Aahana Kumra: Ci sono stati momenti in cui non sono uscito dalla mia coperta per giorni

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Ahana Kumra

Il del glamour a volte può essere l’incarnazione di “non tutto ciò che luccica è oro”! Mentre il pubblico detiene i regni del destino di un film o di uno spettacolo, gli attori possono finire per essere alla fine ricevendo mazzi di fiori e mattoni in un batter d’occhio. Aahana Kumra non è estranea a entrambi i lati di questa realtà. L’attrice, vista in due film consecutivi Lockdown e Salaam Venky, si è aperta su come i commenti sgradevoli del pubblico possano finire per rovinare la propria .

In un’intervista esclusiva con Health Shots su tutto ciò che riguarda il benessere, Aahana non è stata filtrata quando si è trattato di parlare del “prezzo” che gli attori pagano per svolgere un lavoro ad alto rischio e altamente gratificante. Quel prezzo è il più delle volte associato al benessere mentale.

Aahana Kumra si apre sulla salute mentale

“Penso che ci siano tre persone la cui salute mentale viene maggiormente colpita: attori, giocatori di cricket e politici. Tutti e tre vengono maltrattati, qualunque cosa accada! Quando un giocatore di cricket si comporta male, viene infastidito dicendo “itna kharaab khela”. Se gli attori si comportano male, dicono ‘kya bakwaas attore hai’… Capisco che il mondo è diventato meschino e le persone sentono di avere la libertà di dire qualsiasi cosa. Ma la crescita delle persone può rimanere stordita perché ha un impatto diretto sulla nostra salute mentale”, afferma Aahana.

La 37enne è stata attiva su diversi media di intrattenimento, a partire dal teatro quando aveva 14 anni. Successivamente, ha iniziato il suo appuntamento con lo schermo, iniziando con la televisione, passando ai cortometraggi e gradualmente a lungometraggi come Lipstick Sotto burkha e Il primo ministro accidentale.

Essere sotto i riflettori comporta una serie di sfide: essere ’altezza delle proprie aspettative, del settore e del pubblico.

Aahana aggiunge: “Da un grande potere derivano grandi responsabilità. È qualcosa che ha detto il nostro Shri Shri Spiderman. Credo davvero che se non volessi ottenere ciò che voglio ottenere, allora avrei dovuto semplicemente fare un lavoro in banca o in azienda invece di un lavoro in cui verrò maltrattato o trollato.

Leggi anche: 4 modi per affrontare i troll dei social media

Aahana Kumra ha lavorato in teatro, televisione, OTT e film. Immagine per gentile concessione: Instagram |

Aahana Kumra parla della gestione dei commenti meschini

Sulle ripercussioni dell’affrontare commenti negativi, Aahana rivela: “Ci sono stati momenti in cui non sono uscito dalla mia coperta per giorni perché qualcuno ha detto qualcosa di così cattivo. Sono tipo, ‘Humne kya galat kar diya hai?’ Capisco che le aspettative del nostro pubblico sono molto alte e si aspettano che noi siamo Dio. Ma non siamo quello. Siamo solo umani ed è normale sbagliare come umani.

Pur riconoscendo che essere un attore o una celebrità significa che il proprio lavoro potrebbe avere un impatto sulla vita di qualcuno, afferma che le persone devono considerare il duro lavoro dietro ogni progetto prima di respingerlo apertamente.

Un “pubblico più gentile”, afferma, è più che benvenuto nei tempi di oggi in cui le persone si muovono verso esistenze solitarie. La è un’emozione che viene toccata attraverso la traccia di Aahana in India Lockdown, un film su come il blocco del abbia avuto un impatto diverso sulla vita di diverse persone.

“La solitudine, l’ansia, la depressione e la salute mentale sono conversazioni molto importanti che sono emerse durante il blocco. Personalmente non ho mai vissuto da solo nella mia vita e l’unica volta che ho vissuto da solo è stato quando sono stato isolato quando ho avuto il Covid-19. In quei giorni ho capito di aver sviluppato l’ansia”, racconta l’attrice.

Guarda l’intervista completa di Health Shots di Aahana Kumra !

“Le persone si sentono più sole”, dice Aahana Kumra

Cos’è più spaventoso: essere soli o essere soli?

“Essere soli”, Pat arriva la risposta. “Puoi essere solo e starai bene, ma essere solo… Potresti essere in una stanza piena di gente e sentirti ancora solo. Ci siamo già isolati da tutti gli altri. Tutti sono dentro i loro telefoni”, aggiunge.

D’altra parte, la tecnologia è ciò a cui la maggior parte delle persone si è appoggiata per sopravvivere ai pericoli del blocco, sia che si trattasse di rimanere in contatto con i propri cari, di cercare assistenza medica o di lavorare.

“Sì, i social media ci hanno aiutato a connetterci, ma ci hanno anche reso tutti soli. Nessuno si rende conto di quale potenziale causa di danno sarà per tutti noi. Questo sta per esplodere”, dice Aahana.

Aahana Kumra sulla solitudine
La solitudine è una conversazione importante, secondo Aahana. Immagine per gentile concessione: Instagram | Ahana Kumra

Racconta come ha alleggerito i suoi giorni di isolamento ricorrendo al suo amore per il fitness e semplificando la sua vita in una routine.

“Ho avuto una routine meravigliosa durante il blocco che non avevo mai avuto prima in vita mia. Siamo nomadi come attori. Prendiamo la nostra valigia e ci spostiamo da una stanza d’albergo all’altra, andiamo sul set, torniamo la sera, mangiamo il nostro cibo e andiamo a . Durante il blocco, ero tipo ‘posso svegliarmi, posso allenarmi, cucinare il mio pasto, fare il mio ‘jhaadu, pochha, bartan’, avere tempo per un pisolino pomeridiano, svegliarmi, meditare e giocare con mio nipote. Ero tipo “Wow, posso ottenere così tanto solo stando a casa e avendo una routine”. Il blocco è stato incredibilmente diverso per me”, dice.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare