Elon Musk potrebbe tagliare “metà dei lavori su Twitter” e cancellare la sua politica di lavoro a distanza

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Elon Musk potrebbe tagliare "metà dei lavori su Twitter" e cancellare la sua politica di lavoro a distanza

Secondo quanto riferito, sta cercando di tagliare 3.700 posti di lavoro su Twitter, ovvero circa la metà della forza lavoro dell’, nel tentativo di ridurre i costi della piattaforma di che ha appena acquisito.

Vuole anche revocare il diritto dei dipendenti a lavorare da remoto e richiedere loro di entrare in ufficio a tempo pieno, secondo Bloomberg, Axios e FT, che citano persone vicine alla questione.

Le persone colpite dai tagli potrebbero essere informate venerdì, secondo i rapporti.

In appena una settimana, Musk ha già preso alcune decisioni controverse riguardo alla piattaforma che ha acquistato per 44,4 miliardi di euro dopo mesi di drammi legali.

Dopo licenziare i vertici di Twitterl’ si è nominato amministratore delegato, ha annunciato che avrebbe addebitato agli utenti l’ambito segno di spunta blu e ha proposto di ripristinare la defunta piattaforma di condivisione video Vite.

I dipendenti di Twitter si sono preparati a potenziali licenziamenti di massa nelle ultime due settimane, a seguito di a rapporto bomba dal Washington Post che Musk intendeva sbarazzarsi di quasi il 75% dei 7.500 dipendenti dell’azienda.

Il New York Times segnalato la scorsa settimana che Musk aveva pianificato di licenziare i dipendenti di Twitter prima del 1 novembre per evitare sovvenzioni in azioni dovute quel giorno, cosa che ha negato.

Addio lavoro a distanza

Quando la pandemia di ha colpito, Twitter è stata una delle prime aziende a consentire ai dipendenti di lavorare in remoto su base permanente.

Ma sotto Musk, secondo quanto riferito, ora prevede di richiedere al personale rimanente di tornare negli uffici fisici a tempo pieno.

Coloro che hanno bisogno di trasferirsi per essere vicino a un ufficio di Twitter avranno solo 60 giorni per farlo, secondo Axios. Una fonte che ha familiarità con la questione ha detto al sito web di notizie che molti dipendenti non possono o non saranno disposti a trasferirsi, quindi anche più posti di lavoro andrebbero persi.

Ma secondo tutti i rapporti, i piani per la piattaforma sono in continua evoluzione in questo momento e diverse riunioni del personale sono state annullate con breve preavviso negli ultimi giorni.

’inizio di quest’anno, Musk ha emanato un mandato di ritorno in carica simile in una delle sue altre società, la di auto elettriche . Ha detto che si aspettava che tutti in Tesla trascorressero almeno 40 ore in ufficio ogni settimana, o semplicemente “fingi di lavorare” altrove.

Cosa significa questo per il futuro di Twitter?

Senza un consiglio senior, metà della sua potenza e una forza lavoro potenzialmente infelice, saranno tempi interessanti per l’uccellino blu.

Diversi personaggi pubblici hanno già segnalato di essere pronti a lasciare la piattaforma, tra cui il romanziere horror Stephen King e la leggenda dell’NBA LeBron James e il creatore. Altri, come la sceneggiatrice Shonda Rhimes, hanno già fatto la loro uscita.

Euronews Next ha parlato con un ex dipendente di Twitter, che ha spiegato com’era lavorare lì sotto la sua precedente guida alcuni anni fa.

“C’era la sensazione generale che stessimo facendo qualcosa di veramente essenziale e positivo, anche se stressante e ad alta pressione.

“Una cosa che ho notato mentre c’era era quanto Twiter fosse gentile con i suoi dipendenti. Ottimo con cose come la . Abbiamo molti vantaggi. Anche molto collaborativo e quasi tutti quelli che lavorano lì sembravano appassionati di quello che stavano facendo”.

Oggi abbiamo contattato un attuale dipendente di Twitter per un commento sugli eventi della scorsa settimana. Mi hanno risposto: “Impossibile parlare in questo momento, troppo stressato”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare