Siiprudente! Il dolcificante artificiale e l’ansia possono avere una connessione

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
dolcificanti artificiali

Hai in la perdita di peso o stai riducendo l’assunzione di a causa del diabete? Un dolcificante artificiale è spesso qualcosa su cui le persone ricorrono poiché è ampiamente promosso come ingrediente che può essere utilizzato in bevande e alimenti senza preoccuparsi degli effetti dannosi dello zucchero sulla salute. Ma un nuovo studio ha rivelato che non c’è niente di o buono in questo. L’aspartame, che è un dolcificante artificiale che si trova in quasi 5.000 bevande e alimenti dietetici, è stato collegato dai ricercatori a comportamenti simili all’ansia nei topi. Prima di interrompere completamente l’assunzione di dolcificanti artificiali, scopriamo cos’altro ha scoperto lo studio.

Molte persone hanno un debole per i dolci e se la loro salute non consente loro di assumere zucchero, scelgono i dolcificanti artificiali. Considerati un’alternativa allo zucchero, vengono utilizzati in bevande, alimenti e altro ancora. Ora, i ricercatori del Florida State University College of Medicine hanno trovato un legame tra l’aspartame, che è un dolcificante artificiale, e il comportamento ansioso nei topi.

Uno studio ha esplorato la relazione tra dolcificanti artificiali e ansia. Immagine per gentile concessione: Shutterstock

Ansia non limitata ai topi che consumano dolcificante artificiale

Lo studio, pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences, ha dimostrato che il comportamento simile all’ansia non è stato prodotto solo nei topi che hanno consumato aspartame. Ma gli effetti sono stati osservati anche in due generazioni di maschi esposti al dolcificante artificiale.

Il coautore Pradeep Bhide, Jim e Betty Ann Rodgers Eminent Scholar Chair of Developmental Neuroscience presso il Dipartimento di scienze biomediche, ha affermato che ciò che il nuovo studio ha dimostrato è che hanno bisogno di guardare indietro ai “fattori ambientali”. Questi fattori sono importanti perché ciò che “vediamo oggi non è solo ciò che sta accadendo oggi, ma ciò che è accaduto due generazioni fa e forse anche prima”.

Il nuovo studio che coinvolge dolcificante artificiale e topi è nato, in parte, a causa di precedenti ricerche. Era del laboratorio Bhide sugli effetti transgenerazionali della nicotina sui topi. Ha mostrato cambiamenti temporanei, o epigenetici, negli spermatozoi dei topi e, a differenza dei cambiamenti genetici (mutazioni), i cambiamenti epigenetici sono reversibili. Non cambiano la sequenza del DNA, ma possono cambiare il modo in cui il corpo legge una sequenza del DNA.

Bhide ha detto che il gruppo di ricerca stava lavorando sugli effetti della nicotina sullo stesso tipo di modello come se il padre fumasse allora “cosa è successo ai ?”

L’aspartame ha ricevuto il pollice in su dalla FDA

Nel 1981, la Food and Drug Administration (FDA) degli ha dato un segnale verde all’aspartame come dolcificante e ora ogni anno vengono prodotte quasi 5.000 tonnellate di dolcificante artificiale. L’aspartame diventa acido aspartico, metanolo e fenilalanina quando consumato. Questi tre possono avere potenti effetti sul sistema nervoso centrale.

Lo studio, condotto dalla dottoranda Sara Jones, prevedeva di fornire ai topi potabile contenente aspartame a circa il 15% dell’assunzione umana giornaliera massima approvata dalla FDA. È equivalente a sei-otto lattine da 8 once di soda dietetica al giorno per gli esseri umani. Il dosaggio è continuato per 12 settimane in uno studio durato quattro anni.

i dolcificanti artificiali hanno effetti collaterali
I dolcificanti artificiali hanno effetti collaterali. Immagine per gentile concessione: Shutterstock

Attraverso diversi test del labirinto su più generazioni discendenti dai maschi esposti all’aspartame, nei topi è stato osservato un comportamento pronunciato simile all’ansia.

Jones ha affermato che si trattava di un tratto simile all’ansia così robusto che non pensava che nessuno dei ricercatori “si aspettasse che avremmo visto”. Ha condiviso che è stato completamente inaspettato come al solito “vedi sottili cambiamenti”.

Il diazepam, che è un farmaco usato per trattare il disturbo d’ansia negli esseri umani, è stato somministrato ai topi in tutte le generazioni. Poi hanno smesso di comportamenti simili all’ansia.

Possibili collegamenti tra dolcificanti artificiali e altre malattie

I dolcificanti artificiali si trovano in migliaia di marchi di alimenti e bevande in tutto il , ma rimangono un argomento controverso. Secondo il BMJ, uno studio pubblicato a settembre, ha suggerito un potenziale legame diretto tra un maggiore consumo di dolcificanti artificiali, in particolare aspartame, sucralosio e acesulfame di potassio, e un aumento del rischio di malattie cardiovascolari.

In precedenza, uno studio pubblicato sul Canadian Medical Association Journal ha dimostrato che le persone che consumavano regolarmente dolcificanti artificiali avevano un rischio maggiore di problemi di salute come l’ e l’. Quindi, potrebbero non essere davvero tuoi amici quando si tratta di perdere peso.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare