Comprensori sciistici francesi su piste scivolose con 15 milioni di euro di bolletta energetica: ecco come tagliano i costi

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Comprensori sciistici francesi su piste scivolose con 15 milioni di euro di bolletta energetica: ecco come tagliano i costi

Le stazioni sciistiche di tutta Europa si stanno preparando per la loro più grande stagione invernale da quando ha colpito il , ma l’aumento dei prezzi dell’energia potrebbe gettare un’altra chiave nel .

L’elettricità è la chiave per far funzionare i resort, dall’illuminazione degli chalet alla gestione degli di risalita come un orologio. Tutto questo sta costando sempre di più, mettendo a repentaglio la riapertura di alcune piste.

La Francia ha recentemente introdotto una serie di misure di , dallo spegnimento del Torre Eiffel prima di abbassare la temperatura di piscine.

Allora, qual è il punto di vista sui piani di “sobrietà energetica” di Macron dal cime delle montagne?

Le stazioni sciistiche francesi potranno aprire quest’?

Bollette elettriche per il francese sciare resort e gestori di impianti di risalita potrebbero moltiplicarsi fino a otto volte il prossimo anno, avverte Anne Marty, vicepresidente del sindacato Domaines Skiables de France (DSF) e vicedirettore generale di Altiservice, che gestisce una serie di resort nel Pirenei.

Coloro i cui contratti scadono a gennaio devono affrontare aumenti particolarmente bruschi, afferma. Nelle località Altiservice di Saint-Lary e Font-Romeu, le bollette potrebbero salire a 15 milioni di euro da 2 milioni di euro nella peggiore delle ipotesi, mandando in rosso gli hotspot turistici.

Anche Sébastien Giraud, che gestisce la stazione di Villard-de-Lans nel massiccio del Vercors, ha avuto alcune cifre da condividere. “Non siamo in grado di firmare un nuovo contratto con EDF date le proposte che ci sono state fatte”, ha detto alla stazione radio France 3.

“La bolletta dell’elettricità rappresenterebbe tra il 20 per cento e il 25 per cento del nostro fatturato, contro il 5 per cento attuale”, ha detto, aggiungendo che “non saremo in grado di pagarla. Allo stato attuale, non potremo aprire”.

Gli attuali prezzi dell’elettricità sono “un grosso ostacolo”, concorda Fabrice Boutet, direttore generale del gruppo SATA che gestisce gli impianti di risalita in diverse stazioni sciistiche. Le bollette energetiche del gruppo aumenteranno da circa 2 a 20 milioni di euro, ha detto all’AFP.

Le seggiovie devono essere considerate un ‘mezzo di ’?

Con le aziende determinate ad aprire questo inverno, i proprietari chiedono il sostegno del governo per farli passare.

Marty sostiene che “le seggiovie sono un mezzo di trasporto, proprio come gli autobus o le metropolitane. I gestori degli impianti di risalita hanno una responsabilità nei del pubblico. Hanno quindi l’obbligo di aprire”.

Il DSF chiede alle compagnie di impianti di risalita di ricevere lo stesso sostegno statale di cui dispone energia intensa ne traggono vantaggio le imprese di altri settori. Frédéric Géromin, presidente della regione dell’Isère, ha anche suggerito che il governo potrebbe introdurre una tariffa, proteggendo gli operatori degli ascensori come le famiglie che hanno subito il congelamento delle bollette energetiche con un aumento del quattro per cento.

Quindi cosa significa per avido sciatori? La chiusura degli impianti di risalita e delle cabinovie avrebbe ovviamente ripercussioni sull’intero ecosistema montano, comprese le scuole di , i ristoranti e alberghi.

In che modo le stazioni sciistiche risparmiano energia?

Tuttavia, è più probabile che i vacanzieri vedano lievi cambiamenti, comprese salite leggermente più lente.

“La priorità è adottare un piano di sobrietà per ridurre il più possibile i nostri consumi”, ha detto agli ascoltatori di RCF il presidente di DSF Alexandre Maullin. “Con un po’ di ingegno, possiamo arrivare tutti con un calo del 10%. [as Macron has requested of businesses].”

Alcune piste potrebbero essere servite da una funivia anziché da due durante i periodi non di punta. La velocità di altri impianti di risalita potrebbe essere abbassata da sei metri a quattro metri al secondo, e “lo sciatore non si accorgerà della differenza”, ha detto Maullin.

Più evidente sarà un probabile aumento del prezzo delle vacanze sulla neve. “Parte del aggiuntivo sarà inevitabilmente trasferita al cliente finale”, afferma DSF. Sebbene Géromin affermi che le aziende faranno il possibile per evitarlo, con i turisti francesi e altri che già soffrono per l’inflazione.

I resort alimentati con energia rinnovabile andranno meglio

I resort che hanno investito nelle energie rinnovabili ne sentiranno i benefici quest’inverno.

Serre Chevalier, nella regione delle Hautes-Alpes, è il primo comprensorio sciistico al a produrre la propria elettricità utilizzando tre fonti di energia pulita. L’energia idroelettrica, i pannelli solari e i piccoli aerogeneratori alimentano il 30 per cento del suo consumo totale, alimentando impianti di risalita, sale macchine e impianti di innevamento.

Ha già sperimentato la riduzione della velocità degli impianti di risalita quando ci sono meno sciatori, con il 70% degli utenti che ha dato loro il pollice in su.

Una minaccia più esistenziale e di vasta portata per le piste da sci è cambiamento climaticoquindi ha senso che anche i resort stiano cercando di ridurre le emissioni risparmiando energia.

Secondo Serre Chevalier, il 95 per cento delle emissioni di gas serra nei comprensori sciistici sono prodotte da macchine per il battipista. Quindi sta anche cercando di passare dal diesel al carburante HVO e lasciare più piste non battute, o “brutes de neige”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ti potrebbe interessare