Uwe Seeler, leggenda del calcio della Germania occidentale, è morto a 85 anni

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Uwe Seeler, che ha guidato la Germania Ovest alla finale dei Mondiali del 1966 capitano della nazionale, è morto giovedì. Aveva 85 anni.

“Se Uwe Seeler si allacciasse le scarpe, il portiere avversario potrebbe vestirsi in modo caloroso e preferibilmente indossare un secondo paio di guanti perché Seeler ha segnato da ogni parte e in ogni modo possibile”, ha scritto l’Hamburger SV, club della sua , in un supplemento speciale per festeggiare . attaccante ampiamente considerato come uno dei più grandi giocatori della Germania e una leggenda nazionale.

“Che si trattasse di calci alla rovescia, colpi di testa volanti, tiri dalla distanza, volée, pallonetti, tiri opportunistici, ha sempre trovato un modo per portare la palla oltre la linea”.

Il cancelliere Olaf Scholz ha dichiarato su che il Paese è in lutto per la morte del “nostro Uwe”.

“Era un modello per molti, una leggenda del calcio e, naturalmente, un cittadino onorario di Amburgo. Mi è stato permesso di tenere il discorso dopo cena per il suo 80esimo compleanno: ‘In realtà, tutti noi vogliamo essere come il nostro Uwe: noi stessi fiducioso e modesto.’ Ci mancherà”, ha scritto Scholz.

Seeler ha ricevuto offerte da club in e Italia, in particolare una grande offerta dall’Inter nel 1961, ma ha deciso di rimanere ad Amburgo.

Ha giocato per l’Amburgo dal 1952 al 1973, segnando 445 gol in 519 presenze in Oberliga e Bundesliga con la squadra. Rimane il capocannoniere dell’Amburgo in Bundesliga con 137 gol. Il club ha affermato che Seeler ha segnato 507 gol in 587 partite ufficiali per il club in totale.

L’Amburgo, che era stata l’unica squadra rimasta ad aver giocato ogni stagione in Bundesliga dalla formazione del campionato nel 1963, è stata finalmente retrocessa in seconda divisione nel 2018.

Il club ha lamentato questo giovedì la perdita di una “leggenda”.

“Uwe Seeler rappresenta tutto ciò che rende una brava persona: i piedi per terra, la lealtà, la gioia di vivere ed è sempre stato accessibile. È l’epitome dell’HSV”, ha affermato il direttore sportivo del club Jonas Boldt.

“Personalmente, ho un ricordo speciale del nostro ultimo compleanno insieme. Ha parlato di affari, ha chiesto del suo HSV, mi ha dato consigli e alcune battute. Non lo dimenticheremo mai e lo apprezzeremo sempre”.

Seeler ha segnato 43 gol in 72 partite con la Germania Ovest, finendo secondo in Inghilterra alla Coppa del Mondo del 1966 e con una medaglia al terzo posto quattro anni dopo in . Ha fatto parte della nazionale tedesca per 16 anni.

“Mentre ero in quattro Coppe del Mondo, mi sarebbe piaciuto vincere il titolo una volta. Non sono stato fortunato”, ha detto Seeler. “Comunque, è stato tutto meraviglioso. Non mi pento di niente”.

Seeler è stato votato calciatore tedesco dell’anno nel 1960, 1964 e 1970.

Il grande brasiliano ha incluso Seeler nella sua lista dei più grandi giocatori viventi del mondo nel 2004.

“La sua gestione della palla era perfetta, il suo tiro era preciso e ciò che mi ha davvero stupito è stata la sua capacità di testa”, ha detto Pele.

Seeler ha vinto il campionato tedesco nel 1960 e la Coppa di Germania nel 1963 con l’Amburgo, ma ha anche sopportato il crepacuore con i quasi incidenti in Coppa dei Campioni e Coppa delle Coppe. L’Amburgo ha perso contro il nelle semifinali di Coppa dei Campioni nel 1961 e contro il Milan nella finale di Coppa delle Coppe nel 1968.

Seeler ha subito ripetute battute d’arresto per la salute negli ultimi anni. Nel maggio 2020 è stato operato per riparare un’anca rotta dopo una brutta caduta in .

Ha perso l’udito all’orecchio destro e ha avuto problemi di equilibrio dopo un incidente d’auto nel 2010. Aveva anche un pacemaker montato e un tumore alla spalla doveva essere rimosso, ha riferito l’agenzia di stampa dpa.

Seeler è stato sposato con sua moglie, Ilka, per più di 60 anni. Ebbero tre figlie. Suo nipote, Levin Öztunali, gioca per il club della Bundesliga Union Berlin.

Anche il fratello maggiore di Seeler, Dieter, ha giocato per l’Amburgo. Suo padre, Erwin, lavorava su una chiatta nel porto di Amburgo ed era noto anche per giocare a calcio in città.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare