Morbo di Alzheimer: un esperto spiega come i fattori dello stile di vita ne aumentino il rischio

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Il morbo di Alzheimer

Nel novembre 1906, Alois Alzheimer, uno psichiatra tedesco, presentò le caratteristiche cliniche di una donna insolita che sviluppò ideazione paranoica, compromissione della memoria e progressiva in una riunione di a Tubinga. Ha dimostrato che il suo cervello ’autopsia mostrava anomalie finora non descritte, designate placche neuritiche negli spazi extracellulari e grovigli neurofibrillari all’interno dei neuroni. Ha postulato che questi portassero alla neurodegenerazione e alla morte cellulare, producendo demenza. Il suo collega Emile Kraepelin ha prontamente chiamato questa “malattia di Alzheimer”. Anche dopo un secolo, la non ha portato a una cura in vista per questo disturbo invalidante.

L’identificazione dell’amiloide-beta come costituente principale delle placche e della tau fosforilata come groviglio all’interno dei neuroni ha portato a una corsa alla scoperta della sua biologia. I pazienti con malattia di Alzheimer si presentano ai neurologi con compromissione della memoria, cambiamenti nella personalità e nel comportamento e, a volte, compromissione delle capacità linguistiche e visuo-spaziali. I neurologi si affidano all’imaging del cervello per chiarire il restringimento regionale e l’utilizzo ridotto del glucosio per correlare le caratteristiche cliniche.

L’Alzheimer si verifica anche a causa della degenerazione dell’età. Immagine per gentile concessione: Shutterstock

Terapia per la malattia di Alzheimer

I tentativi terapeutici (utilizzando numerose metodologie) per bloccare l’accumulo di amiloide extracellulare e la fosforilazione della tau per via intraneuronale sono falliti negli studi clinici. Oggi, una volta che il morbo di Alzheimer è insorto, la terapia è essenzialmente di supporto. I farmaci prescritti aumentano la mancata di un neurotrasmettitore chiamato acetilcolina nel cervello e tentano di rallentare la degenerazione neurale. Alcuni farmaci sono prescritti per controllare le aberrazioni comportamentali che i pazienti esibiscono.

L’opinione attuale è che molteplici percorsi portano a questa forma catastrofica di insufficienza cerebrale. È accettato che sia la degenerazione neurale che la rigenerazione avvengano quotidianamente, sebbene in un sottile equilibrio.

Le cause dell’Alzheimer e i cambiamenti nello necessari per prevenirlo

Uno stile di vita sedentario, diabete e ipertensione non trattati, scarsa igiene del sonno nella mezza età e disturbi del sonno come l’apnea notturna possono accelerare lo sviluppo del morbo di Alzheimer in un individuo geneticamente vulnerabile. L’esercizio cardiovascolare regolare, l’investimento in una buona igiene del sonno, una equilibrata ricca di frutta e verdura, una prospettiva ottimista ed entusiasta sono tutti investimenti per la salute a favore della rigenerazione. Anche una sana connettività sociale e il perseguimento di nuovi hobby/passioni e il mantenimento di una buona igiene orale sono neuroprotettivi.

La scoperta di un esclusivo sistema escretore guidato dal sonno nel cervello chiamato “sistema glinfatico” ha portato a un’entusiastica indagine sul sonno come nuovo biomarcatore della biologia dell’amiloide. Il sistema glinfatico espelle in modo dimostrabile sia l’amiloide che la tau quotidianamente in individui normali e anche poche notti di privazione del sonno possono inclinare questo equilibrio in modo sfavorevole per il cervello.

Pertanto, i disturbi del sonno come l’apnea notturna (caratterizzata da una respirazione subottimale correlata al sonno) possono agire come catalizzatori biologici accelerando l’accumulo di amiloide cerebrale e tau. Mantenere un’igiene del sonno disciplinata e il trattamento precoce dei disturbi del sonno può allontanare lo spettro imminente del morbo di Alzheimer in età avanzata.

Leggi anche: Ora è possibile prevedere l’Alzheimer, afferma lo studio

La mancanza di sonno influisce sul rischio di Alzheimer
La mancanza di sonno influisce sul . Immagine per gentile concessione: Shutterstock

Molti luminari con brillanti carriere nel pubblico dominio sono caduti preda di questa compulsione professionale di privazione del sonno e hanno continuato a sviluppare il morbo di Alzheimer. Nomi come Ronald Reagan, Margaret Thatcher, Agatha Christie, Charles Bronson, Omar Sharif, Rita Hayworth e Sean Connery abbondano nella schiera di coloro che sono caduti preda di questo devastante disturbo degenerativo della tarda età. Chiaramente alcuni dei sottoprodotti della civiltà, ad esempio l’indulgenza alimentare, l’indisciplina del sonno, la frammentazione del tessuto sociale delle famiglie integrate e la in tarda età, sono i predatori non riconosciuti che si nascondono nell’ombra della biologia del cervello, pronti a esigere la loro “sterlina”. del cervello’, nonostante l’eroismo percepito della medicina moderna. Bisogna fare una pausa e introspezione.

I nostri stili di vita sono destinati a una riforma e il tempo potrebbe scadere per coloro che sono nella mezza età.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare