Nonostante le tensioni, la Russia sta inviando un gigantesco magnete alla Francia per un progetto di fusione nucleare

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Nonostante le tensioni, la Russia sta inviando un gigantesco magnete alla Francia per un progetto di fusione nucleare

La Russia ha inviato uno dei sei magneti giganti che saranno utilizzati per il programma di ITER in , uno degli ultimi progetti scientifici internazionali a cui Mosca sta ancora partecipando tra le tensioni sulla .

La nave che trasportava il magnete di fabbricazione russa, o “bobina di campo poloidale”, è partita martedì da San Pietroburgo sotto un cielo grigio.

La bobina da 200 tonnellate e larga nove metri era stata avvolta strettamente per resistere al di due settimane a Marsiglia, nel sud della Francia.

Il magnete a forma di anello è stato costruito sotto la supervisione dell’agenzia atomica russa Rosatom e costituirà la parte superiore del più grande “tokamak” del .

Il tokamak è un dispositivo di fusione magnetica costruito in Francia seguendo lo stesso principio che alimenta il nostro sole e le nostre stelle.

La spedizione della componente russa era originariamente prevista per maggio, ma le che vietano alle navi russe di attraccare in Europa hanno ritardato la partenza.

Tuttavia, “la situazione attuale non ha cambiato il fatto che adempiremo ai nostri obblighi”, ha affermato Viacheslav Perchukov, rappresentante di Rosatom per i progetti internazionali.

Le tensioni geopolitiche “praticamente non hanno influenzato la realizzazione di questo progetto”, ha aggiunto Perchukov.

“Senza (la bobina russa), il tokamak non funzionerà”, ha detto ’AFP lo scienziato senior del centro ITER Leonid Khimchenko.

Ha salutato un risultato “unico” che è durato più di otto anni.

‘Una

Nel sud della Francia, 35 nazioni stanno collaborando per costruire il più grande dispositivo di fusione nucleare del mondo.

“Questo è un progetto così interessante che, in effetti, siamo tutti una famiglia… non c’è tra noi, niente”, ha detto Khimchenko.

Il progetto è stato avviato dopo un vertice del 1985 tra l’allora presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan e il leader dell’Unione Sovietica Mikhail Gorbachev.

Andrey Mednikov, uno scienziato responsabile della produzione della bobina di campo poloidale, ha elogiato la continua internazionale.

“Se questa cooperazione si interrompesse”, ha detto Mednikov, “perderebbero tutti: sia la Russia che la comunità internazionale”.

Per ulteriori informazioni su questa storia, guarda il video nel lettore multimediale sopra.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare