Siamo diretti verso una nuova recessione globale? Gli economisti avvertono che la prossima recessione è incombente

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Siamo diretti verso una nuova recessione globale?  Gli economisti avvertono che la prossima recessione è incombente

Se anni di sconvolgimenti causati dalla pandemia di , l’escalation dell’inflazione e la in non sono sufficienti, alcuni economisti avvertono ora che una nuova recessione globale potrebbe incombere.

Secondo il Fondo Monetario Internazionale (FMI), i principali fattori trainanti di questa prospettiva pessimistica sono le flessioni in e Russia, la debolezza dei consumi negli e le condizioni finanziarie tese a causa di un’inflazione mondiale superiore alle attese.

Inoltre, le ricadute della guerra in Ucraina stanno ulteriormente complicando il quadro economico e a luglio il FMI ha declassato le previsioni di crescita globale per il 2022 al 3,2%, un punto percentuale in meno rispetto alle previsioni di aprile di quest’anno.

In generale, una recessione è definita una flessione grave, diffusa e prolungata dell’attività economica, ma una regola pratica comune è rappresentata da due quarti di calo consecutivo del prodotto interno lordo (PIL), la misura della produzione economica di una regione.

Con questa definizione tecnica, si potrebbe già dire che gli Stati Uniti stanno attraversando una recessione.

Dopotutto, il PIL del Paese è sceso dell’1,6 per cento nel primo trimestre dell’anno e di un ulteriore 0,9 per cento nel secondo.

Ma come sottolinea Jan Egbert Sturm, direttore del KOF Swiss Economic Institute presso l’ETH di Zurigo, anche questa definizione tecnica non è un indicatore perfetto.

“Altri aspetti con cui definiamo l’, come, ad esempio, il , stavano effettivamente andando abbastanza bene e quindi non danno ancora segnali di recessione”, ha detto a Euronews Next.

Gestire l’inflazione

Due rapporti sull’occupazione negli Stati Uniti di luglio e agosto di quest’anno hanno mostrato che il paese ha aggiunto rispettivamente 528.000 e 315.000 posti di lavoro, indicando un mercato del lavoro ancora solido nonostante le pressioni.

Ma poiché questa è una cifra che può rimanere indietro rispetto a un calo del PIL, tutti gli occhi saranno puntati sui rapporti nei prossimi mesi per segni di problemi.

Spostandosi in Europa, il grande timore è per i prossimi trimestri in cui le misure fiscali per gestire l’inflazione e le consegne strangolate di dalla Russia potrebbero avere un impatto sull’economia.

“Attualmente, il mercato del lavoro europeo sta ancora andando molto bene”, ha affermato Sturm.

“Stiamo ancora uscendo dalla pandemia, per così dire, dalla crisi lì. E vediamo che i numeri del mercato del lavoro stanno ancora andando nella giusta direzione. Ma questo potrebbe cambiare, ed è quello che la gente teme”.

Un’altra componente che potrebbe portarci in una recessione è il costante chiacchiericcio e la copertura su di esso che potrebbe ridurre la fiducia dei consumatori.

“Siamo in questa situazione in cui tutti si preoccupano di ciò che sta arrivando e cosa facciamo se ti preoccupi? Bene, la tua reazione normale è, beh, stiamo attenti a fare transazioni più grandi”, ha spiegato Sturm.

“E se tutti abbiamo questo atteggiamento, ‘aspettiamo e vediamo’, allora la domanda, ovviamente, non è come dovrebbe essere, e in realtà siamo in una recessione. Quindi, in quel particolare senso, si autoavvera “.

Per ulteriori informazioni su questa storia, guarda il nel lettore multimediale sopra.

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews ( Siamo diretti verso una nuova recessione globale? Gli economisti avvertono che la prossima recessione è incombente
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare