Verificato a un prezzo: gli utenti verificati di Twitter potrebbero presto essere costretti a pagare per mantenere i loro segni di spunta blu

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Verificato a un prezzo: gli utenti verificati di Twitter potrebbero presto essere costretti a pagare per mantenere i loro segni di spunta blu

Dalla sua acquisizione ufficiale della società giovedì 27 ottobre, il nuovo proprietario di Twitter non ha perso tempo ad apportare modifiche alla piattaforma.

Dopo un inizio infuocato che ha visto i massimi dirigenti dell’ essere licenziati da Musk senza troppe cerimonie, il sta ora rivalutando l’approccio dell’app agli account verificati.

Gli utenti di Twitter blue-tick verranno presto addebitati

La modifica è stata annunciata da Muschio in un tweet di domenica, che recita: “L’intero processo di verifica è stato rinnovato in questo momento”. Non sono stati forniti ulteriori dettagli su quali modifiche potrebbero essere in arrivo ai segni di spunta blu dell’app, portando a speculazioni.

La newsletter tecnologica Platformer ha riferito lo stesso giorno che lo hanno affermato due fonti vicine alla questione Twitter sta valutando la possibilità di addebitare agli utenti in cambio dell’ambito segno di spunta blu.

La modifica varrebbe anche per chi ha già il segno di spunta blu (che include lo stesso Musk): secondo la newsletter, gli utenti dovrebbero iscriversi a Twitter Blue, un pagamento mensile che dà alle persone più impegnate su Twitter l’accesso esclusivo a funzionalità premium – per $ 4,99 (€ 5,02) al mese, o perderanno il loro stato verificato.

Secondo il rapporto, gli utenti di Twitter con il badge verificato avranno 90 giorni per iscriversi al servizio premium dell’app prima di essere privati ​​dei segni di spunta blu e dell’autorità che ne deriva.

Al momento, i segni di spunta blu vengono assegnati solo agli utenti che rappresentano un’istituzione, un marchio o un’azienda di rilievo, che possono fornire una della propria identità (un collegamento a un ufficiale, verifica dell’identità o un indirizzo e-mail ufficiale) e che sono sulla piattaforma.

‘Estremamente divertente’ e ‘totalmente al contrario’: le reazioni degli utenti di Twitter con il segno di spunta blu

La della probabile in arrivo della monetizzazione del segno di spunta blu è stata accolta con scetticismo, ironia e indignazione da parte degli utenti.

“Monetizzare la vanità dei tossicodipendenti di Twitter con il blue check è purtroppo estremamente divertente”, twittato giornalista Ryan Broderick.

“Ricevo e-mail ogni giorno da prodotti aziendali di vanità che mi offrono di nominarmi ‘miglior avvocato’ o cose del se pago loro una commissione. Non pago nessuno di loro. Non pagherò nemmeno Twitter per un badge blu, ” ha scritto L’avvocato per la nazionale americano Bradley P. Moss. “Elon può fare quello che vuole. È la sua compagnia. Non devo pagare per questo.”

“L’idea di costringere le persone a pagare per assegni blu ribalta completamente la proposta di valore di Twitter. Affinché Twitter abbia valore, deve fornire informazioni valide da fonti legittime. Se qualcuno può pagare per l’apparenza di validità, il sito perde tutto il valore, ” twittato Max Berger.

spesso accade con Musk, non c’è modo di sapere se andrà avanti con l’attuazione di questo piano.

Ma potrebbero esserci altri cambiamenti in arrivo per Twitter Blue, lanciato a giugno dello scorso anno, secondo un rapporto di The Verge di domenica, Twitter aumenterà il canone mensile a $ 19,99 (€ 20) al mese.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare