Gli astronomi rilevano un enorme asteroide “assassino di pianeti” che un giorno potrebbe minacciare la Terra

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Gli astronomi rilevano un enorme asteroide "assassino di pianeti" che un giorno potrebbe minacciare la Terra

Gli astronomi hanno rilevato un asteroide “assassino di pianeti” che attraversa l’orbita terrestre e potrebbe avvicinarsi lentamente a noi tra secoli.

Con un diametro da circa 1,1 km a 2,3 km, l’asteroide, chiamato 2022 AP7, è il più grande oggetto potenzialmente pericoloso per la Terra che sia stato scoperto negli ultimi otto anni, ha affermato il team.

È anche probabile che sia tra i primi 5 per cento dei più grandi asteroidi potenzialmente pericolosi (PHA) conosciuti.

L’asteroide è stato rilevato dai ricercatori utilizzando la Dark Energy Camera in Cile per cercare oggetti all’interno delle orbite della Terra e di Venere. Hanno descritto le loro scoperte in un articolo in The Astronomical Journal pubblicato a settembre.

“La nostra indagine crepuscolare sta perlustrando l’area all’interno delle orbite della Terra e di Venere alla ricerca di asteroidi”, ha affermato l’autore principale Scott Sheppard, astronomo presso l’Earth and Planets Laboratory della Carnegie Institution for Science.

“Finora abbiamo trovato due grandi asteroidi vicini alla Terra larghi circa 1 chilometro, una dimensione che chiamiamo killer di pianeti”, ha detto in una dichiarazione.

Oltre al 2022 AP7, il team ha rilevato anche altri due asteroidi vicini alla Terra, chiamati 2021 LJ4 e 2021 PH27, che hanno orbite che rimangono in completamente interne all’orbita terrestre e non dovrebbero mai incontrarsi sul suo cammino.

Planet killer “al momento non ha alcuna possibilità di colpire la Terra”

Il termine “assassino di pianeti” può sembrare spaventoso, ma per quanto riguarda l’AP7 del 2022, per ora rimarrà “ben lontano” dalla Terra, secondo Sheppard.

“Al momento non ha alcuna possibilità di colpire la Terra”, ha detto a Euronews Next in una e-mail.

Allo stato attuale, 2022 AP7 attraversa l’orbita terrestre. Questo lo rende un asteroide potenzialmente pericoloso, ha detto.

Tuttavia, l’incrocio avviene in un momento in cui la Terra si trova dall’altra parte del sole, ha spiegato, aggiungendo che questa configurazione continuerà per il prossimo futuro.

“Lentamente, nel tempo, l’asteroide inizierà ad attraversare l’orbita terrestre più vicino a dove si trova la Terra, ma ci vorranno secoli nel futuro e non conosciamo l’orbita del 2022 AP7 abbastanza precisamente per dire molto sui suoi pericoli secoli da ora”, ha detto.

“Ma per ora, 2022 AP7 starà ben lontano dalla Terra”.

“Sarebbe un evento di estinzione di massa”

Se un asteroide di 1 km o più grande dovesse colpire la Terra, ciò avrebbe un impatto devastante sulla la conosciamo, ha detto Sheppard.

La polvere e le sostanze inquinanti sollevate nell’atmosfera rimarrebbero lì per anni, il che probabilmente significa che la superficie terrestre si raffredderebbe in modo significativo dal fatto che la luce solare non arriva sul pianeta, ha detto.

“Sarebbe un evento di estinzione di massa come non si vedeva sulla Terra da milioni di anni”.

La domanda su come difendere la Terra da potenziali collisioni di oggetti spaziali ha recentemente fatto quando Confermato dalla che la che si è schiantata contro un asteroide a settembre è riuscita a spingere l’oggetto dalla sua orbita naturale.

La missione DART (Double Asteroid Redirection Test) è stata la prima prova di un sistema di planetaria progettato per prevenire una potenziale collisione di un apocalittico con la Terra e ha segnato la prima volta che l’umanità ha alterato il movimento di un corpo naturale nello .

Asteroidi in agguato nel bagliore del sole

I tre asteroidi appena annunciati fanno parte di una popolazione sfuggente in agguato all’interno delle orbite della Terra e di Venere, ha affermato il team di ricerca. È una regione notoriamente difficile per le osservazioni, hanno detto, perché i cacciatori di asteroidi devono fare i conti con il bagliore del sole.

Ma gli astronomi sono stati in grado di affrontare questo problema conducendo sondaggi durante due finestre di 10 minuti di notte.

“Probabilmente ce ne sono solo pochi [near-Earth asteroids] con dimensioni simili ancora da trovare, e questi grandi asteroidi sconosciuti probabilmente hanno orbite che li mantengono all’interno delle orbite della Terra e di Venere per la maggior parte del tempo”, ha detto Sheppard.

“Finora sono stati scoperti solo circa 25 asteroidi con orbite completamente all’interno dell’orbita terrestre a della difficoltà di osservare vicino al bagliore del sole”.

Sheppard ha detto che lui e il suo team non sono rimasti sorpresi dalle loro scoperte, “dal momento che sappiamo che alcuni di questi asteroidi killer di pianeti sono ancora là fuori ancora da scoprire”.

In effetti, si aspettano di trovare qualche altro killer di pianeti o più grandi oggetti vicini alla Terra (NEO) nel prossimo anno o due.

“Ad oggi, pensiamo che ci siano circa 1.000 NEO di dimensioni superiori a 1 km”, ha affermato, aggiungendo che i ricercatori ne hanno scoperto circa il 95% nell’ultimo decennio.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare