Pianeta potenzialmente abitabile delle dimensioni della Terra scoperto a 100 anni luce dalla Terra

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Pianeta potenzialmente abitabile delle dimensioni della Terra scoperto a 100 anni luce dalla Terra

La NASA ha individuato un extrasolare delle dimensioni della Terra che orbita all’interno della zona abitabile della sua stella, il che significa che potrebbe ospitare acqua liquida sulla sua superficie.

La scoperta del pianeta – chiamato TOI 700 e – è stata annunciata in un articolo sulla rivista The Astrophysical Journal Letters.

È stato trovato utilizzando i dati del Transiting Exoplanet Survey (TESS) della NASA, un che va a caccia di esopianeti.

È probabile che il pianeta appena scoperto sia roccioso, secondo gli , il che potrebbe anche renderlo più probabile candidato per ospitare la .

L’acqua liquida potrebbe anche esistere sulla sua superficie ad un certo punto durante la sua vita planetaria perché si trova nella zona abitabile della sua stella. Ciò significa che la temperatura potrebbe essere giusta sul pianeta perché non è né troppo vicino né troppo lontano dalla stella.

Le osservazioni rivelano che TOI 700 e ha il 95% delle dimensioni della Terra ed esiste in un sistema solare accanto ad altri pianeti potenzialmente abitabili che sono già stati scoperti.

In orbita attorno a una fredda stella nana M chiamata TOI 700, situata a circa 100 anni luce di distanza, i pianeti TOI 700 b, c e d erano stati precedentemente scoperti, ma per individuare TOI 700 e è stato necessario un altro anno di dati osservativi a delle sue piccole dimensioni e distanza.

“Se la stella fosse un po’ più vicina o il pianeta un po’ più grande, avremmo potuto individuare TOI 700 e nel primo anno di dati TESS”, ha affermato Ben Hord, dottorando presso l’Università del Maryland, College Park e un ricercatore laureato presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland. “Ma il segnale era così debole che abbiamo avuto bisogno dell’anno aggiuntivo di osservazioni di transito per identificarlo.”

“Questo è uno dei pochi sistemi con pianeti multipli, piccoli e abitabili di cui siamo a conoscenza”, ha detto Emily Gilbert, borsista post-dottorato presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California, che ha guidato il lavoro.

“Ciò rende il sistema TOI 700 una prospettiva entusiasmante per un ulteriore follow-up. Il pianeta e è circa il 10% più piccolo del pianeta d, quindi il sistema anche come ulteriori osservazioni TESS ci aiutino a trovare mondi sempre più piccoli».

Anche TOI 700 d orbita nella zona abitabile.

Il pianeta più interno, TOI 700 b, orbita attorno alla stella ogni 10 giorni, mentre TOI 700 c lo fa ogni 16 giorni. Si ritiene che questi due pianeti siano bloccati in modo mareale, il che significa che un lato è sempre rivolto verso il loro sole, come fa la Luna con la Terra.

TOI 700 d nel frattempo impiega 28 giorni per orbitare attorno alla sua stella.

TESS monitora sezioni del cielo per circa 27 giorni alla volta, consentendo al satellite di tracciare i cambiamenti nella luminosità delle stelle. L’attenuazione della luce può essere causata da un pianeta che gli passa davanti dalla linea di del satellite.

Trovare altri sistemi con mondi delle dimensioni della Terra in questa regione aiuta gli scienziati planetari a conoscere meglio la del nostro sistema solare.

È in corso uno studio di follow-up del sistema TOI 700 con osservatori spaziali e terrestri, ha affermato Gilbert, e potrebbe fornire ulteriori approfondimenti su questo raro sistema.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare