L’agonia degli espatriati: dieci imbarazzanti confusioni linguistiche a cui prestare attenzione

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
L'agonia degli espatriati: dieci imbarazzanti confusioni linguistiche a cui prestare attenzione

Hai mai chiesto per sbaglio dei preservativi invece dei conservanti? O hai detto a un cassiere di “andare a letto”?

Per non autoctoni linguaggio oratori, errori di comunicazione imbarazzanti sono comuni quanto le coniugazioni verbali.

Ma se ti sei trovato in una di queste situazioni imbarazzanti non preoccuparti: non sei solo. Secondo Rosetta Stone, fornitore di servizi di apprendimento linguistico, solo un quarto degli espatriati parla correntemente.

Imparare una lingua ha molti vantaggi, dall’ culturale all’allenamento del . Euronews ha uffici in tutta e alcuni di noi sono polilingui. Ma se sei un esperto espatriato o un turista confuso, c’è sempre spazio per un po’ (o molto) di traduzione errata.

Quindi, se stai rabbrividendo dopo aver inavvertitamente detto a un collega che lo ami o aver insultato la di un ospite, continua a leggere.

Ecco alcuni dei più umilianti del team di Euronews linguaggio non riesce.

10. Quando proponi una cameriera

“Una volta durante una gita scolastica in Russia, insegnante ha detto alla cameriera ‘aveva finito’, non sapendo che l’uso moderno della parola aveva assunto un contesto sessuale. Per dargli un significato più generico, ora devi aggiungere il prefisso ‘za’. Sicuro di dire che la cameriera si è piegata in due dalle risate. – Hannah

“Io sono un non nativo Parla spagnolo. Una volta ho chiesto un “mojito de pechos” (un mojito al seno) quando intendevo il mojito alla pesca”. – Giacomo

9. Quando dici al cassiere di andare a letto

“Dopo essermi trasferito in Francia, ho fatto molte spese al mio supermercato locale e spesso andavo dalla stessa cassa. Era davvero simpatica e la sera le dicevo allegramente “bonne nuit”. Alla fine, mi ha preso da parte e mi ha detto che in realtà dici “bonne nuit” solo se qualcuno va a letto. Il termine corretto è ‘bonne soirée’ (buona sera).” – Ian

8. Diventare un po’ troppo eccitato

persone che parlano inglese molto spesso dire ‘je suis excité.’ Pensano che significhi “Sono eccitato”, ma in realtà significa “Sono eccitato”!” – Eloisa

7. Dolore al culo

“La maggior parte dei madrelingua inglesi in Francia a un certo punto confonderà ‘cul’ (fondo, o a**e) e ‘cou’ (collo) – la differenza sonora all’inizio è difficile. Può risultare in alcune conversazioni molto imbarazzanti, dire ai tuoi suoceri “J’ai très mal au cul aujourd’hui” (oggi ho un cazzo molto doloroso).” – Carlotta

“Parlando il francese Québecho pronunciato male “” (coda) come “cul” (culo) quando spiegavo che stavo aspettando in fila fuori” – James

6. Scambi coniugali

“In Spagna, qualcuno mi ha chiesto come stavo. Ho detto che ero ‘muy casado’ (molto sposato) invece di ‘muy cansado’ (molto stanco).” – Giacomo

5. Confusione contraccettiva

“A scuola, il nostro insegnante di francese ci ha sempre avvertito del falso amico ‘preservatif’ (). Lo scoprì durante una conversazione sul pane. Voleva dire che ci sono più conservanti nel pane britannico, motivo per cui non è così buono. Ha indovinato la parola e non è andata bene” – Hannah

“In Spagna, un amico maschio si è innamorato del classico falso amico ‘estoy embarazado’ (sono incinta) quando intendeva dire che era imbarazzato (cosa che ovviamente ha poi aumentato la sua imbarazzo).” – Giacomo

4. Solo un bacio?

“In ungherese diciamo puszi (pronunciato come figa) per i baci, il che fa ridere ogni persona inglese che conosco.” – Rita

3. Chiedere un po’ troppo in un nuovo noleggio

“Quando mi sono trasferita in un nuovo appartamento ho detto per caso che mi sarebbe piaciuto avere un “crématoire” (crematorio) invece di crémaillère (festa di inaugurazione della )” – Rita

2. Essere cacciato da una cattedrale

“Fuori da una cattedrale dentro Francia, mi sono riferito accidentalmente alla “Verge Marie” (Penis Mary) invece della “Vierge Marie” (Virgin Mary).” – Giacomo

1. Metodo interessante

“I verbi ‘scrivere’ e ‘pisciare’ sono gli stessi russo, lo stress è solo in un posto diverso. Il mio insegnante si è divertito molto quando gli ho detto per sbaglio che stavo pisciando piuttosto che scrivere i compiti. – Hannah

Se hai commesso un umiliante errore linguistico, vogliamo sentirne parlare, se non altro per farci sentire meglio. Twittaci @euronewstravel oppure trovaci su @euronewstravel.

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews (L’agonia degli espatriati: dieci imbarazzanti confusioni linguistiche a cui prestare attenzione
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare