Eutanasia in Europa: dove è legale la morte assistita?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Eutanasia in Europa: dove è legale la morte assistita?

Il parlamento portoghese ha votato di nuovo venerdì per depenalizzare l’eutanasia, mentre la Francia ha avviato un dibattito cittadino sulle cure di fine vita, poiché entrambi i paesi considerano la legalizzazione della morte assistita.

Una legge francese del 2016 consente ai medici di mantenere i malati terminali sedati prima che muoiano, ma si ferma prima di consentire il suicidio assistito.

Alcuni cittadini francesi – e cittadini di altri paesi europei – finiscono per recarsi in paesi limitrofi dove è consentita la morte assistita o l’eutanasia passiva.

La questione è attualmente oggetto di dibattito in diversi paesi europei, mentre negli ultimi anni sempre più paesi hanno modificato le proprie leggi per depenalizzare o legalizzare i mezzi per porre fine volontariamente alla vita.

Allora, dov’è legale la morte assistita? Euronews esamina lo stato della legislazione nei diversi paesi dell’UE.

Cos’è la morte assistita?

La morte assistita si riferisce sia all’eutanasia attiva volontaria che alla morte assistita dal medico. Questi due tipi di morte assistita distinguono una differenza nel grado di coinvolgimento del medico.

L’eutanasia attiva volontaria prevede che il medico svolga un ruolo attivo nella richiesta di morte del paziente, di solito fornendo una sostanza letale per via endovenosa.

La morte assistita dal medico implica che il personale medico fornisca al paziente i mezzi letali per uccidersi, nel senso che è il paziente che li impiega.

Alcuni paesi hanno consentito anche l’eutanasia passiva, ovvero la sospensione o il rifiuto di trattamenti salvavita, su richiesta del paziente o di un familiare.

Qual è il quadro generale della morte assistita nell’Unione europea?

L’eutanasia è legale in cinque paesi europei: , Paesi Bassi, Lussemburgoe più recentemente Germania e .

I primi due paesi riconoscono anche le richieste dei minori in circostanze rigorose.

Il suicidio assistito, in cui a qualcuno vengono dati i mezzi per porre fine alla propria vita, è legale dal 1942 ma l’eutanasia attiva non è consentita.

Altri paesi come , Finlandiae consentire l’eutanasia passiva in circostanze rigorose, in cui coloro che soffrono di una malattia incurabile possono decidere di non sottoporsi a trattamenti che prolungano la vita, come la artificiale o l’idratazione.

È importante non confondere l’eutanasia passiva con la sospensione del di sostentamento vitale nell’interesse della persona. Quest’ultimo può far parte delle cure palliative e non è necessariamente l’eutanasia.

Francia non è l’unico paese europeo ad essere immerso nel dibattito sulla questione. C’è stata una recente spinta per una legge sulla morte assistita ma al momento si è bloccato.

Lo spinoso dibattito sull’eutanasia in

Un Paese che è arrivato molto vicino alla legalizzazione è il Portogallo, ma due veti presidenziali in due anni hanno bloccato l’approvazione della legge nel Paese a maggioranza cattolica.

A giugno e di nuovo venerdì (9 dicembre), il suo parlamento ha espresso ancora una volta un forte voto a favore della depenalizzazione della pratica.

Il presidente conservatore del Portogallo, Marcelo Rebelo de Sousa, può ora firmarlo in legge, porre nuovamente il veto o inviarlo alla Corte costituzionale. Ha detto che sarebbe pronto ad annunciare la sua decisione.

Il di legge approvato rispondeva ad alcune delle sue preoccupazioni, specificando che le persone sarebbero autorizzate a richiedere assistenza in morte nei casi in cui si trovassero “in una situazione di intensa sofferenza, con lesioni definitive di estrema gravità o malattia grave e incurabile”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare