Paul Pogba: Cosa sappiamo dell’indagine sull’estorsione?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Una banda armata di estorsioni, uno stregone e uno scandalo che ha diffuso voci di in tutta la Francia.

I pubblici ministeri francesi hanno confermato che stanno indagando sulle affermazioni del calciatore Paul Pogba, vincitore della Coppa del Mondo, di essere stato preso di mira da bande organizzate per milioni di euro.

La vicenda, apparentemente nata da una faida familiare, ha generato molte conversazioni online.

È diventato pubblico il 27 agosto quando Mathias Pogba, il fratello maggiore di Paul, ha condiviso un su TikTok.

In una dichiarazione registrata in quattro lingue diverse, Mathias ha minacciato di condividere rivelazioni “esplosive” su suo fratello e sul nuovo agente di Paul, Rafaela Pimenta.

“[The public] meriti di sapere alcune cose per prendere una decisione informata sull’eventualità [Paul Pogba] merita davvero ammirazione, rispetto, un posto nella squadra francese e se è una persona affidabile”, ha detto Mathias.

Le “rivelazioni” includono la bizzarra affermazione che Paul Pogba avrebbe assunto un “marabito”, o stregone africano, per lanciare un incantesimo sul suo compagno di squadra e stella del calcio francese Kylian Mbappé.

in un successivo thread su TwitterMathias Pogba ha ripetuto le sue affermazioni infondate, affermando che “tutto è vero e provato, il marabutto è noto”.

La legge francese non riconosce alcun reato per l’assunzione di uno stregone. Paul Pogba ha negato le accuse.

La faida della famiglia Pogba

Paul Pogba è tornato alla quest’estate dopo sei stagioni al e ha goduto di una brillante carriera con diversi trofei importanti. L’avvocato brasiliano Rafaela Pimenta è diventato l’agente di Pogba dopo la di Mino Raiola.

Al contrario, Mathias Pogba, tre anni più grande di Paul, ha trascorso gran parte della sua carriera calcistica con squadre di livello inferiore in . Florentin, gemello di Mathias, è anche un calciatore professionista ed entrambi sono stati visti regolarmente alle partite internazionali francesi per vedere suo fratello minore in azione.

Paul è anche uno dei principali donatori di 48 H POUR, un ente di creato da Mathias per aiutare a fornire acqua pulita e istruzione ai bambini della Guinea, dove lui e Florentin sono nati.

Non è chiaro il motivo per cui la relazione tra i fratelli ora sembra essersi deteriorata, con la madre di Paul, Yeo Moriba, che sostiene la negazione del figlio più giovane.

fratellino che sta finalmente iniziando a mostrare i suoi veri colori”, ha scritto Mathias Pogba su . “Non si tratta di soldi”.

“Mi hai messo dentro contro la mia volontà, sono quasi morto per causa tua, mi hai lasciato nel buco e vuoi fare l’innocente, quando tutto sarà detto e fatto, la gente vedrà che non c’è nessuno più vile, più traditore e più ipocrita di te su questa terra”.

Quattro giorni dopo ha pubblicato un altro video oscuro e criptico con una voce fuori campo contenente un linguaggio violento e una colonna sonora lunatica.

Cosa ha detto Paul Pogba?

Dopo che il video iniziale è stato condiviso online, il 29enne vincitore della Coppa del Mondo ha rilasciato una dichiarazione firmata dai suoi avvocati, sua madre e Pimenta. Ha affermato che le dichiarazioni debunking di suo fratello maggiore erano “purtroppo non una sorpresa”.

“Si aggiungono alle minacce e ai tentativi di estorsione da parte di bande organizzate contro Paul Pogba. Le autorità competenti di Italia e Francia sono state informate un mese fa e non ci saranno ulteriori commenti in relazione all’indagine in corso”.

Paul Pogba afferma che una banda organizzata, che coinvolge amici intimi e suo fratello Mathias, gli ha chiesto 13 milioni di euro.

Si dice che il gruppo abbia ripetutamente bullizzato Paul Pogba negli ultimi mesi, sostenendo di averlo protetto per anni e che non li ha supportati dopo essere diventato un calciatore internazionale.

Il 30 agosto l’a Un funzionario francese vicino alle indagini ha detto all’Associated Press quei soldi erano già passati dalle mani.

Secondo quanto riferito, Paul Pogba ha detto agli investigatori di aver pagato al gruppo 100.000 euro ad aprile dopo che uomini armati e mascherati lo hanno minacciato con fucili d’assalto in un appartamento di Parigi a marzo mentre era in Francia per le partite della nazionale.

I media francesi hanno anche riferito che il gruppo ha fatto richieste a Paul al centro di allenamento di della sua attuale squadra, la Juventus, e alla sua ex squadra a Manchester. In uno di questi incidenti, Paolo disse di aver riconosciuto suo fratello, Mathias, secondo France-Info.

L’organizzazione dei media ha successivamente riferito che Mathias Pogba era “sotto pressione” da altri membri del gruppo.

La procura di Parigi ha confermato di aver aperto un’indagine il 3 agosto per tentata estorsione organizzata, a cui è affidata la polizia anticorruzione.

In una dichiarazione, Mathias Pogba ha dichiarato “enfaticamente di essere un completo estraneo a qualsiasi tentativo di estorsione contro suo fratello”.

L’avvocato del 32enne, Richard Arbib, ha insistito sul fatto che Mathias vuole “più di ogni altra cosa” per alleviare la situazione con suo fratello.

Ricatti ed estorsioni nel calcio

Paul Pogba non è il primo calciatore famoso a dichiarare di essere stato ricattato da parenti o collaboratori stretti.

Nel 2018, l’ex calciatore internazionale togolese Emmanuel Adebayor ha raccontato un documentario su Canal+ che era stato vittima di estorsioni da parte della sua famiglia, dicendo che la relazione lo aveva portato sull’orlo del suicidio.

“Appena diventi un calciatore, appena diventi famoso, appena inizi a fare un po’ di soldi, tutto cambia”, ha detto.

Dopo l’affare di questa settimana, il sindacato francese dei calciatori professionisti (UNFP) sta ora cercando di allertare e ricordare ai giocatori che potrebbero diventare “bersagli principali” per “avvoltoio” della criminalità organizzata a causa della grande quantità di denaro nel calcio moderno. Giocatori

Il direttore generale dell’UNFP Philippe Lafon ha detto all’AFP che la pressione sui calciatori è aumentata con i social media, dove le immagini possono “fare il giro del mondo in 30 secondi”.

Mbappe, dal canto suo, inizialmente non ha commentato le voci dello “stregone”. In seguito ha detto ai giornalisti che Paul Pogba gli aveva dato la sua versione dei fatti e che “preferisco prendere la parola di un compagno di squadra”.

Il presidente della Federcalcio francese, Noel Le Graet, ha minimizzato la questione, definendola “solo voci”, quattro mesi prima dei Mondiali.

Nel 2016 lo erano sia Karim Benzema che Mathieu Valbuena omesso dalla squadra francese prima di un grande torneodopo che Benzema è stato accusato di aver cospirato per ricattare il suo partner internazionale per un sex tape nel 2015.

Benzema è stato condannato l’anno scorso a un anno di carcere e una multa di 75.000 euro.

Nel frattempo, due compagni di squadra del Paris Saint-Germain, Kheira Hamraoui e Aminata Diallo, sono stati attaccati da uomini mascherati a novembre, lasciando Hamraoui con ferite alle gambe. Diallo era inizialmente interrogato per sospetto di coinvolgimento, causando fermento nei mediama alla fine è stato rilasciato.

La vicenda ha interrotto la stagione del Paris Saint-Germain, poiché non è riuscita a mantenere il titolo di Division 1 femminile. L’indagine è in corso e ora si concentra su una presunta relazione extraconiugale tra Hamraoui e l’ex calciatore francese Eric Abidal.

Con questo scandalo su larga scala della famiglia Pogba che sta facendo notizia, i funzionari del calcio francese sperano che questa vicenda non faccia deragliare i tentativi della squadra nazionale di mantenere la Coppa del Mondo in Qatar questo inverno.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare