Ti piacciono i film horror? L’inquietante Isola delle bambole in Messico potrebbe essere la destinazione dei tuoi sogni

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Ti piacciono i film horror?  L'inquietante Isola delle bambole in Messico potrebbe essere la destinazione dei tuoi sogni

Sei abbastanza coraggioso da visitare l’isola delle bambole?

L’inquietante isola di Xochimilco – meglio conosciuta Isla de las Muñecas, o l’isola delle bambole – si trova appena a sud di città del .

Ma nessun essere umano vive più , solo bambole.

Migliaia di giocattoli mutilati pendono da soffitti, alberi e barche ormeggiate sulla riva. Alcuni sono enormi, altri minuscoli, alcuni sono teste decapitate.

Alcuni locali affermano che l’isola lo sia infestato.

“Gli apparati sono stati installati e sì, c’è attività paranormale. Qui la concentrazione di energia è forte, puoi davvero sentirla”, afferma José Gabriel González Franco, una guida turistica locale.

“Ecco perché l’isola delle bambole è una delle più grandi terrificante luoghi del ”.

Perché l’isola delle bambole è infestata dai fantasmi?

Le bambole sono state raccolte qui per 70 anni. Nel 1950, secondo la leggenda locale, un bambino cadde in acqua vicino all’isola.

UN Locale un uomo di nome Don Julián Santana è intervenuto per salvarla, ma non è riuscito a la ragazza dall’annegamento.

Non c’è un rapporto ufficiale sull’ o sulla , ma Don Julián Santana ha comunque segnato il punto in cui dice che il bambino è caduto ed è morto con un crocifisso bianco.

Dopo la morte, Santana – una cattolica che credeva anche nel misticismo – fu distrutta dal senso di colpa. Pensava che il triste fantasma della ragazza potesse perseguitare l’isola.

Appendendo i giocattoli rotti e indesiderati, sperava di spaventare l’anima del bambino annegato e altri spiriti che credeva fossero perseguitandolo.

“Per oltre 17 anni della sua vita ha collezionato bambole dai bidoni della spazzatura o dai cassonetti, dagli amici, dai canali. La maggior parte ha una particolarità: essere bambole brutte, bambole vecchie, bambole bruciate, mutilate o deformate. Quella era la condizione”, dice González Franco.

Oggi, da tutto il mondo vengono a visitare il sinistro isola.

“Se ora, di giorno, ti senti, non so, un po’ strano, ora immagina di notte quando tutto è in silenzio, senti uno strano rumore”, dice Teresa Reina che è qui con le sue tre figlie di Nayarit dentro Messico.

“Non lo so, non dormirei qui, nota anche se fossi pagato”

“A dire il vero ti viene la d’oca. Voglio dire, sì, puoi percepire un energia diversa, eppure mi è piaciuto molto. Penso che sia un’esperienza diversa, ma unica”, afferma Natalia Pinzon, un avvocato colombiano.

Puoi portare le tue bambole per incontrare i residenti di Xochimilco. Ma qualunque cosa tu faccia, non portarla via.

“Sento decisamente una sorta di energia qui. E non voglio assolutamente disturbarla o toccarla. Lasciala così com’era”, consiglia Adrian Acosta di Miami.

Il di quest’isola è tale che, lungo i canali di Xochimilco, si trovano ora diverse repliche de L’isola delle bambole nelle aree circostanti.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare