La NASA saluta la missione DART come un successo poiché i dati confermano che l’asteroide è stato spostato fuori rotta dalla navicella spaziale

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
La NASA saluta la missione DART come un successo poiché i dati confermano che l'asteroide è stato spostato fuori rotta dalla navicella spaziale

La ha confermato che la che ha colpito un il mese scorso è riuscita a spingerlo fuori dalla sua orbita naturale.

Segna la prima volta che l’umanità ha alterato il movimento di un corpo naturale nello spazio.

La missione DART (Double Asteroid Redirection Test) è anche il primo test di un sistema di difesa planetario progettato per prevenire una potenziale collisione di un meteorite apocalittico con la Terra.

La missione da 325 milioni di dollari (333 milioni di euro) ha superato un traguardo fondamentale alla fine del mese scorso dopo essersi schiantata contro un asteroide di 160 metri chiamato Dimorphos, che è una luna di un asteroide cinque volte più grande chiamato Didymos.

La coppia aveva orbita attorno al sole per eoni senza minacciare la Terra prima che la navicella spaziale DART raggiungesse il suo obiettivo a 11,3 milioni di km dal nostro pianeta dopo un viaggio di 10 mesi nello spazio.

I risultati delle osservazioni del telescopio svelati durante un briefing giornalistico della NASA a Washington hanno confermato che il di della navicella DART ha raggiunto il suo obiettivo principale: cambiare la direzione di un asteroide attraverso la pura forza cinetica.

Le misurazioni astronomiche nelle ultime due settimane hanno mostrato che l’asteroide bersaglio è stato urtato leggermente più vicino all’asteroide genitore più grande su cui orbita e che il suo periodo orbitale è stato ridotto di 32 minuti, hanno affermato gli scienziati della NASA.

“Questo è un momento di svolta per la difesa planetaria e un momento di svolta per l’umanità”, ha detto ai giornalisti il ​​capo della NASA Bill Nelson nell’annunciare i risultati. “Sembrava la trama di un film, ma questa non era Hollywood”.

L’impatto del mese scorso è stato monitorato in tempo reale dal centro operativo della missione presso il Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory (APL) a Laurel, nel Maryland, dove il veicolo spaziale è stato progettato e costruito per la NASA.

Il confronto delle misurazioni pre e post-impatto della coppia Dimorphos-Didymos mentre uno eclissa l’altro che il periodo orbitale è stato ridotto a 11 ore e 23 minuti, con l’oggetto più piccolo urtato decine di metri più vicino al suo genitore.

Dimorphos ‘vacillante’

Tom Statler, scienziato del programma DART per la NASA, ha affermato che la collisione ha anche lasciato Dimorphos “vacillante un po’”, ma sarebbero necessarie ulteriori osservazioni per confermarlo.

Il risultato “ha dimostrato che siamo in grado di deviare un asteroide potenzialmente pericoloso di queste dimensioni”, se fosse stato scoperto con sufficiente anticipo, ha affermato Lori Glaze, direttrice della divisione di scienze planetarie della NASA. “La chiave è la ”.

Nancy Chabot, responsabile del coordinamento di DART presso l’APL, ha affermato che Dimorphos “è una dimensione di asteroide che è una priorità per la difesa planetaria”.

Un asteroide delle dimensioni di Dimorphos, sebbene non sia in grado di rappresentare una minaccia per l’intero pianeta, potrebbe radere al suolo una grande con un colpo diretto.

Gli scienziati avevano previsto che l’impatto del DART avrebbe abbreviato il percorso orbitale di Dimorphos di almeno 10 minuti, ma avrebbe considerato un un cambiamento di appena 73 secondi.

Quindi il cambio effettivo di oltre mezz’ora, con un margine di incertezza più o meno due minuti, ha superato le aspettative.

La composizione relativamente sciolta delle macerie in cui sembra essere costituito Dimorphos potrebbe essere un fattore di quanto l’asteroide sia stato spostato dal colpo di DART.

L’impatto ha fatto esplodere tonnellate di materiale roccioso dalla superficie dell’asteroide nello spazio, visibile nelle immagini del telescopio un grande pennacchio di detriti, producendo un effetto di rinculo che si è aggiunto alla forza esercitata su Dimorphos dalla collisione stessa, ha affermato la NASA.

Lanciato da un razzo SpaceX nel novembre 2021, DART ha effettuato la maggior parte del suo viaggio sotto la guida dei direttori di volo a terra, con il controllo passato al sistema di navigazione autonomo di bordo del velivolo nelle ultime ore del viaggio.

Dimorphos e Didymos sono entrambi minuscoli rispetto al cataclismatico asteroide Chicxulub che colpì la Terra circa 66 milioni di anni fa, spazzando via circa tre quarti delle specie animali e vegetali del mondo, compresi i dinosauri.

Secondo gli scienziati della NASA e gli esperti di difesa planetaria, gli asteroidi più piccoli sono molto più comuni e presentano una maggiore preoccupazione teorica a breve termine, rendendo la coppia Didymos soggetti di prova adatti alle loro dimensioni.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare