TikTok potrebbe incorrere in una multa di 30 milioni di euro nel Regno Unito per violazione della protezione dei dati

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
TikTok potrebbe incorrere in una multa di 30 milioni di euro nel Regno Unito per violazione della protezione dei dati

TikTok rischia una potenziale multa di 27 milioni di sterline (30 milioni di euro) nel per una possibile violazione della sulla protezione dei del paese.

Si riferisce a una presunta incapacità di proteggere la privacy dei quando utilizzano l’app ed è solo l’ultimo di una serie di problemi di privacy riguardanti la piattaforma di condivisione .

L’ufficio del Commissario per le informazioni del Regno Unito ha dichiarato lunedì di aver emesso alla società di social un documento legale che precede una potenziale multa.

Ha affermato che TikTok potrebbe aver elaborato i dati di bambini di età inferiore ai 13 anni senza il consenso dei genitori appropriato e elaborato “dati di categorie speciali” senza motivi legali per farlo.

Il commissario ha affermato che “dati di categoria speciale” includevano origine etnica e razziale, opinioni , convinzioni religiose e orientamento sessuale.

Ha anche affermato che TikTok potrebbe non essere riuscito a fornire informazioni trasparenti e facilmente comprensibili ai suoi utenti. Il documento legale copre il da maggio 2018 a luglio 2020.

Il commissario per l’informazione John Edwards ha affermato che il punto di provvisorio delle organizzazioni era che TikTok “non è riuscito a fornire adeguate protezioni della privacy dei dati.

L’ufficio ha affermato che i risultati non sono definitivi e che prenderà in considerazione eventuali dichiarazioni di TikTok prima di prendere una decisione definitiva.

“Sebbene rispettiamo il ruolo dell’ICO nella salvaguardia della privacy nel Regno Unito, non siamo d’accordo con le opinioni preliminari espresse e intendiamo rispondere formalmente all’ICO”, si legge in una dichiarazione rilasciata da TikTok, che è di proprietà della società cinese ByteDance.

Il britannico sta spingendo per il suo disegno di legge sulla sicurezza online, che richiede alle aziende tecnologiche di proteggere i bambini da contenuti dannosi.

L’Information Commissioner’s Office ha affermato di avere altre sei indagini in corso su aziende che non sembrano aver preso abbastanza sul serio le proprie responsabilità in materia di sicurezza dei bambini.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ti potrebbe interessare