Mi sono trasferito in Italia 35 anni fa, ecco cosa avrei voluto sapere prima di diventare un expat

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Mi sono trasferito in Italia 35 anni fa, ecco cosa avrei voluto sapere prima di diventare un expat

Damien O’Farrell si è trasferito dall’Irlanda ’Italia quasi 35 anni fa e da allora ha avviato un’attività fornendo agli aspiranti espatriati consigli professionali sul .

Avendo originariamente intenzione di rimanere in Italia solo per due mesi, aveva molto da imparare su un trasferimento definitivo.

O’Farrell ora aiuta i potenziali espatriati con consigli sull’immigrazione, trovare lavoro e gli errori più grandi da evitare.

Ecco i suoi migliori consigli per chiunque stia pensando di trasferirsi in Italia.

Non sottovalutare l’importanza di imparare la lingua

Per O’Farrell, per esperienza personale, non imparare l’italiano è l’errore numero uno che qualcuno può fare quando pensa trasferirsi in Italia.

Dice che molte persone pensano erroneamente di cavarsela usando l’inglese. “È così difficile fare qualsiasi cosa senza la lingua”, dice, “è una battaglia in salita”.

Oltre a dover affrontare ostacoli burocratici come la registrazione per la residenza, O’Farrell dice di no conoscere la lingua significa che le opportunità di lavoro sono molto limitate.

Rende anche difficile fare amicizia e sentirsi parte di una comunità.

Assicurati di aver compreso il tuo status legale in Italia

Per non infrangere la , O’Farrell ricorda ai futuri espatriati di essere pienamente consapevoli del loro status di immigrati. Dice che una delle domande più frequenti sul suo è come vivere legalmente Italia.

I cittadini extracomunitari possono venire in Italia per motivi turistici e soggiornarvi fino a 90 giorni su un di 180 giorni. Tuttavia, coloro che desiderano rimanere più a lungo devono richiedere un visto.

I cittadini dell’UE che desiderano risiedere stabilmente in Italia devono registrarsi come residenti presso il comune di residenza entro 90 giorni dall’arrivo.

“Dovresti essere pronto a un contratto di lavoro oi mezzi con cui sarai in grado di mantenerti, un contratto di affitto, un codice fiscale italiano e il tuo passaporto”, dice O’Farrell.

I consigli su non sono sempre corretti

Un consiglio per le persone che pensano trasferirsi in qualsiasi paese straniero è stare attenti a dove reperite le informazioni.

Mentre O’Farrell pensa espatriato gruppi e forum sono modi eccellenti per i membri di condividere suggerimenti e incoraggiarsi a vicenda, sottolinea che le informazioni fornite non dovrebbero mai essere considerate come consulenza professionale o legale.

“Non passa giorno che non senta un espatriato che ha intrapreso la strada del fai-da-te e si è ritrovato con tasse inaspettate, problemi di immigrazione, proprietari che non restituiscono la caparra e così via ,” lui dice.

Mentre alcuni aspetti della vita da espatriati possono essere risolti da soli, O’Farrell sottolinea che le questioni fiscali, di immigrazione o legali sono meglio discusse con un professionista.

Va bene avere un “giorno libero” dalla vita italiana

L’Italia e la sua cultura possono essere piuttosto piene. “Alcune persone potrebbero non comprendere immediatamente tutte le regole culturali dell’Italia e questo va bene”, afferma O’Farrell.

Anche dopo tanti anni di vita Italia, non c’è niente di sbagliato nel bisogno di una pausa ogni tanto. “Occasionalmente, le persone avranno bisogno di qualche ‘dolcezza’ dal loro paese d’origine e questo va bene”, dice.

“Ho capito molto tempo fa che non potevo cambiare sessanta milioni di italiani, quindi ho deciso di piegarmi come il salice, piuttosto che resistere come la quercia”, aggiunge.

Non aspettarti che sia una grande dolce vita

Per O’Farrell, l’errore più grande che fanno i potenziali espatriati è avere aspettative eccessivamente romantiche Italia.

“Le persone si aspettano di trasferirsi in un in mezzo al nulla e costruirsi una fiorente carriera”, dice, “ma non succederà”.

Quando O’Farrell assume un nuovo cliente, dice che la cosa più importante è capire cosa vogliono dalla loro mossa e se è realistico.

“Devi ricordare che per alcune carriere o interessi, l’Italia potrebbe non essere il posto migliore”, dice. “Se stai cercando di immergerti in un paese ricco di cucina, e cultura, allora questa è un’altra storia.”

O’Farrell aggiunge che dove scegli di farlo vivere in Italia dovrebbe anche dipendere dalla tua situazione economica.

“I piccoli villaggi hanno meno opportunità di lavori ben pagati, ma se puoi lavorare da remoto potresti trovare alloggi più economici lì “, dice.

Uno dei modi migliori per scoprire se Italia sarà giusto per te, secondo O’Farrell, è intraprendere prima un periodo di .

“Devi venire a tastare il terreno, provare a vivere in una piccola città e partire da lì”, dice.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare