Il controllo finanziario britannico afferma che FTX potrebbe operare nel Regno Unito senza autorizzazione

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Il controllo finanziario britannico afferma che FTX potrebbe operare nel Regno Unito senza autorizzazione

L’autorità di regolamentazione finanziaria britannica, la Financial Conduct Authority (), afferma che l’exchange di criptovalute FTX potrebbe offrire servizi o prodotti finanziari nel senza la sua autorizzazione.

FTX è uno dei più grandi scambi di criptovalute del mondo, che ha alzato il suo profilo quest’anno agendo il cavaliere bianco delle criptovalute, gettando ancoraggi di salvezza alle piattaforme di asset digitali che hanno vacillato con il crollo dei delle criptovalute.

“Quasi tutte le aziende e le persone che offrono, promuovono o vendono servizi o prodotti finanziari nel Regno Unito devono essere autorizzate o registrate da noi”, ha affermato la FCA in una dichiarazione venerdì (16 settembre) passata in gran parte inosservata durante i preparativi per i funerali di stato della .

“Questa non è autorizzata da noi e prende di mira persone nel Regno Unito”, afferma la dichiarazione, che riportava l’argomento “FTX”.

“Non avrai accesso al Financial Ombudsman Service o sarai protetto dal Financial Services Compensation Scheme (FSCS), quindi è improbabile che possa recuperare i tuoi soldi se le cose vanno male”, ha aggiunto.

FTX non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento inviata lunedì, giorno festivo nel Regno Unito.

Le autorità di regolamentazione di tutto il mondo continuano a lottare con il modo migliore per regolamentare il settore delle criptovalute, il cui crollo ha recentemente spazzato via fortune e suscitato richieste di controllo più rigoroso in tutto il mondo.

Ad aprile, il del Regno Unito ha dichiarato di essere impegnato a regolamentare monete stabilie a luglio la FCA ha affermato che erano necessarie regole globali per regolamentare le società crittografiche internazionali e “mantenere puliti i mercati“.

Nello stesso mese, l’ ha concordato a nuovo regolamento storico fornendo agli emittenti di criptovalute e ai fornitori di servizi correlati un “” per servire i clienti in tutta l’UE da un’unica base, rispettando nel contempo le regole di protezione del capitale e dei consumatori.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare