A un bivio: le auto a idrogeno offrono un futuro migliore rispetto ai veicoli elettrici?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
A un bivio: le auto a idrogeno offrono un futuro migliore di quelle elettriche?

Le vendite di auto elettriche a batteria (BEVS) sono in aumento in tutta Europa e, secondo l’annuale Global Electric Vehicle Outlook, ogni settimana ne vengono vendute di più rispetto all’intero 2012.

Ma nonostante la crescente popolarità, la carenza di componenti chiave per le batterie, inclusi litio, nichel e cobalto, potrebbe minacciare l’approvvigionamento. Quindi, è tempo di concentrarsi sull’energia basata sull’idrogeno?

A differenza dell’Europa, dove ci sono solo una manciata di auto a idrogeno in vendita e circa 228 stazioni di rifornimento, l’Asia scommette sull’idrogeno.

Il giapponese prevede di avere 800.000 veicoli a idrogeno sulle strade entro il 2030, mentre la Cina ha fissato un obiettivo ambizioso di 1 milione entro il 2035.

È probabile che questi primi passi riducano i costi, aumentino il volume e sviluppino la catena di approvvigionamento.

Anche le case automobilistiche restano divise e, ad eccezione di Toyota e Hyundai, poche stanno investendo molto nell’idrogeno. Più recentemente, però, la BMW sta rinnovando il suo interesse e vede un ruolo per le auto alimentate a idrogeno da affiancare a quelle elettriche.

Hanno in programma di lanciare un piccolo numero di auto BMW iX5 Hydrogen in tutto il mondo a partire dalla fine di quest’anno inizialmente a scopo di test.

fonte di energia versatile, l’idrogeno ha un ruolo chiave da svolgere sulla strada verso la neutralità climatica”, ha affermato Oliver Zipse, presidente del consiglio di amministrazione di BMW AG.

Il gruppo Stellantis ha anche intrapreso una produzione limitata di furgoni a idrogeno commerciali. Ma non tutti sono d’accordo; Mercedes ha accantonato i piani per immettere sul mercato auto a celle a combustibile a idrogeno così come Audi.

Qual è la differenza tra un’auto elettrica e un’auto a idrogeno?

In parole povere, un veicolo elettrico a batteria è alimentato dall’ immagazzinata in una batteria e si ricarica collegandosi alla rete elettrica.

Un veicolo elettrico a celle a combustibile a idrogeno produce la propria elettricità attraverso una reazione chimica nella sua pila di celle a combustibile. Questa elettricità poi alimenta i motori per le ruote e l’unica emissione è il vapore acqueo. Le auto a celle a combustibile a idrogeno vengono rifornite in specifiche stazioni di servizio.

Il bello di un’auto a idrogeno è che puoi ricaricare nel tempo necessario per riempire un’auto a benzina o diesel, raggiungere un’autonomia simile e tutto questo producendo emissioni zero.

Allora, perché l’idrogeno sta lottando per prendere piede? L’idrogeno presenta una serie di sfide; da bassa efficienza a costi elevati.

Bassa efficienza a di elevate perdite di energia

Il modo più pulito per produrre idrogeno è l’elettrolisi, il processo di utilizzo dell’elettricità per dividere l’ in idrogeno e ossigeno. Ma è ad alta intensità energetica e l’efficienza è ben al di sotto del 100%.

Nel momento in cui si trasporta l’idrogeno a una stazione di rifornimento, si sono verificate più perdite e anche se è possibile bypassare la fase di , anche il costo dello stoccaggio è elevato.

Si stima che quando ci si mette in e l’idrogeno viene convertito in elettricità nell’auto, viene utilizzato solo il 38% circa dell’elettricità originale.

Infrastrutture scadenti

Il punto chiave di vendita delle auto a idrogeno è che possono fare rifornimento in pochi minuti, ma nonostante siano gli elementi più abbondanti nell’universo, trovare un posto dove rifornire un’auto a idrogeno è molto difficile.

sta il problema della gallina e delle uova dell’idrogeno, chi comprerà le auto a idrogeno se le stazioni di rifornimento non esistono? E chi investirà nelle stazioni di rifornimento se le auto non saranno disponibili?

Il rischio di investimento iniziale della costruzione di un’infrastruttura per l’idrogeno è troppo alto per una singola , quindi è probabile che affrontare questo problema richieda una pianificazione e un coordinamento che riunisca governi, industria e investitori.

L’idrogeno è altamente infiammabile

L’idrogeno è altamente infiammabile, difficile da immagazzinare e rappresenta un rischio per la sicurezza in caso di incidente. Tuttavia, le case automobilistiche come Toyota insistono sul fatto che le auto elettriche a celle a combustibile sono sicure quanto i veicoli convenzionali.

La casa automobilistica giapponese ha trascorso molti anni a testare auto alimentate a idrogeno in condizioni e temperature estreme per garantire che possano essere utilizzate in modo sicuro e affidabile.

Quali auto a idrogeno puoi comprare?

Mentre le nuove auto elettriche vengono lanciate regolarmente, ci sono solo due auto a idrogeno disponibili per l’acquisto in Europa; il SUV Hyundai Nexo e la Toyota Mirai.

Anche le auto a idrogeno non sono solo costose da acquistare, ma sono anche costose da rifornire di carburante. Anche l’entità di quanto costano rispetto alla ricarica di un’auto elettrica varia notevolmente tra i paesi.

Cosa riserva il futuro per l’idrogeno e le auto elettriche?

La giuria è ancora fuori se ci sia un posto per entrambe le tecnologie.

I BEV non sono privi di problemi; sono costosi da acquistare e possono richiedere molto tempo per ricaricarsi.

Inoltre, le auto elettriche possono non generare emissioni dallo scarico, ma le fonti di alimentazione della batteria, il riciclaggio dei suoi componenti e la produzione dei veicoli e delle batterie contribuiscono alle . Inoltre, l’estrazione di molte delle materie prime solleva problemi sia etici che ambientali.

Ma la mancanza di un’infrastruttura per il rifornimento di idrogeno, le sfide legate al trasporto del carburante e il fatto che per far muovere un veicolo a idrogeno è necessaria molta più energia rispetto a un veicolo elettrico a batteria significa che per ora il futuro è elettrico a batteria.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare