“Orion torna sulla Terra”: la capsula lunare della NASA si schianta dopo la sua “storica” ​​missione di test sulla Luna

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
"Orion torna sulla Terra": la capsula lunare della NASA si schianta dopo la sua "storica" ​​missione di test sulla Luna

La capsula Orion della NASA ha fatto un ritorno incredibilmente veloce dalla domenica, paracadutandosi nell’Oceano Pacifico al largo della costa del Messico per concludere un di prova che dovrebbe spianare la strada agli astronauti nel prossimo sorvolo lunare.

La capsula in arrivo ha colpito l’atmosfera a Mach 32, o 32 volte la velocità del suono, e ha sopportato temperature di rientro di 2.760 gradi Celsius prima di schiantarsi a ovest della Baja California vicino ’isola di Guadalupe.

Una nave della Marina degli si è rapidamente avvicinata per recuperare il veicolo spaziale e i suoi occupanti silenziosi: tre manichini di prova attrezzati con sensori di vibrazione e monitor di radiazioni.

La NASA ha salutato la discesa e l’ammaraggio quasi perfetti, mentre le congratulazioni sono arrivate da Washington DC.

“Sono sopraffatto”, ha detto l’amministratore della NASA Bill Nelson dal Mission Control a Houston. “Questo è un giorno straordinario… È storico perché ora stiamo tornando nello – nello spazio profondo – con una nuova generazione”.

L’agenzia spaziale aveva bisogno di uno splashdown di successo per rimanere sulla buona strada per il prossimo volo di Orion intorno alla Luna, previsto per il 2024 con quattro astronauti che saranno rivelati all’inizio del prossimo anno.

Ciò sarebbe seguito da un allunaggio di due persone già nel 2025 e, in definitiva, da una base lunare sostenibile. Il piano a lungo termine sarebbe quello di lanciare una spedizione su Marte entro la fine degli anni ’30.

50 anni dall’Apollo 17

Gli astronauti sono atterrati per l’ultima volta sulla Luna 50 anni fa. Dopo essere atterrati l’11 dicembre 1972, Eugene Cernan e Harrison Schmitt dell’Apollo 17 trascorsero tre giorni esplorando la valle di Taurus-Littrow, il soggiorno più lungo dell’era Apollo.

Erano gli ultimi dei 12 moonwalker.

Orion è stata la prima capsula a visitare la Luna da allora, lanciata sul nuovo mega razzo lunare della NASA dal Kennedy Space Center il 16 novembre. È stato il primo volo del nuovo programma Artemis Moon della NASA, che prende il nome dalla mitologica sorella gemella di Apollo.

“Dalla Tranquility Base a Taurus-Littrow fino alle tranquille acque del Pacifico, l’ultimo capitolo del della NASA verso la luna giunge al termine. Orion torna sulla Terra”, ha annunciato il commentatore di Mission Control Rob Navias.

Mentre nessuno era sul volo di prova da $ 4 miliardi (€ XX), i manager della NASA erano entusiasti di portare a termine le prove generali, soprattutto dopo tanti anni di ritardi dei voli e budget ridotti. Perdite di carburante e uragani hanno cospirato per ulteriori rinvii alla fine dell’estate e in autunno.

In un ritorno al passato dell’Apollo, domenica la NASA ha organizzato una festa per lo splashdown al Johnson Space Center di Houston, con i dipendenti e le loro famiglie che si sono riuniti per guardare la trasmissione del ritorno a di Orion. Accanto, il centro visitatori ha organizzato una festa per il pubblico.

Riportare Orion intatto dopo il volo di 25 giorni era l’obiettivo principale della NASA. Con una velocità di ritorno di 25.000 mph (40.000 km/h) – notevolmente più veloce rispetto all’arrivo dall’orbita terrestre bassa – la capsula utilizzava un nuovo scudo termico avanzato mai testato prima nel volo spaziale. Per ridurre la gravità oi carichi G, si è tuffato nell’atmosfera ed è saltato fuori brevemente, aiutando anche a individuare l’area di schianto.

Tutto ciò si è svolto in modo spettacolare, hanno osservato i funzionari, consentendo il ritorno sicuro di Orion.

Primo equipaggio Artemis nel

“Non credo che nessuno di noi avrebbe potuto immaginare una missione così riuscita”, ha dichiarato il responsabile della missione Mike Sarafin.

Ulteriori ispezioni saranno condotte una volta che Orion tornerà al Kennedy alla fine del mese.

Se i controlli della capsula non trovano nulla di sbagliato, la NASA annuncerà il primo equipaggio lunare all’inizio del 2023, scegliendo tra i 42 astronauti statunitensi attivi di stanza al Johnson Space Center di Houston.

“Le persone sono ansiose, lo sappiamo”, ha detto ai giornalisti Vanessa Wyche, direttrice di Johnson. Nelson ha aggiunto: “Il popolo americano, proprio (con) i sette astronauti originali ai tempi di Mercury, vorrà sapere di questi astronauti”.

La capsula è precipitata a più di 482 km a sud della zona bersaglio originale. Le previsioni che richiedevano mare mosso e venti forti al largo della costa meridionale della California hanno spinto la NASA a cambiare posizione.

Orion ha registrato 2,25 milioni di km mentre si avvicinava alla luna e poi entrava in un’orbita ampia e in picchiata per quasi una settimana prima di tornare a casa.

È arrivato due volte entro 130 km dalla Luna. Nel punto più lontano, la capsula si trovava a più di 430.000 km dalla Terra.

Orion ha trasmesso splendide foto non solo della luna grigia e butterata, ma anche del natale. Come inquadratura d’addio, la capsula ha rivelato una Terra crescente – Earthrise – che ha lasciato senza parole il team della missione.

L’astronomo Daniel Brown della Nottingham Trent University ha affermato che i numerosi risultati del volo illustrano la capacità della NASA di mettere gli astronauti sul prossimo lancio lunare di Artemis.

“Questa è stata la fine mozzafiato di un viaggio straordinario e importante per la navicella spaziale Orion della NASA”, ha dichiarato Brown in una dichiarazione dall’Inghilterra.

Cercare di raggiungere di nuovo la Luna è una delle priorità dell’agenda, non solo per la NASA ma anche per le imprese private. Poche ore prima di domenica, un veicolo spaziale è volato verso la luna da Cape Canaveral. Il lander lunare appartiene a ispace, una società di Tokyo intenta a sviluppare un’economia lassù. Due società statunitensi, nel frattempo, lanceranno i lander lunari all’inizio del prossimo anno.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare