Inflazione record: quali paesi in Europa sono i più colpiti dall’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Inflazione record: quali sono i paesi europei più colpiti dall'impennata dei prezzi dell'energia e dei generi alimentari?

L’ nel Regno Unito è aumentata più del previsto in ottobre, raggiungendo l’11,1%, il livello più alto dal 1981.

Questo rispetto al 10,1% di inflazione a settembre, ha detto mercoledì l’Office for National Statistics. L’aumento è stato principalmente alimentato dall’aumento dei prezzi dell’elettricità e del gas, in aumento del 24% su base annua nonostante un tetto governativo, e dai prezzi dei generi alimentari, in aumento del 16,4%.

Nell’, l’inflazione annua dovrebbe raggiungere un nuovo massimo storico del 10,7% in ottobre, in aumento rispetto al 9,9% di settembre, secondo il ultima stima dell’ente statistico del blocco Eurostat.

Più della metà dei paesi della zona euro ha registrato tassi di inflazione a due cifre in ottobre, tra cui Germania (11,6%), Belgio (13,1%) e Paesi Bassi (16,8%). La Francia ha mostrato il tasso più basso, al 7,1%.

L’Italia ha visto il maggior aumento mensile dei prezzi, con l’inflazione che è passata dal 9,4% di settembre al 12,8% di ottobre.

I prezzi dell’energia sono stati ancora una volta i principali motori dell’inflazione nell’Eurozona, con un aumento del 41,9% su base annua, rispetto al 40,7% di settembre e al 38,6% di agosto.

Ogni angolo del continente sta affrontando un aumento dei prezzi, con il previsto rimbalzo economico dell’Europa dalla pandemia di coronavirus ostacolato da una serie di fattori.

Ecco uno sguardo al tasso di inflazione in ogni paese in Europa:

I paesi baltici continuano ad essere i più colpiti. L’Estonia in particolare sta registrando i più alti livelli di inflazione nell’Eurozona, al 22,4% in ottobre rispetto al 6,8% di un anno fa.

Ma gli estoni possono tirare un piccolo sospiro di sollievo questo mese, poiché l’inflazione è leggermente diminuita rispetto a settembre, quando ha raggiunto il 24,1%, e ad agosto, quando era al 25,2%.

Anche l’inflazione in Lituania ha toccato il 22,0%, mentre in Lettonia è scesa leggermente al 21,8%.

L’inflazione dell’Eurozona è aumentata rispetto al 7,4% di aprile, mentre gli europei continuano a vedere l’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari alimentato in parte dalla guerra della Russia in Ucraina

Seguendo le orme delle sue controparti in altre parti del mondo, a luglio la Banca centrale europea (BCE) ha alzato i tassi di interesse per la prima volta in 11 anni di un importo superiore al previsto, poiché mira a un’inflazione ostinatamente elevata.

Questo è stato seguito da un altro rialzo dei tassi record a settembre, sollevando nuove domande sul fatto che la corsa per rendere il credito più costoso e tenere sotto controllo l’inflazione farà precipitare le principali economie in .

Il 27 ottobre, la BCE ha aumentato nuovamente i tassi di interesse, aumentando il tasso sui depositi di ulteriori 75 punti base ’1,5%, il tasso più alto in oltre un decennio.

Cosa sta causando questi tassi di inflazione?

L’Europa e gran parte del resto del mondo erano già state colpite dall’aumento dei prezzi dell’energia, che contribuisce all’inflazione, prima dell’invasione russa dell’Ucraina alla fine di febbraio.

Il conflitto ha esacerbato la crisi energetica alimentando le preoccupazioni globali che potrebbe portare a un’interruzione delle forniture di petrolio o gas naturale dalla Russia. Mosca ha dichiarato a settembre che non riprenderà completamente le sue forniture di gas all’Europa fino a quando l’Occidente non revocherà le .

La Russia fornisce in circa il 40% del gas naturale europeo.

Anche i prezzi di molti prodotti, tra cui soprattutto il cibo, sono aumentati da quando i blocchi della pandemia di -19 sono stati introdotti per la prima volta due anni fa, mettendo a dura prova le catene di approvvigionamento globali, lasciando marcire i raccolti e provocando di panico nei supermercati.

La ha nuovamente peggiorato drasticamente le prospettive, poiché la Russia e l’Ucraina rappresentano quasi un terzo del grano e dell’orzo globali e due terzi delle esportazioni mondiali di di girasole utilizzato per cucinare. L’Ucraina è anche il quarto esportatore mondiale di mais.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ti potrebbe interessare