“Sembra di tornare a casa”: perché le persone stanno accettando di diventare “lavoratori boomerang”

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
"Sembra di tornare a casa": perché le persone stanno accettando di diventare "lavoratori boomerang"

C’è stato un recente brusio attorno ai concetti di “smettere tranquillamente” – e “sparare silenzioso” – su LinkedIn e oltre, e un’altra frase relativa al lavoro sta iniziando a prendere il suo momento ora.

Con molte aziende che lottano per assumere il talento giusto e sulla scia delle turbolenze causate dalla pandemia di coronavirus, i cosiddetti “dipendenti boomerang” stanno entrando alla ribalta.

I dipendenti Boomerang sono persone che lasciano un posto di lavoro per un altro, prima di tornare ancora una volta al datore di lavoro originale.

L’analisi di un set di globale dalla piattaforma di analisi delle risorse umane Visier ha rilevato che circa un terzo delle assunzioni esterne sono dipendenti boomerang.

Il report Boomerang Workers di Visier si basava su dati contenenti 15 milioni di record di dipendenti provenienti da oltre 15.000 aziende in tutto il mondo.

Mentre c’era un po’ di stigma intorno al concetto di tornare in un posto che avevi lasciato in precedenza, gli esperti di reclutamento affermano che il concetto di dipendente boomerang non è assolutamente nulla di cui essere imbarazzati.

In molti casi, ci sono grandi vantaggi sia per il lavoratore che per il datore di lavoro.

‘Non sbattere mai una porta dietro di te’

Un lavoratore che ora è tornato al suo vecchio datore di lavoro dopo essere stato licenziato durante la pandemia ha detto a Euronews Next “se fossi stato in grado di progettarlo per funzionare in questo modo, l’avrei fatto”.

Rob, che desidera non essere completamente identificato, ha lavorato per nove anni per una grande società di eventi nel , gestendo eventi.

Poiché i blocchi hanno costretto gli eventi dal vivo a cancellare, il suo settore è stato particolarmente colpito e, insieme a circa 130 persone nella sua compagnia, è stato licenziato.

“Ci hanno con empatia, cura e dedizione”, ha detto.

“Alcune persone hanno risposto male a quella posizione, ma ho preso la decisione consapevole che sapevo che era una decisione commerciale che doveva essere presa. Ho adottato un atteggiamento positivo durante tutto il processo, il più positivo possibile, credendo onestamente che a un certo punto potrei finire per lavorare di nuovo per loro”.

Ed è esattamente quello che è . Dopo aver trascorso circa un anno a creare la propria società di consulenza e a creare una base di clienti, è stato richiamato dal suo vecchio datore di lavoro come consulente.

“Guadagno un po’ di più per tre giorni a settimana rispetto a cinque giorni a settimana e ho due giorni a settimana per altri clienti. Ha funzionato davvero. C’è un elemento di fortuna, ma penso anche che sia quella cosa di non sbattere mai una porta dietro di te”.

Rob ha detto che era la terza volta che veniva licenziato nella sua carriera e se ne è sempre andato in buoni rapporti. Nella sua attuale azienda, quando è stato licenziato, ha inviato e-mail a persone anziane dicendo di aver compreso la decisione, augurando loro buona fortuna e persino ringraziandole.

La sua situazione riflette alcuni dei risultati riportati da Visier nel loro rapporto sui lavoratori di Boomerang quest’anno.

Dicono che il tempo critico per la riassunzione sia di circa 13 mesi, con i lavoratori del boomerang che guadagnano in il 25% in più quando tornano.

“In genere sono i migliori dipendenti”

Mentre Rob è stato licenziato prima di tornare al suo vecchio datore di lavoro, molti lavoratori del boomerang prendono la decisione di andarsene.

Secondo Arran Stewart, co-fondatore della piattaforma di reclutamento basata su blockchain Job.com, è un’opportunità per coloro che hanno forse raggiunto un tetto nella loro attuale azienda, per esplorare il mercato e l’esperienza a un livello più alto che possono non arrivare alla loro attuale compagnia.

“Se hai lasciato l’azienda bene, è sempre un’esperienza davvero positiva tornare da un datore di lavoro dormiente e in genere da ex colleghi dopo che sei uscito sul mercato”, ha detto.

“Potresti anche aver acquisito ulteriore esperienza e abilità che possono migliorare l’azienda in cui stai tornando”.

Stewart ha detto che ci sono un certo numero di lavoratori boomerang nella sua azienda.

“Hanno avuto la possibilità di riconoscere quanto sei bravo rispetto agli altri datori di lavoro”, ha detto, aggiungendo che questo crea un senso di lealtà più profondo nel lavoratore.

Quando tornano, sono anche molto veloci a reintegrarsi nell’azienda e con i loro ex colleghi.

“Posso dirtelo, in genere sono i migliori dipendenti”, ha detto.

La grande rassegnazione

Stewart non è il solo ad avere ex dipendenti che tornano a lavorare per la sua azienda.

“Scherziamo sui nostri dipendenti boomerang, in particolare sulla pausa post-carriera, sul fatto che ho un filo invisibile e team continua a tornare per saperne di più!” Victoria McLean, CEO e fondatrice della società di consulenza professionale City CV, ha dichiarato a Euronews Next.

Negli ultimi anni ha assistito a una grande crescita nella tendenza dei dipendenti del boomerang. Ciò è in parte dovuto a livelli generalmente elevati di , il che significa che le aziende stanno lottando per assumere talenti e stanno quindi cercando di assumere ex dipendenti di qualità.

Ma è anche dovuto alle cosiddette Grandi Dimissioni, che sono state introdotte dalla pandemia di COVID-19 e dalle successive mutevoli aspettative dei lavoratori sull’equilibrio tra lavoro e vita privata.

“Ho anche visto, dai nostri candidati, esempi di persone che hanno lasciato il lavoro durante le ‘Grandi Dimissioni’ quando il loro obiettivo era ottenere un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata, ma hanno scoperto che l’erba non è sempre più verde e hanno sono tornati dai loro precedenti datori di lavoro, riconoscendo quanto fossero bravi”, ha detto.

Per molti lavoratori boomerang, il ritorno al loro vecchio datore di lavoro può essere estremamente positivo, ha aggiunto.

“Probabilmente hai anche acquisito una nuova prospettiva, una nuova esperienza e potresti essere più qualificato. Conosci la squadra, i sistemi e le ed è probabile che quando e se tornerai, sarà come tornare a ”.

‘Non mi pento di aver lasciato’

Questo è quello che è successo a Sebastian Zuniga, che lavora come Global Renewals Manager presso HireVue negli .

Ha lasciato il suo ruolo lì per accrescere le sue capacità in una posizione diversa in un’altra azienda, ma ha scoperto che la cultura, la missione e la leadership non erano una buona partita per lui come quelle di HireVue.

“In realtà era un mio obiettivo tornare un giorno e sono entusiasta che sia diventato una realtà”, ha detto.

È tornato a un nuovo ruolo e da allora è stato promosso.

“Non mi pento di aver lasciato”, ha detto. “Mi ha permesso di crescere come persona e di riportare in HireVue nuove conoscenze ed esperienze che prima non avevo”.

Ma McLean avverte che i lavoratori non dovrebbero fare affidamento sulla possibilità di tornare dal loro vecchio datore di lavoro, anche se hanno lasciato l’azienda in buoni rapporti.

“Se c’è qualcosa nel tuo attuale ruolo di cui non sei soddisfatto e vorresti cambiare o migliorare, un approccio migliore è semplicemente essere aperti con il tuo datore di lavoro”, ha detto.

“La comunicazione è fondamentale. E sicuramente questo è molto più semplice che fare una mossa e poi sperare di tornare”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare