Impronte digitali ed ETA: perché viaggiare per l’isola d’Irlanda diventerà più difficile per i cittadini dell’UE

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Impronte digitali ed ETA: perché viaggiare per l'isola d'Irlanda diventerà più difficile per i cittadini dell'UE

I cittadini dell’UE non irlandesi dovranno fornire dati biometrici per entrare nel , inclusa l’, ha confermato il ministro dell’Immigrazione del Regno Unito Robert Jenrick.

La mossa sarà introdotta nell’ambito del controverso Nationality and Borders Act che sarà messo in atto il prossimo anno.

Chi dovrà fornire dati biometrici per visitare il Regno Unito?

I viaggiatori provenienti dall’UE dovranno fornire la propria impronta digitale e la biometria facciale come parte del processo di richiesta di un’autorizzazione di viaggio (ETA) per entrare nel Regno Unito.

I cittadini irlandesi saranno esentati da questo requisito poiché l’Irlanda ha frontiere aperte con il Regno Unito attraverso l’accordo Common Area.

Jenrick ha confermato i piani in una risposta scritta a una domanda del deputato dell’Alleanza Stephen Farry.

“Il programma ETA si applicherà a coloro che visitano il Regno Unito o transitano attraverso il Regno Unito che al momento non hanno bisogno di un visto per soggiorni brevi o non hanno altro status di immigrazione prima del viaggio”, ha affermato.

Inizialmente i candidati dovranno solo fornire la biometria facciale “finché non ci sarà una soluzione tecnologica che consentirà loro di caricare automaticamente le impronte digitali della qualità richiesta”.

Non ci sono piani per richiedere ai candidati di visitare a Visa centro applicazioni per fornire le proprie impronte digitali, ha aggiunto.

Farry ha rilasciato una dichiarazione in risposta dicendo: “Dalla Brexit, il governo del Regno Unito ha perseguito con orgoglio un’agenda sconsiderata e anti-immigrazione e questo requisito dell’ETA è una decisione che può e deve essere rettificata”.

Quando il Regno Unito introduce gli ETA per i visitatori?

Come parte di un piano per trasformare la UK Border Force, il Ministero dell’Interno intende introdurre uno schema di “Permesso di viaggio” a partire dal . Tutti coloro che desiderano visitare il Regno Unito avranno bisogno del permesso prima di sotto forma di ETA.

Il governo del Regno Unito inizierà a implementare il sistema ETA da gennaio 2023 e dovrebbe essere pienamente operativo entro la fine del 2024.

In che modo questo influirà sul ?

I visitatori dell’UE al repubblica d’Irlanda potranno comunque recarsi nel paese come fanno ora in base alle norme dell’UE sulla libertà di movimento. Questo non cambierà.

Tuttavia, se sei in vacanza in città a Dublino e vuoi percorrere un’ora e mezza lungo la strada per Belfast, le cose diventeranno un po’ più impegnative. Presto ti verrà richiesto di richiedere un ETA e di fornire i tuoi dati biometrici per attraversare dalla Repubblica d’Irlanda all’Irlanda del Nord come cittadino dell’UE non irlandese.

Si teme che ciò avrà un impatto negativo sul turismo nel paese. L’Irlanda del Nord ha accolto 2.245 milioni di visitatori stranieri nel 2019. Tourism Ireland stima che questi siano turisti ha speso 589 milioni di sterline (672 milioni di euro) per sostenere circa 71.000 posti di lavoro.

Un consiglio locale in Irlanda del Nord ha approvato una mozione che respinge un confine elettronico dell’Irlanda del Nord per i timori di “sabotaggio turistico” all’inizio di questa settimana.

“Ci sono mezzo milione di visitatori al Nord ogni anno e con questo conto ci potrebbero essere oltre 100 milioni di sterline (114 milioni di euro) all’anno persi nel turismo, che è una quantità incredibile di denaro”, ha affermato il consigliere SDLP Declan McAteer.

E sono molti i cittadini dell’UE non irlandesi che vivono in zone vicino al confine della Repubblica che saranno colpiti.

“Le persone attraversano il confine irlandese per fare la spesa, per andare a trovare gli amici, o per frequentare la scuola, la chiesa o i giochi sportivi. Ciò include cittadini dell’UE e internazionali non irlandesi”, dice a Euronews la professoressa Katy Hayward, ricercatrice senior per il Regno Unito in un’ che cambia.

“Nel prossimo futuro, i residenti che attraversano il confine infrangeranno la legge se non presenteranno un ETA, insieme ai loro dati biometrici, allo stato del Regno Unito. In linea di principio, questo potrebbe vederli affrontare una di quattro anni se catturati e condannati”.

Non è ancora chiaro come questo sarà sorvegliato poiché un confine duro sull’isola d’Irlanda andrebbe contro l’accordo del Venerdì Santo.

Hayward etichetta i piani come ‘impraticabili’, ma dice: “Essere ‘beccati’ potrebbe accadere inavvertitamente, ad esempio se una persona finisce in ospedale per cure di emergenza o se è coinvolta in un incidente d’auto”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare