Usare la tecnologia per far piovere

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Usare la tecnologia per far piovere

Entro il 2025, due terzi della popolazione mondiale potrebbero trovarsi di fronte a carenze idriche. Dall’adeguamento del clima ’estrazione dell’acqua dal nulla, viene utilizzata una tecnologia innovativa per aiutare a trovare un approvvigionamento sostenibile di acqua potabile per il .

si trova in una delle regioni più aride del mondo. La crescente popolazione della sta aumentando la domanda di acqua e sta alimentando lo sviluppo di nuove tecnologie di approvvigionamento idrico. Uno dei tipi di tecnologia più singolari in fase di sviluppo è il cloud seeding.

Cos’è il cloud seeding?

Il cloud seeding è una tecnica di modifica del clima che migliora la capacità di una nuvola di produrre pioggia.

Prima che un prenda il , i meteorologi devono selezionare la nuvola corretta da seminare. Il processo funzionerà solo sui cumuli a causa del loro tiraggio interno verso l’alto. I piloti posizionano i loro aerei in fondo al brufolo delle nuvole e accendono razzi carichi di particelle di sale igroscopico.

Quando le particelle di cloruro di sodio e cloruro di potassio salgono nel corpo della nuvola, attirano minuscole goccioline d’acqua. Queste gocce d’acqua si combinano e aumentano di dimensioni, facendole cadere dal cielo a causa del loro peso.

Nelle regioni che registrano poche precipitazioni ogni anno, questa è una preziosa fonte d’acqua che richiede un consumo minimo di energia. Un’ora di cloud seeding può restituire fino a 100.000 metri cubi di acqua.

Più di 50 paesi in tutto il mondo stanno attualmente effettuando il cloud seeding. Questo processo non viene utilizzato solo per aumentare le precipitazioni, ma anche per ridurre le dimensioni dei chicchi di grandine nelle regioni più fredde. La soppressione della grandine può mitigare drasticamente i danni causati dai temporali.

Trasformare l’acqua di in acqua potabile

Nei paesaggi desertici con pochi laghi o fiumi, gli abitanti guardano al mare quando si riforniscono di acqua potabile. Attualmente, la città balneare di Dubai riceve oltre il 90% della sua acqua dalla sua costa.

Utilizzando il processo dell’osmosi inversa, i grandi impianti di desalinizzazione possono creare grandi quantità di acqua potabile.

Vanesa Fernandez Membrillera, ME Management & Commercial Manager, O&M ACCIONA, spiega perché questo processo è così popolare nella regione del Golfo. Ha detto: “Il principale vantaggio di questo processo è che la nostra terra è ricoperta dal 98% di acqua di mare”

Impianti come l’impianto di desalinizzazione di Jebel Ali sono progettati secondo la strategia di gestione integrata delle di Dubai con l’obiettivo di ridurre il consumo di acqua del 30% entro il 2030.

Acqua dal nulla

Attingendo alla forza del , i pannelli idroelettrici possono produrre acqua potabile dall’umidità dell’aria. I parchi idrici che utilizzano questa tecnologia non richiedono energia fornita, il che significa che possono essere utilizzati off-grid lontano dalle infrastrutture esistenti.

Sofia Berglund di Source global spiega come i pannelli idroelettrici possono essere utili nelle aree inquinate. Ha detto a Euronews che “l’unica cosa che abbiamo nell’acqua fin dall’inizio, prima della mineralizzazione, è pura H2O. Quindi nessun inquinante, niente può entrare nell’acqua.

Il fondatore di Manhat, il dottor Saeed Al Hassan, spiega come l’energia solare in molte parti d’Europa può spesso superare l’energia solare generata nei climi desertici a causa delle piogge in Europa che spingono particelle di polvere e sabbia al suolo e puliscono l’aria.

Mentre la popolazione mondiale continua a crescere in modo esponenziale, anche il nostro consumo di acqua aumenterà. Innovazioni come questa sono fondamentali per fornire nuovi .

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ti potrebbe interessare