Khosta-2: scoperto un nuovo virus del pipistrello russo che potrebbe infettare gli esseri umani e resistere ai vaccini COVID

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Khosta-2: scoperto un nuovo virus del pipistrello russo che potrebbe infettare gli esseri umani e resistere ai vaccini COVID

Quando SARS-CoV-2 – il virus alla base del -19 – è emerso in e ha rapidamente bloccato il intero, l’allora presidente amava chiamarlo “il virus cinese”.

Avanti veloce di due anni e mezzo e gli scienziati statunitensi avvertono che un virus appena scoperto ospitato dai pipistrelli a ferro di cavallo russi è anche in grado di infettare gli esseri umani ed eludere gli anticorpi e i vaccini COVID-19.

Il virus del pipistrello, chiamato Khosta-2, è noto come sarbecovirus – la stessa sottocategoria di coronavirus del SARS-CoV-2 – e “tratti preoccupanti”, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista PLoS Pathogens.

Un team guidato dai ricercatori della Paul G. Allen School for Global Health presso la Washington State University (WSU) ha scoperto che Khosta-2 può utilizzare le sue proteine ​​spike per infettare le cellule umane proprio come fa SARS-CoV-2.

“La nostra ricerca dimostra ulteriormente che i sarbecovirus che circolano nella fauna selvatica al di fuori dell’Asia – anche in luoghi come la occidentale dove è stato trovato il virus Khosta-2 – rappresentano anche una minaccia per la salute globale e le campagne vaccinali in corso contro SARS-CoV-2”, Michael Letko , un virologo della WSU e corrispondente autore dello studio, ha affermato in una nota.

Ha affermato che questa scoperta evidenzia la necessità di sviluppare nuovi vaccini che non solo colpiscano le varianti conosciute di SARS-CoV-2, come Omicron, ma che proteggano da tutti i sarbecovirus.

‘Strani virus russi’

Tra le centinaia di sarbecovirus scoperti negli ultimi anni, la maggior parte è stata trovata nei pipistrelli asiatici e non è in grado di infettare le cellule umane.

I virus Khosta-1 e Khosta-2 sono stati scoperti nei pipistrelli vicino al Parco nazionale russo di Sochi nel 2020 e inizialmente sembrava che non fossero una minaccia per l’uomo, secondo gli autori dello studio.

“Geneticamente, questi strani virus russi assomigliavano ad alcuni degli altri che erano stati scoperti in altre parti del mondo, ma poiché non assomigliavano a SARS-CoV-2, nessuno pensava che fossero davvero qualcosa di cui eccitarsi troppo”, Letko disse.

“Ma quando li abbiamo osservati di più, siamo rimasti davvero sorpresi di scoprire che potevano infettare le cellule umane. Questo cambia un po’ la nostra comprensione di questi virus, da dove provengono e quali regioni riguardano”.

‘Tratti preoccupanti’

Letko e i suoi colleghi hanno stabilito che Khosta-1 rappresentava un basso rischio per gli esseri umani, ma Khosta-2 era più preoccupante.

In particolare, come SARS-CoV-2, Khosta-2 può utilizzare la sua proteina spike per infettare le cellule legandosi a una proteina recettore, chiamata enzima di conversione dell’angiotensina 2 (ACE2), che si trova in tutte le cellule umane.

Gli scienziati hanno poi voluto scoprire se il virus potesse eludere l’ offerta dalle precedenti infezioni da coronavirus o dai vaccini COVID-19.

Usando il siero derivato da persone vaccinate contro COVID-19, il team ha scoperto che Khosta-2 non è stato neutralizzato dai vaccini attuali.

Hanno anche testato il siero di persone che erano state infettate dalla Omicron, ma anche in questo caso gli anticorpi erano inefficaci.

Fortunatamente, gli autori scrivono che il nuovo virus manca di alcune delle caratteristiche genetiche ritenute “antagonizzare” il sistema immunitario e contribuire alla negli esseri umani, ma c’è il rischio che Khosta-2 possa provocare il caos ricombinandosi con un secondo virus come SARS-CoV-2.

“Quando vedi che la SARS-2 ha questa capacità di riversarsi dagli esseri umani e nella fauna selvatica, e poi ci sono altri virus come Khosta-2 in attesa in quegli con queste proprietà che non vogliamo davvero che abbiano, imposta questo scenario in cui continui a tirare i dadi finché non si combinano per creare un virus potenzialmente più rischioso”, ha detto Letko.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare