La crisi del costo della vita in Europa: questo è l’affitto in più che stai pagando nel tuo paese

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
La crisi del costo della vita in Europa: questo è l'affitto in più che stai pagando nel tuo paese

Coloro che hanno affittato una stanza o un appartamento in Europa negli ultimi 10 anni potrebbero aver notato che i loro canoni mensili sono recentemente aumentati, mentre chi è nuovo nel mercato degli affitti potrebbe non avere idea che prima le cose fossero molto più facili – almeno sulle loro finanze.

I prezzi degli affitti in Europa sono aumentati di uno sbalorditivo 17,6% negli ultimi 10 anni. In mezzo allo sfondo di in aumento Oltre a una crisi energetica che minaccia di lasciare molte famiglie incapaci di pagare le bollette questo inverno, il continente ha visto una crescita dell’1,7% solo negli ultimi tre mesi rispetto allo stesso del 2021.

Secondo gli ultimi dati di Eurostatgli affitti sono cresciuti costantemente dal 2010, mentre il mercato ha avuto alcuni alti e bassi prima di iniziare a crescere a spirale nel 2015.

Dov’era l’aumento più alto?

Gli affitti sono cresciuti quasi ovunque in Europa, ma da nessuna parte sono aumentati così drammaticamente come in .

Lo stato baltico ha registrato un aumento del prezzo degli affitti del 214%, poiché l’afflusso di persone nelle città più grandi del paese, inclusa Tallinn, ha spinto la domanda verso l’alto mentre l’offerta è rimasta limitata.

Questa situazione è stata recentemente esacerbata dall’arrivo di decine di migliaia di rifugiati ucraini in fuga dall’invasione russa nel loro paese che avevano bisogno di un alloggio.

Dopo l’Estonia nella corsa al vertice c’è il vicino stato baltico della Lituania, dove gli affitti sono ora del 139% più alti rispetto al 2010.

Affittare una casa nella capitale della Lituania, Vilnius, è diventato quasi impossibile, al punto che i legislatori del paese stanno valutando l’introduzione di un tetto massimo per l’affitto.

Secondo il Baltic News Network, gli sono quelli che stanno soffrendo di più per questi aumenti degli affitti, con un appartamento economico a Vilnius (compreso un bagno e la cucina) che ora costa 400 euro rispetto ai 100 euro o meno nel 2021.

Forse sorprendentemente, data la presenza di alcuni dei tassi di inflazione più bassi dell’UE, il terzo aumento più alto degli affitti è stato registrato in , dove gli affitti sono aumentati dell’82% negli ultimi 10 anni.

La ragione di tale aumento è, come nel caso dell’Estonia e della Lituania, la mancanza di immobili da affittare.

Le eccezioni alla regola

Mentre quasi tutti i paesi europei hanno visto un aumento dei prezzi degli affitti nell’ultimo decennio, c’erano due eccezioni: Grecia e .

Andando controcorrente, questi due paesi hanno effettivamente registrato una diminuzione dei prezzi degli affitti, sebbene questi siano quasi trascurabili rispetto agli sbalorditivi aumenti registrati da Estonia, Lituania e Irlanda.

In Grecia, l’affitto è diminuito in del 24% dal 2010 al luglio 2022. A Cipro, nello stesso periodo, i costi di affitto sono diminuiti dello 0,2%.

L’acquisto di una casa non è davvero un’alternativa facile

Al contrario, l’acquisto di una casa può sembrare una soluzione migliore per evitare sprechi di denaro, ma nell’attuale , anche questa non è un’opzione facile.

Secondo Eurostat, i prezzi delle abitazioni nell’Unione europea sono aumentati del 48% dal 2010.

In Estonia, anche i prezzi delle case hanno registrato aumenti a tre cifre, con le case che ora costano il 196% in più rispetto al 2010.

In il costo dell’acquisto di una casa è cresciuto del 168%, in Lussemburgo del 135%, in Lettonia del 131%, in Lituania e Cechia del 130% e in Austria del 121%.

Solo in Grecia, Italia e Cipro i prezzi sono diminuiti, con le case che ora costano rispettivamente il 23, 8 e 6 per cento in meno rispetto a 10 anni fa, secondo Eurostat.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare