferto. L’ho spesso descritto come la sensazione che fosse stato scolpito in così tanti pezzi che non mi era rimasto più niente da dare”, ha detto.

“Penso che nessun ruolo debba spingere le persone al punto da dover essere licenziato dal lavoro, quindi sapevo che qualcosa doveva cambiare drasticamente al mio ritorno”.

“La cosa interessante è che non credo che molte persone abbiano notato il cambiamento, ad eccezione di quelli più vicini a me”, ha detto. “Riuscivo ancora a fare il mio lavoro e a farlo bene, ma mi ero liberato dalla pressione di andare inutilmente oltre”.

Questa fase di “abbandono tranquillo” è andata avanti per circa un anno prima che Pearce alla fine rassegnasse le dimissioni e fondasse The Future Kind Collective, una società di consulenza che aiuta le aziende a progettare culture che coinvolgono e trattengono i lavoratori.

Recenti sondaggi sul benessere sul posto di lavoro suggeriscono che la lotta di Pearce – dal sentirsi oberato di lavoro, al esaurimento e al disimpegno in silenzio – non è isolata.

Winningtemp, un’azienda di tecnologia delle risorse umane che esamina il benessere dei dipendenti e misura la “temperatura” della soddisfazione sul lavoro dei lavoratori, afferma che i suoi dal 2021 mostrano che i dipendenti si sentono sempre più oberati di lavoro e stressati.

Non è qualcosa da prendere alla leggera, afferma Sara Holmberg, responsabile delle risorse umane di Winningtemp.

“I datori di lavoro devono capire che in questo momento, essi è necessario fare di tutto per rimanere attraenti sia per i nuovi candidati che per gli attuali dipendenti”, ha detto a Euronews Next.

Le aziende devono iniziare a porre le domande giuste, ha aggiunto, “avendo conversazioni aperte sui livelli di stress, sull’ambito del lavoro, sui confini e così via”.

“E non è una conversazione annuale. È una conversazione continua che devi avere ogni giorno”.

Cosa fa scattare l’abbandono silenzioso?

Una cattiva comunicazione con la direzione può facilmente far sentire i dipendenti sottovalutati e, alla fine, impegnarsi in un “abbandono tranquillo”.

Questo è quello che è successo ad August Gawen, che ha lavorato nel settore della per 13 anni e si è sentito costantemente spinto a fare troppo con troppo poco tempo e risorse.

“Quando ho detto che mi sentivo davvero stressato, e mi sentivo stressato anche all’idea di andare in perché c’era così tanto da fare, loro dicevano ‘beh, non potevi semplicemente prenderti le vacanze’. E io ero tipo, ‘no, questo non sta succedendo'”, ha detto il 33enne.

Iniziò così un “ di recupero”, nelle sue parole: “Ho iniziato a lavorare solo le mie ore, a dire no a scadenze irragionevoli e a prendermi tutto il tempo libero. Questo ha davvero portato a un buon miglioramento della mia salute mentale”.

Tuttavia, fare questo passo indietro è stato molto impegnativo in un campo “in cui tutti sono stati incoraggiati ad andare oltre per una buona causa”, ha detto Gawen, osservando che il settore della beneficenza non vanta molti modelli quando si tratta di un lavoro sano -equilibrio di vita.

“Alla fine mi sono reso conto che anche provare a ‘smettere di calma’ in un ambiente in cui è così sotto pressione è semplicemente impossibile, davvero”.

Questa fase è durata circa sei mesi prima che Gawen si licenziasse e tre mesi dopo avviasse la propria attività come allenatore in una vita minimalista.

“Amo quello che faccio. Non mi trovo più in un ambiente di lavoro tossico e sono in grado di prendermi cura della mia salute mentale e fisica molto meglio che se lavorassi per qualcun altro”.

‘Agisci il tuo salario, ma sappi quanto vali’

Per Lauren Schneider, 29 anni, che vive nello stato americano della Pennsylvania e qualche anno fa è passata dal giornalismo televisivo alle pubbliche relazioni, ciò che ha innescato un ritiro tranquillo è stato negare l’aumento che aveva sperato e per cui si era affrettata.

“In realtà è stato il mio primo lavoro fuori dai giornali. Quindi avevo molta familiarità con il lavoro da me stesso fino alla morte, e ho pensato che fosse quello che fai”, ha detto.

“Stavo facendo altri tre lavori a tempo pieno oltre a quello che era nella mia descrizione del lavoro effettivo. Quando l’ho sollevato in una revisione delle prestazioni, sono arrivato con una presentazione completa sul costo di ciascuno di quei lavori se dovessimo assumere persone o esternalizzando. Stavo risparmiando all’azienda centinaia di migliaia di dollari facendolo da solo e facendolo bene”, ha spiegato.

“Quando ho chiesto di prendere in considerazione l’idea di darmi un limite di rilancio superiore al 3%, hanno detto ‘Lauren, sei troppo tattica. Le persone che meritano promozioni e rilanci sono più strategiche’.

“Mi sono spento immediatamente. Ero tipo, ecco, questo è tutto ciò che avevo bisogno di sentire. A loro non importa. Possono continuare a dire, ‘oh, stai facendo un ottimo lavoro’, ma è solo carburante per me lavorare sempre più duramente senza risultati reali o crescita professionale”, ha detto.

“In quel momento, sono uscito dall’ufficio e ho ‘smesso tranquillamente’. Mi sono reso conto che avrei dovuto agire per tutto il tempo”.

Due mesi dopo, è andata in maternità e non è più tornata. Invece, si è dimessa, ha lavorato come appaltatrice indipendente per alcuni mesi e in seguito ha trovato un nuovo ruolo di PR in un’azienda tecnologica dove guadagna 30.000 euro in più all’anno rispetto a prima.

“Ora capisco cosa significhi per le persone prendersi cura di te e dei tuoi contributi ed essere equamente compensati. E come questo da solo mi ha ispirato a volere andare oltre, non sentirsi come me avere andare al di là solo per andare oltre nella mia carriera o per fare più soldi”, ha detto.

“Sembra di natura passiva-aggressiva ‘smetterla tranquillamente’ – come ‘va bene, se hai intenzione di trattarmi in questo modo, allora mi presenterò con lo stesso identico atteggiamento’. Ma penso che tu possa ha anche dato una svolta positiva: le persone si stanno finalmente rendendo conto che valgono qualcosa. E penso che stiamo solo chiedendo correttezza, onestamente”, ha aggiunto.

“Non capisco perché viene premiata la cultura del burnout. Celebriamo le persone che lavorano così duramente al punto in cui siamo infelici, non abbiamo equilibrio tra lavoro e vita privata, e questa è semplicemente diventata la norma. Quindi penso che chiunque stia facendo il contrario e il tentativo di recuperare l’equilibrio nelle loro vite è visto come contraddittorio rispetto a ciò che l’America vuole che facciamo”.

‘La pandemia ci ha cambiato’

Amie Jones, 37 anni, ha iniziato la sua carriera nel marketing ed è stata, nelle sue parole, “una carrierista con le borse piene di ambizioni” fino a quando non è diventata Head of Communications in un’organizzazione no-profit nel .

“Le ore erano lunghe e il ruolo era stressante, ma questo era il lavoro dei miei sogni ed ero così felice di averlo fatto”, ha detto.

La prima cosa che l’ha sbilanciata è stato quando un suo caro amico dell’università le ha detto che stava scendendo a tre giorni alla settimana. Poi è arrivata una “tempesta perfetta”: la pandemia di COVID-19, la post-natale e un improvviso lutto familiare.

Jones ha detto di essersi impegnata in un “abbandono tranquillo” quando si è resa conto che correre sul tapis roulant aziendale non era ciò che la rendeva veramente felice.

Ha iniziato a lavorare solo le ore che doveva fare, ha detto di no a viaggi o pernottamenti non necessari e ha smesso di rispondere alle chiamate o alle e-mail a casa o nei fine settimana.

Questo esercizio di definizione dei confini, che è durato circa un anno prima che alla fine si dimettesse, non è stato facile.

“Sono una persona competitiva e sono un piacere per le persone. Quindi sono sempre stato turbato dal tipo di trambusto dei miei altri colleghi e dal loro presenzialismo. E un grande cambiamento mentale è stato quello di concentrarmi solo su quello che sto facendo”, lei disse.

Jones dice che questo abbandono tranquillo ha liberato così tanto tempo “per pensare, stare con la famiglia, riposare”.

Alla fine ha rassegnato le dimissioni e ha lanciato il Kind Kids Book Club, un club del libro per bambini incentrato sulla celebrazione della gentilezza. Ora essendo il capo di se stessa, ama la flessibilità che ha intorno al suo programma e il tempo che può trascorrere con i suoi tre figli.

Dovrei provare a smettere di fumare?

“Penso che valga assolutamente la pena provarlo”, ha detto Jones. “Non è così negativo come sembra. In realtà si tratta di stabilire dei limiti in base a ciò che funziona per te. E in realtà ciò che potrebbe derivarne e ciò che potresti ricavarne potrebbe davvero valerne la pena”.

Pearce, il consulente, suggerisce ai lavoratori che stanno valutando di valutare attentamente la loro situazione.

“Ti sei ritirato mentalmente e non ti piace più il tuo ruolo o non lavori per il tuo datore di lavoro? O stai lavorando oltre le tue capacità e vuoi assicurarti che questo sia temporaneo?” lei chiese.

“Se hai fatto il check-out, probabilmente è meglio iniziare a cercare un nuovo ruolo che possa darti nuova energia. Ma se è più che stai lavorando oltre la tua soglia e hai bisogno di riequilibrare, allora suggerirei di rivedere il tuo limiti e comunicandoli con il tuo manager per aiutarli a capire come lavori in modo più efficace”.

Allen, l’esperto di benessere di LifeWorks, trova sfortunato il termine “smettere di fumare” perché può indurre i lavoratori a capirlo letteralmente e “rinunciare silenziosamente, passivamente e aggressivamente”, il che in realtà non è utile per prevenire il burnout.

“Abbiamo bisogno di una dieta equilibrata per le nostre vite. Abbiamo bisogno di divertirci. Abbiamo bisogno di avere relazioni sociali. Abbiamo bisogno di avere un senso di realizzazione nel lavoro e fuori dal lavoro”, ha detto.

“Quindi, dato che non stai facendo le cose che hanno una priorità bassa, cosa sono stai facendo per sostenere il tuo benessere? Hai supporto sociale? Stai investendo in altre persone? Hai un senso di gratitudine? Ti stai esercitando? Stai facendo qualcosa di creativo?”

Gawen, l’ex operatore di beneficenza, fa eco a quel consiglio.

“Voglio solo incoraggiare le persone a reclamare il proprio tempo e le proprie vite, perché non si tratta solo di lavoro”, ha detto.

“I lavori vanno e vengono, ma niente è più importante della tua sanità mentale, della tua salute mentale, del tempo che trascorri con la famiglia e gli amici. Queste sono le cose che contano davvero”.

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews ( La “smissione silenziosa” è solo una moda? Questi lavoratori ci hanno provato e non hanno mai guardato indietro
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare