Perché lavorare da casa è qui per restare, nonostante alcune aziende cerchino di riportare il personale a tempo pieno

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Perché lavorare da casa è qui per restare, nonostante alcune aziende cerchino di riportare il personale a tempo pieno

Con la fine dell’estate, molti datori di lavoro stanno cercando di convincere il proprio personale a tornare in ufficio ai livelli pre-pandemia o almeno a tempo parziale.

Dall’inizio della pandemia di COVID-19, più di due anni e mezzo fa, le aziende hanno adottato il modello di lavoro da casa o di lavoro ibrido.

Ma alcuni datori di lavoro, come il capo di Tesla , chiedono che i loro dipendenti tornino in ufficio almeno 40 ore a settimana.

Altre aziende, come Apple, stanno cercando di convincere i propri dipendenti a tornare alle loro scrivanie tre giorni alla settimana.

Il problema è che la maggior parte del personale non vuole tornare in ufficio, almeno non a tempo pieno, creando discussioni tese con alcuni capi.

Preferire il lavoro a distanza

Circa un quarto dei lavoratori a livello globale lascerebbe o inizierebbe a cercare un altro lavoro se gli fosse detto di tornare al posto di lavoro cinque giorni alla settimana, secondo un globale documento di ricerca pubblicato il 7 settembre.

Il sondaggio ha anche rilevato che i lavoratori avrebbero preso una riduzione dello stipendio del 5% per mantenere l’opzione dei giorni a casa.

Il documento si basava su sondaggi a metà del 2021 e ’inizio del 2022 su persone di età compresa tra 20 e 59 anni in 27 paesi.

Il passaggio al lavoro a distanza “avvantaggia i lavoratori”, hanno affermato i ricercatori, aggiungendo, “il motivo è semplice: la maggior parte dei lavoratori apprezza l’opportunità di lavorare da casa (WFH) parte della settimana e alcuni la apprezzano molto”.

I vantaggi del lavoro flessibile

Alcune aziende sono state più rigide nel tornare al lavoro, in particolare la banca Goldman Sachs – il cui CEO David Solomon in precedenza aveva definito il lavoro da casa una “aberrazione” – con la società che ha annunciato questo mese che avrebbe eliminato tutte le .

Altri hanno esaminato modelli più flessibili che mantengano un certo livello di lavoro a distanza.

“La salute mentale dei dipendenti è migliorata e la produttività è aumentata del 16% con il modello ibrido”, ha detto a Euronews Next Emilie Sidiqian, responsabile di Salesforce Francia.

Salesforce France ha implementato un approccio di “lavoro flessibile”, il che significa che i dipendenti devono essere in ufficio 1-3 giorni alla settimana, ma i team possono decidere in quali giorni.

“Significa che la cultura dovrebbe essere basata sulla fiducia, la fiducia in modo che i tuoi dipendenti abbiano ancora cura”, ha affermato Sidiqian.

L’ ha anche inserito un’opzione completamente remota, per coloro che non vivono vicino a un ufficio Salesforce e per ruoli che non richiedono una presenza di persona.

Ma per coloro che hanno bisogno di essere in ufficio, che secondo Salesforce è una piccola parte del suo personale, c’è un requisito di 4-5 giorni per essere presenti in ufficio.

L’anno scorso, Salesforce ha rilevato la società di comunicazioni Slack, che secondo Sidiqian è stata fondamentale per mantenere aperte le linee tra il personale durante la chiusura della pandemia. Ma non è l’unico vantaggio di Slack.

“Attraverso Slack, vedi persone forse più introverse che si esprimono o condividono idee e rendono viva la comunità.

“E quindi per me è anche fantastico perché puoi vedere nuovi talenti alzare la mano, mostrando anche la loro capacità di sviluppare quel percorso professionale. E penso che sia anche un’opportunità per sviluppare i talenti in un modo molto diverso”, ha detto.

La sta cambiando anche il nostro modo di lavorare

Con un numero crescente di aziende che cercano di trattenere e attrarre personale con il formato di lavoro ibrido, la tecnologia di comunicazione e la dei diventano estremamente importanti.

Non solo la tecnologia dovrebbe essere sviluppata in modo che gli uffici siano preparati in caso di una futura pandemia, ma anche la sarà fondamentale, ha affermato Sidiqian, sottolineando l’importanza della protezione dei servizi cloud.

Anche la tecnologia sta cambiando per rendere il lavoro a distanza più inclusivo.

“Quello che stiamo vedendo è davvero l’evoluzione di molte tecnologie di collaborazione per diventare esperienze più coinvolgenti”, ha detto a Euronews Next Andy Baldwin, Global Managing Partner di EY.

Ha detto che il metaverso viene utilizzato maggiormente per le riunioni e per il reclutamento.

“Stai passando dal solo cercare di sopravvivere e operare durante la pandemia a [it being] molto di più sull’esperienza dei dipendenti in un ambiente di lavoro ibrido”, ha affermato.

In alcuni paesi, dove forse le reti 4G o non sono così forti e l’alloggio non è sempre appropriato per lavorare da casa, sempre più persone tornano in ufficio, ha affermato Baldwin.

Ma in generale e in Occidente, pensa che il modello ibrido sia qui per restare.

“Penso che il lavoro ibrido con una sorta di nucleo di circa due o tre giorni alla settimana sarà molto più la norma per i prossimi due anni in , probabilmente anche in alcune parti degli Stati Uniti”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare