L’UE sostiene l’azienda ucraina di tecnologia verde che produce carta dalle foglie cadute

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
L'UE sostiene l'azienda ucraina di tecnologia verde che produce carta dalle foglie cadute

Un’azienda che produce carta da foglie cadute ha ricevuto un finanziamento di 2,5 milioni di euro dalla , dopo aver vinto un programma per startup innovatrici.

Releaf utilizza le foglie raccolte dalle autorità cittadine – che normalmente sarebbero bruciate o lasciate in decomposizione – trasformandole in carta per scrivere, borse e scatole.

Ha preso parte al programma EIC Accelerator 2022 della Commissione, che sostiene le startup e le piccole e medie imprese innovative ad alto rischio che possono contribuire a una rapida .

Con la loro brevettata, Releaf ricava la cellulosa dalle fibre delle foglie.

Il mese scorso Alexander Sobolenko, di Releaf Paper, ha dichiarato a Euronews Next che ci sono tre motivi principali per cui è necessaria un’azienda come la sua: la deforestazione che danni ambientali a livello globale; crescente domanda di imballaggi; e una maggiore consapevolezza ambientale tra i consumatori.

“Non raccogliamo le foglie, utilizziamo processi esistenti. Nelle città europee, in Ucraina, l’infrastruttura per la raccolta delle foglie è già in atto. Quindi abbiamo appena fatto un accordo con le autorità cittadine”, ha detto.

“Stiamo offrendo alla città una soluzione gratuita: consegnano le foglie alle nostre produzioni, le puliamo, le granuliamo e poi le trasformiamo in cellulosa”.

Il sistema funziona con qualsiasi tipo di foglia, dando all’azienda un facile accesso alle materie prime di cui ha bisogno, ha affermato.

“Prima di tutto non abbattiamo gli alberi per produrre la carta. In secondo luogo durante la di Releaf Paper l’emissione di Co2 è inferiore del 78%. Inoltre consumiamo tre volte meno energia e 15 volte meno acqua. La nostra carta è biodegradabile, riciclabile, è la carta più sostenibile realizzata con qualsiasi tipo di materia prima”.

L’idea – e la tecnologia per Releaf Paper – è nata quando Valentyn Frechka, socio in affari di Sobolenko, l’ha sviluppata all’età di 16 anni come progetto scolastico.

Dopo aver vinto una serie di premi per l’innovazione lungo il percorso, Releaf ha ora gli occhi puntati sull’espansione.

Sobolenko ha affermato che l’invasione russa dell’Ucraina ha avuto un grande impatto sui loro affari, facendo perdere loro la maggior parte dei loro clienti ucraini, il che li ha costretti a cercare acquirenti nel mercato internazionale.

Con la sovvenzione dell’UE, insieme ai precedenti finanziamenti di e WWF, l’obiettivo è la produzione in due paesi europei entro cinque anni.

“Siamo più vicini che mai all’obiettivo di avviare una serie della nostra linea di produzione di nuova generazione, dove verrà creata la carta del futuro, la carta Releaf”, ha affermato Frechka.

“Quando alla fine di quest’anno tutti parlano di ridurre l’impronta di carbonio, la deforestazione e fermare la catastrofe ambientale, stiamo compiendo passi concreti per rivoluzionare l’ della carta!”

Il premio di 2,5 milioni di euro viene assegnato come sovvenzione, mentre il finanziamento aggiuntivo può superare i 10 milioni di euro con la Commissione che accetta di finanziare un’ulteriore scalabilità del progetto.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare