Nuova Zelanda: i turisti sono invitati a “andare alla leggera” mentre il paese insulare riapre completamente

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Nuova Zelanda: i turisti sono invitati a "andare alla leggera" mentre il paese insulare riapre completamente

Dopo due anni e mezzo, la Nuova Zelanda ha revocato la restrizione finale ai visitatori internazionali.

I viaggiatori che volano nel paese non sono più tenuti a compilare un modulo di dichiarazione che riveli il loro stato di vaccino contro il Covid-19 e la loro storia di viaggio, il che significa che le persone non vaccinate sono di nuovo benvenute nel paese.

Le regole erano state originariamente annunciate a settembre, ma la modifica è stata confermata venerdì nei consigli di viaggio aggiornati del Foreign Office

Per due anni, la Nuova Zelanda ha avuto alcune delle restrizioni alle più dure al mondo.

Ma mentre si apre, la Nuova Zelanda, rinomata a livello mondiale per il suo paesaggio naturale incontaminato, ha un messaggio per i visitatori.

“Il futuro non sarà come il passato”.

Queste le parole di Rebecca Ingram, di Tourism Industry Aotearoa (TIA). Ma racchiudono un passaggio – verso viaggi rigenerativi e sostenibili – che viene abbracciato dall’intero settore.

Perché la Nuova Zelanda è così popolare tra i turisti?

Prima della pandemia, Nuova Zelanda (conosciuto anche con il suo nome Maori, Aotearoa) era un hotspot turistico globale.

Tra il 2016 e il 2019, circa 11 milioni visitatori discese sulla nazione-isola, che vanta una popolazione permanente di appena 5 milioni.

Nel pittoresco Milford Sound Piopiotahi, le visite delle navi da sono quasi quadruplicate in 13 anni, raggiungendo un picco di 133 nel 2019.

Nel 2020, si prevedeva che il numero di visitatori annuali del Sound avrebbe raggiunto il milione.

Cascate imponentispiagge frastagliate e montagne innevate – tutto pieno di visitatori.

Poi la pandemia ha colpito e il paese ha bloccato i suoi confini.

In mezzo a un enorme dolore economico – l’impresa turistica media ha licenziato il 40% del personale e ha visto i ricavi dimezzarsi nell’anno fino a maggio 2021, ha rivelato un sondaggio TIA – c’è stato spazio per riflettere.

In che modo la pandemia ha cambiato il turismo in Nuova Zelanda?

Per due anni, le crociere che scaricavano passeggeri nelle città portuali e i turisti che si precipitavano nell’Isola del Sud erano un lontano ricordo. Ad alcune comunità è piaciuto così.

“Come settore, abbiamo ascoltato le preoccupazioni che alcune comunità avevano prima della pandemia sulla crescita del turismo e sull’impatto che aveva sul loro e sull’ambiente”, afferma Rebecca Ingram.

“Sono state apportate modifiche per garantire che l’esperienza turistica della Nuova Zelanda sia di cui i neozelandesi possono essere orgogliosi”.

Il ha approvato nuove leggi restrittive ‘campeggio in libertà’. Mentre le comunità locali hanno scritto piani di gestione della destinazione per proteggersi dal “**sovraffollamento** e dagli effetti negativi del turismo”.

In Milford Piopiotahi con un numero eccessivo di iscrizioni, le proposte includono il limite ’ingresso giornaliero a 4000 e l’introduzione di una tariffa per i visitatori internazionali.

“Gli ultimi due anni ci hanno dato l’opportunità di riflettere su come possiamo gestire meglio il nostro settore turistico”, afferma Ingram.

Anche le singole imprese turistiche cercano di “verde” le proprie operazioni, con 1600 che aderiscono all’“impegno per la sostenibilità” di TIA.

Carino Wildlife Tours nella bellissima Bay of Islands è uno di questi operatori.

Il tour funge anche da progetto di “scienza cittadina”, spiega l’amministratore delegato di Carino Vanessa McKay. Ogni crociera raccoglie dati su pinguino, squalo, razza e numeri dei delfini.

“Si tratta di divertirsi in modo ricreativo e poi aggiungere altro. I visitatori sono kaitiaki marini (guardiani). Li lasciamo prendere Proprietà”, spiega.

“Si tratta di rendere un posto migliore di come l’hai trovato. È per la prossima generazione. Riguarda davvero i bambini”.

Wildwire Wanaka è un altro business che restituisce.

L’attrazione – la salita in cavo della cascata più alta del mondo – vuole diventare positiva al carbonio, afferma il direttore Mark Morrison.

“La nostra è quella di essere completamente rigenerativi”, afferma.

“Ogni volta che abbiamo ospiti, vogliamo che restituiscano attraverso la conservazione… Che si tratti di controllare le trappole nel tentativo di riportare gli uccelli nell’area o di trasportare semi durante il viaggio che gli ospiti usano per piantare più alberi”.

“Il nostro obiettivo è arrivare al punto in cui la comunità vede i turisti ed è elettrizzata dal fatto che siano qui perché sanno che stanno restituendo alla comunità”.

Qual è la promessa di Tiaki?

La pandemia ha accelerato l’abbraccio di sostenibilità – ma Aotearoa è da tempo leader mondiale nel turismo rigenerativo.

Dal 2019, i visitatori internazionali dei parchi nazionali hanno dovuto pagare una tassa di NZ $ 35 (€ 21,50).

Tuttavia, il cambiamento è anche psicologico. Nel 2018, Tourism New Zealand ha lanciato la Tiaki Promise. Tiaki significa “cura” in te reo Maori.

“Mentre sarò in Nuova Zelanda mi prenderò cura della terra, del e della , camminando leggermente e non lasciando tracce”, si legge nell’impegno, che i visitatori sono incoraggiati a prendere.

Le raccomandazioni includevano l’abbandono droni e stare attenti per non diffondere parassiti che minacciano la biodiversità unica della nazione.

La promessa si ispira alla ricca Maori di rispetto e reciprocità con il paesaggio naturale, spiega Oscar Nathan, direttore generale di Tourism Bay of Plenty.

“Il concetto di rigenerazione non è nuovo, si basa sull’idea che ognuno è connesso all’ambiente e deve rispettarlo – una convinzione radicata nel Te Ao Māori (il mondo Māori).

Quando i primi visitatori internazionali da due anni atterrano in Nuova Zelanda, l’industria del turismo assediata li accoglierà a braccia aperte. Ma chiederanno loro anche di camminare con leggerezza.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare