Artemis 1: La NASA posticipa il lancio della prima missione sulla Luna in 50 anni a causa di problemi al motore

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Artemis 1: La NASA posticipa il lancio della prima missione sulla Luna in 50 anni a causa di problemi al motore

Una perdita di carburante e poi un problema al motore durante i preparativi finali per il decollo hanno portato la NASA a posticipare lunedì il tanto atteso lancio del suo nuovo gigantesco Moon.

Il prossimo tentativo di lancio non avrà luogo prima di venerdì (2 settembre).

Il razzo doveva decollare in una missione per spingere una capsula senza equipaggio nell’orbita lunare, avvicinando gli Stati Uniti a riportare gli astronauti sulla Luna per la prima volta da quando il programma Apollo si è concluso 50 anni fa.

Ma poco prima del previsto decollo, la NASA ha ripetutamente interrotto e riavviato il rifornimento del suo razzo Space Launch System (SLS) con idrogeno e ossigeno superfreddi a di una perdita di idrogeno altamente esplosivo nello stesso punto in cui si è verificata una perdita durante una prova generale in primavera.

Quindi, la NASA ha avuto nuovi problemi quando non è stata in grado di raffreddare correttamente uno dei quattro principali del razzo, hanno detto i funzionari.

Gli ingegneri hanno continuato a lavorare per raccogliere e individuare l’origine del problema dopo che è stato annunciato che il lancio era stato cancellato.

molto complicata’

La missione Artemis 1 è un di prova di enorme importanza. Il lancio, originariamente previsto per lunedì durante una finestra di due ore a partire dalle 08:33 ora locale (14:33 CEST), vedrà un modulo Orion senza messo in orbita attorno alla Luna prima di tornare sulla Terra 42 giorni dopo.

Raccoglierà dati cruciali in vista delle prossime fasi della missione: un lancio con equipaggio del modulo Orion in orbita lunare, seguito dalla prima missione per far atterrare umani sulla Luna dal 1972.

L’amministratore della NASA Bill Nelson ha affermato che il lancio cancellato è “illustrativo che questa è una macchina molto complicata, un sistema molto complicato e tutte queste cose devono funzionare”.

“Non vuoi accendere la candela finché non è pronta per partire”, ha aggiunto, ricordando ai telespettatori della NASA TV che astronauta era nell’equipaggio del 24° volo dello Space Shuttle, un volo che è stato ritardato di quattro volte prima di essere lanciato al quinto tentativo.

Cos’è Artemide 1?

Questa è la prima fase della missione Artemis, che ha l’obiettivo finale di stabilire una presenza a lungo termine sulla superficie della Luna.

La NASA lancerà una navicella spaziale Orion senza pilota in orbita attorno alla Luna durante un test per garantire che le missioni con equipaggio siano il più sicure possibile.

La navicella spaziale Orion sarà lanciata dal Kennedy Space Center in sul gigantesco razzo della NASA, chiamato Space Launch System (SLS).

È, secondo la NASA, il razzo più potente del , in grado di trasportare più carico utile nello spazio profondo di qualsiasi altro veicolo.

Con un’altezza di quasi 100 m, l’SLS può fornire 4 milioni di kg di spinta. Due minuti dopo il lancio, due booster si staccheranno dal razzo, seguiti dallo stadio centrale (che funge da spina dorsale del razzo, svolgendo la maggior parte del sollevamento pesante).

Queste parti cadranno nell’Oceano Pacifico, mentre la navicella Orion continua la sua rotta verso la Luna.

Orion percorrerà 450.000 km dalla Terra e migliaia di chilometri oltre la Luna nel corso della missione di quattro o sei settimane.

“Lo sottolineeremo e lo testeremo. Lo faremo fare cose che non faremmo mai con un equipaggio a bordo per cercare di renderlo il più sicuro possibile”, ha detto l’amministratore della NASA Bill Nelson su mercoledì (24 agosto).

Orion sarà spinto verso la Luna da un modulo di servizio fornito dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA).

Manichini per prove di volo

La navicella Orion, alta 3 metri, può ospitare quattro astronauti.

Un manichino a grandezza naturale con una tuta da volo arancione occuperà il posto del comandante per questo volo, attrezzato con sensori di vibrazione e accelerazione.

Altri due manichini realizzati con materiale simulante il tessuto umano misureranno la radiazione cosmica, che è uno dei maggiori rischi del volo spaziale.

Il volo vedrà anche dieci satelliti delle dimensioni di una scatola da scarpe spuntare dalla capsula una volta che è in rotta verso la Luna, che misurerà la radiazione, tra le altre cose.

Cosa succede dopo Artemis 1?

Dopo Artemis I arriva Artemis 2 e 3, le prime missioni lunari con equipaggio della NASA in cinque decenni.

Se tutto era andato secondo i piani per la prima missione di prova del 29 agosto, il secondo volo di prova attorno alla Luna – questa volta con equipaggio – era previsto per il 2024.

Ma poiché il giorno del lancio di Artemis 1 ha visto il decollo cancellato e la missione è stata nuovamente ritardata, è ancora da vedere se anche la successiva missione Artemis verrà respinta.

Artemis 3 dovrebbe andare avanti un anno dopo Artemis 2. Questo sarà il primo sbarco lunare con equipaggio dall’Apollo 17 nel 1972. Sarà anche la prima missione a far sbarcare una donna sulla Luna.

Le missioni riguarderanno il test dei sistemi necessari per stabilire una base gateway in orbita attorno alla Luna, che sarebbe la base per le missioni sulla superficie lunare. Con una presenza a lungo termine stabilita sulla o intorno alla Luna, sarebbe quindi utilizzata per future missioni più lontane, incluso su Marte.

“Questo non era un lavoro per una o due persone. Si trattava di team di centinaia di persone provenienti da background diversi, esperienze diverse che lo hanno reso possibile insieme”, ha affermato Nicholas Nugent, un ingegnere di progetto presso lo Stennis Space Center.

“Stiamo per lanciare il razzo che hanno costruito queste persone. Che bello? Puoi dire ‘Ho lavorato su quel razzo’ e loro stanno lavorando al secondo e al terzo e al quarto e al quinto, ” ha affermato Lonnie Dutreix, direttore della Michoud Assembly Facility di New Orleans.

Quanto costa tutto questo?

Le missioni Artemis sono state afflitte da ritardi e guasti tecnici, quindi c’è stata molta pressione al lancio di lunedì.

Il costo di Artemis 1 è salito a 4 miliardi di dollari (4 miliardi di euro) e l’intero programma riporterà la NASA ad almeno 93 miliardi di dollari (93 miliardi di euro) quando gli astronauti atterreranno di nuovo sulla Luna.

“Questo è un volo di prova, va bene e non è privo di rischi. Abbiamo analizzato il rischio nel miglior modo possibile e abbiamo anche mitigato il meglio possibile”, ha detto Bob Cabana, amministratore associato della NASA, prima del lancio.

“Ma stiamo sottolineando Orion al di là di ciò per cui è stato effettivamente progettato. In preparazione per inviarlo sulla Luna con un equipaggio e vogliamo assicurarci che funzioni perfettamente quando lo facciamo e che comprendiamo tutti i rischi. Impareremo molto da questo volo di prova”.

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews (Artemis 1: La NASA posticipa il lancio della prima missione sulla Luna in 50 anni a causa di problemi al motore
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare