Una donna che può “annusare” il morbo di Parkinson aiuta gli scienziati a sviluppare un test del tampone cutaneo di 3 minuti

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Una donna che può "annusare" il morbo di Parkinson aiuta gli scienziati a sviluppare un test del tampone cutaneo di 3 minuti

Scienziati nel hanno sfruttato lo straordinario senso dell’olfatto di una donna per sviluppare un test che potrebbe determinare in soli tre minuti se le persone hanno il morbo di Parkinson.

I ricercatori dell’Università di Manchester sono stati aiutati da Joy Milne, una nonna scozzese che ha scoperto di poter la neurodegenerativa nelle persone dal loro distinto .

I media britannici riferiscono che la 72enne, affetta da iperosmia ereditaria – una maggiore sensibilità agli odori – ha notato che il suo defunto marito ha sviluppato un odore diverso più di un decennio prima che gli fosse diagnosticato il Parkinson.

Ha descritto un aroma muschiato, diverso dal suo profumo normale.

Il team di Manchester ha studiato la sua osservazione e ha scoperto che il morbo di Parkinson ha davvero un odore particolare. Hanno scoperto che l’odore è più forte sulla parte superiore della schiena dei pazienti, dove il sebo, una sostanza oleosa prodotta dalla pelle, tende ad accumularsi.

Da allora i ricercatori hanno progettato un test in grado di identificare le persone con Parkinson utilizzando un semplice batuffolo di cotone che scorre lungo la parte posteriore del collo.

“Siamo estremamente entusiasti di questi risultati che ci avvicinano alla realizzazione di un test diagnostico per il morbo di Parkinson che potrebbe essere utilizzato in clinica”, ha affermato la professoressa Perdita Barran, che ha guidato la in una dichiarazione.

Al momento non esiste un test specifico per il Parkinson e la diagnosi si basa esclusivamente sui sintomi e sull’anamnesi del paziente.

Test semplice e non invasivo

Lo studiopubblicato mercoledì sul Journal of the American Chemical Society, ha scoperto che ci sono lipidi specifici che sono sostanzialmente più attivi nelle persone che soffrono della malattia.

La ricerca ha utilizzato un gruppo campione di 79 persone con Parkinson rispetto a un gruppo di controllo sano di 71 persone.

La procedura di campionamento che hanno sviluppato è semplice e non invasiva in quanto prevede solo il prelievo di campioni di sebo nelle cliniche dalla parte superiore della schiena dei pazienti e l’invio a un laboratorio.

Il sebo è una secrezione oleosa delle ghiandole sebacee sotto la pelle che sono collegate al sistema endocrino.

I ricercatori hanno analizzato questi campioni di sebo utilizzando la spettrometria di massa e hanno trovato più di 4.000 composti unici, di cui 500 erano diversi tra le persone con Parkinson rispetto al gruppo di controllo sano.

Una svolta per la diagnosi?

Il team afferma che il loro metodo può essere eseguito in appena tre minuti dal tampone ai risultati e rappresenta un passo importante verso un metodo clinico per la diagnosi di conferma del Parkinson.

“Questo test ha il potenziale per migliorare notevolmente la diagnosi e la gestione delle persone con malattia di Parkinson”, ha affermato il professor Monty Silverdale, responsabile clinico dello studio.

Gli scienziati ora sperano anche che le loro scoperte possano aiutare a diagnosticare altre malattie attraverso l’analisi del sebo non invasiva e hanno lanciato una nuova start-up, Sebomix Ltd, per approfondire questo aspetto.

L’alterata produzione di sebo è una caratteristica ben nota del morbo di Parkinson.

La Press Association riferisce che nelle prime fasi della loro ricerca, gli scienziati hanno chiesto a Milne – il “super puzzolente” – di annusare le magliette indossate da persone che avevano il Parkinson e altre che non lo avevano.

Milne ha identificato correttamente le magliette indossate dai pazienti di Parkinson, ma ha anche affermato che una del gruppo di controllo puzzava la malattia. Otto mesi dopo, a quella persona fu diagnosticata la malattia.

La sperimentazione presso l’Università di Manchester è in corso e ha già reclutato oltre 2.000 pazienti. La ricerca è finanziata dagli enti di beneficenza Parkinson’s UK e dalla Michael J Fox Foundation, nonché dalla Royal Society.

Milne, nel frattempo, sta ora lavorando con scienziati di tutto il mondo per vedere se riesce a sentire l’odore di altre malattie come il e la tubercolosi, riporta la Press Association.

Ha detto ’agenzia che a volte riesce a sentire l’odore delle persone che hanno il Parkinson mentre è in giro, ma gli esperti di etica medica le hanno consigliato di non dirglielo.

medico di accetterebbe che un uomo o una donna entrassero dicendo ‘la donna che odora di Parkinson mi ha detto che ce l’ho’? Forse in futuro, ma non ora”, ha detto.

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews (Una donna che può “annusare” il morbo di Parkinson aiuta gli scienziati a sviluppare un test del tampone cutaneo di 3 minuti
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare