Twitter ripristina i giornalisti banditi dopo il voto online di Elon Musk

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Twitter ripristina i giornalisti banditi dopo il voto online di Elon Musk

Il proprietario di Elon Musk ha dichiarato che ripristinerà gli account di diversi giornalisti sospesi dalla piattaforma dei , dopo che Musk li ha accusati di mettere in pericolo la sua famiglia.

“Le persone hanno parlato. Gli account che hanno doxxato la mia posizione vedranno revocare la sospensione ora”, ha twittato il miliardario.

La mossa è arrivata dopo Musk metti un sondaggio, chiedendo se i giornalisti debbano essere reintegrati subito o dopo sette giorni di sospensione. Quasi il 59% dei 3,69 milioni di persone che hanno preso parte al sondaggio ha affermato che dovrebbe ripristinarli immediatamente.

Le Nazioni Unite e il L’Unione Europea aveva condannato La decisione di Twitter venerdì di sospendere diversi giornalisti che coprono la piattaforma dei social media e lo stesso Musk.

I giornalisti del New York Times, del Washington Post, della CNN e di Voice of America erano tra coloro i cui account sono stati rimossi. Anche l’account ufficiale di Mastodon, un decentralizzato presentato come alternativa a Twitter, è stato bandito.

“Siamo molto turbati dalla sospensione arbitraria degli account dei giornalisti che abbiamo visto su Twitter”, ha detto il portavoce delle Nazioni Unite Stephane Dujarric.

“La mossa crea un pericoloso precedente in un momento in cui i giornalisti di tutto il mondo devono affrontare , minacce fisiche e anche peggio”.

Venerdì, Věra Jourová, vicepresidente della per i valori e la trasparenza, ha avvertito Musk che Twitter potrebbe presto subire ai sensi dei nuovi regolamenti dell’UE.

Alcuni account sembrano essere stati riattivati, come quello dell’ex giornalista di Vox Aaron Rupar.

“All’inizio ero piuttosto dispiaciuto di essere stato sospeso, ma ho subito capito che sarebbe andato tutto bene perché ho la fortuna di avere una fantastica comunità online”, ha twittato Rupar, ringraziando le persone per il loro supporto.

La polemica è iniziata mercoledì quando Elon Musk ha annunciato la sospensione di @elonjet, un account che riportava automaticamente i suoi viaggi in jet privato. Alcuni account hanno poi twittato sulla decisione.

Elon Musk ha giustificato la sospensione dei conti dicendo che mettevano in pericolo la sua incolumità e quella della sua famiglia.

Mercoledì aveva affermato in un tweet che un con uno dei suoi a bordo era stato rintracciato a da “uno stalker pazzo”, che sembrava creare un collegamento causale con il posizionamento in tempo reale del suo jet.

“Hanno pubblicato la mia esatta posizione in tempo reale, che è letteralmente le coordinate di un assassinio, in diretta (ed evidente) dei termini di servizio di Twitter”, ha anche affermato.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare