Il futuro della tecnologia francese: perché le start-up sono ottimiste nonostante la depressione economica e gli attacchi informatici

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Il futuro della tecnologia francese: perché le start-up sono ottimiste nonostante la depressione economica e gli attacchi informatici

Nonostante la corrente clima economico cupo, tagli di posti di lavoro nel settore tecnologico e ripresa dalla pandemia di COVID-19, le start-up francesi sono ottimiste sul futuro, mostra un nuovo sondaggio.

Secondo lo studio condotto da EY e France Digitale pubblicato martedì, quasi il 40% degli amministratori delegati delle start-up francesi ritiene che le proprie entrate raddoppieranno almeno quest’anno.

Le start-up tecnologiche francesi sono state a lungo una forza da non sottovalutare e sono arrivate appena dietro al e alla in termini di finanziamenti. La Francia ha anche 26 unicorni, società valutate oltre 1 miliardo di euro, e punta ad averne 100 entro il 2030.

Mentre le start-up francesi stanno mostrando molte promesse in questi tempi economici incerti, lo studio mostra che ci sono segnali di allarme che potrebbero rallentare la crescita.

Cosa ha trovato lo studio?

Il sondaggio ha interrogato quasi 600 start-up francesi sul loro ecosistema negli ultimi 10 anni e sulle loro aspettative per il futuro.

La francese ha mostrato la sua resilienza dopo la pandemia di COVID-19. Tra il 2021 e il 2020, le aziende hanno affermato che i loro ricavi sono aumentati del 23%, raggiungendo gli 8 miliardi di euro.

La raccolta fondi, nel frattempo, è cresciuta in modo significativo nel 2021, a 32 milioni di euro rispetto ai 18 milioni di euro dell’anno prima.

“Fondamentalmente, abbiamo un’iper-crescita: più cresciamo, più cresciamo. Quindi questo è un elemento molto importante in questa parte”, ha detto a Euronews Next Franck Sebag, partner di EY France e anche membro del comitato consultivo di France Digitale.

Tuttavia, lo studio ha rilevato che la percentuale di entrate generate ’estero è leggermente diminuita quest’anno, al 31% rispetto al 36% dell’anno scorso.

Una delle ragioni di questa prospettiva ottimistica, ha affermato Sebag, è perché c’è una tendenza verso le start-up che diventano più mirate alle esigenze dei consumatori, in campi come l’istruzione o la tecnologia sanitaria.

Ci sono “aziende che possono dare risposte sia al potere d’acquisto che anche a un consumo diverso e rispettoso anche del ”, ha affermato.

Andando avanti, i settori in cui si aspetta di prosperare sono: software as a service, deep tech, FinTech, blockchain e aziende che fanno bene al pianeta.

Oltre ad essere più mirate alle esigenze dei consumatori, le start-up possono anche essere più ottimiste perché fondate da giovani imprenditori.

“Penso che le start-up affrontino la realtà dell’economia come qualsiasi altra impresa. È tutta la società di oggi che si fa domande e si chiede cosa accadrà nei prossimi mesi”, ha detto a Euronews Next Maya Noel, direttrice di France Digitale, un’associazione di start-up francesi.

“I numeri forse dimostrano che ci troviamo di fronte ad aziende per la maggior parte più giovani e corrispondenti alle attuali esigenze di clienti e consumatori”.

Paure di una crisi di liquidità

Tuttavia, il futuro non è del tutto roseo. Lo studio ha mostrato che il 71% degli intervistati ha preso in considerazione l’idea di ottenere finanziamenti tramite prestiti bancari.

Ha anche dimostrato che molteplici fattori economici come aumenti dei prezzi materiali e hanno avuto un forte impatto sulla corsa di cassa delle start-up, sulla durata di un’azienda prima che finisca la liquidità.

Poco più del 62% delle start-up ha dichiarato che la propria pista di cassa è inferiore o uguale a 12 mesi. Si tratta principalmente di startup che hanno generato ricavi inferiori a 5 milioni di euro.

Quali sono le sfide per le start-up?

Lo studio ha evidenziato che, ancora una volta, la sfida principale è il reclutamento in Francia.

Circa il 75% delle start-up francesi impiega stranieri. Tuttavia, tra gli oltre 6.000 posti di lavoro creati dagli intervistati, l’87% è stato assunto in Francia.

Noel ha affermato che il reclutamento è fondamentale per le start-up francesi per continuare sulla loro traiettoria ascendente. Per fare ciò, ha detto che la formazione è fondamentale.

“Devi formare le persone, anche gli in giovane età della scuola primaria o secondaria e anche la formazione continua per la riqualificazione per i più anziani”, ha detto.

“Quello che la Francia può fare e in Europa, in particolare, è permettere la creazione di questi corsi di formazione e permetterne la creazione in tempi rapidi”.

Il secondo punto, ha aggiunto, è che le start-up devono essere ancora in grado di assumere più facilmente talenti dall’estero, soprattutto dall’UE.

“La standardizzazione in Europa è una delle sfide di oggi per un’azienda in via di sviluppo che decide di assumere da altri paesi europei. La diversa amministrazione è un vero grattacapo, il che rende più difficile attrarre talenti”.

Il sondaggio ha mostrato che il 2022 creerà nuove opportunità per i dipendenti poiché il 98% degli intervistati prevede di assumere entro il prossimo anno.

I profili più ricercati sono i ruoli nelle vendite, nel marketing e nel dei clienti, secondo il 44% degli intervistati. I più difficili da trovare sono i programmatori e gli sviluppatori, secondo il 58 per cento degli intervistati.

Punti deboli: diversità e informatica

La diversità di genere è un’area chiave di miglioramento per le start-up, anche se c’è stato un leggero miglioramento poiché il 14% degli amministratori delegati interrogati nel sondaggio quest’anno erano donne, rispetto all’11% dell’anno scorso.

Inoltre, il 31% degli intervistati ha dichiarato di assumere persone di età superiore ai 55 anni e il 21% ha affermato di assumere persone con disabilità.

Una delle sfide tecniche per le start-up sviluppate lo scorso anno è stata la sicurezza informatica.

Quasi il 40% delle start-up intervistate ha subito attacchi informatici lo scorso anno, un enorme aumento rispetto al 13% nel 2020.

Da allora, circa un terzo delle aziende ha implementato nuovi protocolli di sicurezza informatica dall’inizio della guerra in Ucraina alla fine di febbraio.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare