Il co-living decolla in Europa tra il boom del lavoro a distanza e la crisi del costo della vita

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Il co-living decolla in Europa tra il boom del lavoro a distanza e la crisi del costo della vita

“Sembrava un po’ scoraggiante: l’ultima volta che ho condiviso è stato quando ero ’università, e ho pensato, voglio davvero condividere?”

Sophia Husbands racconta è arrivata a provare una sistemazione in co-living l’anno scorso. Stava cercando di prendersi una pausa dal Regno Unito per esplorare un posto nuovo, incontrare persone che la pensano allo stesso modo e lavorare a distanza in una lontano da casa.

Il co-living è il concetto di alloggio di gruppo, dove le persone possono affittare una stanza – o anche un letto in una stanza – e condividere le aree comuni con gli altri.

A prima vista, i vantaggi sono chiari. Non c’è bisogno di preoccuparsi di pagare fatture diverse in quanto sono inclusi in un unico prezzo. Puoi spostarti da un posto all’altro con facilità. E hai accesso immediato a una comunità di persone che potrebbero trovarsi su una barca simile alla tua.

E anche se suonava ancora un po’ come vivere nelle aule universitarie, Mariti si sono resi conto che “mi ha colpito il fatto che sono una persona socievole, quindi ho pensato ‘perché non ci provo’?”

Husbands, 43 anni, è una consulente IT che gestisce anche il suo marchio di benessere SophiaWorld. Ha colto l’occasione per lavorare a distanza per un po’, e ha trovato una stanza presso l’Awid Aman Nomad Community a Tenerife.

Questa comunità è stata pensata per le persone che vogliono seguire una ed esplorare i grandi spazi aperti delle Canarie.

“È bello avere una nicchia in termini di co-living space. Con quello in cui ho soggiornato, c’erano persone che sono creative o imprenditori, o persone che vogliono avere un assaggio di essere un libero professionista che vive all’estero”, ha detto Husbands a Euronews Next.

Aveva la sua camera e il suo bagno e la colazione le veniva preparata dal lunedì al venerdì. C’erano altre opzioni disponibili, inclusa la condivisione di una camera o di un bagno per una tariffa più economica.

Oltre alle basi della vita, ne ha incontrate molte altre nomadi digitali e ha continuato passeggiate sui vulcani, gite in spiaggia e altre attività culturali.

“Sì, potresti vivere con estranei, ma rende più facile integrarsi, incontrare altri compagni di o espatriati o gente del posto”, ha detto, aggiungendo che ora sta valutando la possibilità di soggiornare in un altro spazio di co-living questo autunno.

“Tanta domanda e pochissima offerta”

L’idea del co-living è decollata negli ultimi anni, con più aziende coinvolte in uno spazio che considerano maturo per la crescita.

“C’è molta domanda e pochissima offerta”, ha affermato Riccardo Tessaro, CEO di Gravity Co-living, che attualmente ha quattro strutture ricettive in co-living nel Regno Unito.

Ha detto a Euronews Next che il pareggio numero uno per il co-living è la flessibilità.

“Offriamo qualsiasi cosa da un mese a 12 mesi. Questo perché la domanda di alloggi residenziali sta cambiando molto rapidamente. Ci sono molti giovani professionisti che si spostano per le città, soprattutto professionisti della tecnologia”.

Quei professionisti della tecnologia sono un obiettivo particolare del marketing di Gravity, con l’azienda che cerca di stabilire legami con i grandi attori tecnologici man mano che cresce.

“Se ti stai trasferendo da New York a , potresti avere un programma di formazione di sei mesi con Facebook, ad esempio, ed è molto difficile per loro trovare una soluzione a meno che non scelgano Airbnb, appartamenti con servizi o , disse Tessaro.

“Il mercato è diviso tra tradizionale a lungo termine [renting] a brevissimo termine”, ha spiegato, osservando che soggiorni prolungati in hotel o AirBnb possono essere estremamente costosi.

È qui che crede che l’offerta di co-living entri in gioco: per coloro che non sanno esattamente per quanto tempo dovranno rimanere da qualche parte, ma che sanno che ci vorrà almeno qualche mese, al momento non ci sono molte buone opzioni .

Gravity ha recentemente raccolto 5 milioni di sterline (5,7 milioni di euro) come parte di una mossa per espandersi ad altri centri commerciali europei, con piani già in atto per l’istituzione a Barcellona, ​​Parigi e Milano.

Tessaro ha elencato i principali vantaggi del co-living Gravity come “flessibilità, il fatto che sia tutto compreso, l’accesso a una comunità dinamica di giovani professionisti e tutti i vantaggi che possono avere dal punto di vista sociale e professionale”.

Poiché gli inquilini potrebbero non sapere esattamente per quanto tempo rimarranno, “deve essere un ambiente in cui è facile per loro fare amicizia e non devono preoccuparsi delle bollette”, ha aggiunto.

“Spero che non russano!”

Lo spazio co-living è diversificato e non è riservato solo ai nomadi digitali e ai lavoratori della tecnologia. Offre anche la possibilità di vivere in un posto nuovo, potenzialmente anche gratuitamente, come volontario.

Questo è esattamente ciò per cui si sta preparando Maria Vigue, una 29enne catalana.

“Sono super entusiasta di incontrare imprenditori e giovani ambiziosi per condividere le conoscenze”, ha detto a Euronews Next pochi giorni prima di trasferirsi in un ostello Coliving Frilingue a Liddes, in . “La mia unica preoccupazione è incontrare i miei coinquilini, spero che non russano!”

Questo spazio co-living è nello stile di un ostello piuttosto che di un appartamento servito nel centro città.

“Sono una persona che apprezza le esperienze più delle cose materiali”, ha detto Vigue.

“Un co-living è un luogo dove puoi interagire con gli altri condividendo spazi comuni e funziona come una comunità per condividere progetti professionali e farli crescere, condividendo nuove idee e punti di vista. Inoltre, come volontaria, non devo pagare l’affitto o il cibo”, ha aggiunto.

Vigue farà volontariato mentre esplora la zona e cerca un lavoro. Crede che il co-living continuerà a guadagnare popolarità.

“Penso che in generale tutti i millennial apprezzino sempre più esperienze, piuttosto che cose materiali”, ha detto.

“Per questo penso che il concetto di co-living si stia allargando e in futuro ci saranno più giovani che, dopo la residenza universitaria, vorranno mantenere lo stesso stile di vita comunitario lavorando”.

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews (Il co-living decolla in tra il boom del lavoro a distanza e la crisi del costo della vita
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare