Il nuovo lungo programma di riabilitazione COVID offre speranza di cura a milioni di malati

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Il nuovo lungo programma di riabilitazione COVID offre speranza di cura a milioni di malati

Milioni di persone in tutta convivono con il COVID lungo, una condizione che ha gli effetti persistenti di un’ da e sta avendo un forte impatto sulla vita delle persone.

Poiché è causato dal coronavirus, gli scienziati stanno ancora imparando di più su come è causato e su come trattarlo.

Un lungo programma di riabilitazione COVID, tuttavia, ha mostrato risultati “impressionanti”, secondo gli scienziati dietro di esso.

Sulla base di un graduale aumento dell’attività di un paziente, i partecipanti hanno riscontrato un minor numero di “crolli” emotivi, fisici o cognitivi, nonché un “moderato miglioramento” nella capacità di essere attivi e una migliore in generale.

Gestito dal lungo servizio COVID presso il Community Healthcare NHS Trust e valutato da medici e scienziati dell’ di Leeds e della Leeds Beckett University, i risultati del programma sono ora pubblicati sul Journal of Medical Virology.

Opzione terapeutica potenzialmente efficace

I ricercatori hanno affermato che il programma, che prevede un aumento controllato dell’attività fisica, ha il potenziale per essere un’opzione terapeutica efficace per il COVID lungo.

“Long COVID colpisce circa due milioni di persone nel Regno Unito e ha un impatto sulla loro qualità di vita e, in alcuni casi, sulla loro capacità di lavorare. È angosciante e invalidante”, ha affermato il dottor Manoj Sivan, professore clinico associato presso la School of Medicine dell’Università di Leeds.

“Il malessere post-sforzo o l’esacerbazione dei sintomi post-sforzo o semplicemente “crash”, come descritto dai pazienti, è un sintomo determinante e importante del COVID lungo.

“Quando i pazienti subiscono un incidente, provano sensazioni di completo esaurimento e scompaiono e non sono in grado di riprendere le attività per ore o talvolta giorni”.

Prima di prendere parte al programma, i pazienti riportavano una media di tre di questi “crash” a settimana. Dopo il programma, questo è stato ridotto a una media di uno a settimana.

“I risultati di questa ricerca sono entusiasmanti perché questa è la prima volta che gli episodi di crash sono stati utilizzati come marker per la condizione e ora è stato dimostrato che un programma di stimolazione strutturato riduce sostanzialmente i sintomi e migliora la qualità della vita”, ha affermato Sivan, che supervisionato lo studio.

Ritorno graduale all’attività fisica

Lo studio, durato sei settimane, ha coinvolto 31 persone che avevano la condizione. In media, avevano sofferto di COVID lungo per circa 17 mesi prima di entrare nel programma.

I sintomi includevano affaticamento, annebbiamento cerebrale, affanno, mal di testa e palpitazioni.

Il loro graduale ritorno all’attività fisica ha seguito il protocollo di stimolazione CR-10 Borg dell’ (), che prevede cinque livelli di attività.

Il primo livello prevedeva di respirazione e stretching , in preparazione al ritorno all’attività.

Da lì, i livelli aumentano di intensità fino al quinto, che comprende attività a cui i pazienti hanno preso parte prima di ammalarsi, come esercizio fisico regolare o sport.

Ai pazienti è stato detto di rimanere a ciascun livello per almeno una settimana e hanno avuto chiamate settimanali con il loro lungo medico COVID per verificare i loro progressi

I risultati sono stati raccolti attraverso questionari che valutavano i livelli di sforzo e gli incidenti ogni settimana.

I ricercatori hanno scoperto che c’è stata una riduzione del numero di incidenti tra i pazienti e anche miglioramenti nei livelli di attività e nella qualità della vita.

Il più grande beneficio in termini di sintomi è stato visto in termini di riduzione dell’affaticamento, della mancanza di respiro e del mal di testa.

Ma i ricercatori hanno affermato che c’è ancora una mancanza di consapevolezza tra i medici che supportano i pazienti COVID lunghi che un ritorno graduale o graduale all’attività fisica potrebbe aiutare con il recupero.

“Questo studio si aggiunge all’attuale comprensione dimostrando il potenziale di un protocollo di stimolazione strutturato per migliorare gradualmente i livelli di attività”, hanno osservato gli autori dello studio.

“Tuttavia, i consigli attuali sul ritorno sicuro all’attività fisica senza peggioramento dei sintomi non sono chiari, con i pazienti che riferiscono di aver ricevuto consigli diversi dagli operatori sanitari”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare