Uber vuole i taxi del mondo sulla sua app. Parigi potrebbe essere un osso duro da decifrare

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Uber vuole i taxi del mondo sulla sua app.  Parigi potrebbe essere un osso duro da decifrare

è nato dalla frustrazione di due imprenditori statunitensi che cercavano di prendere un taxi a Parigi.

Più di un decennio più tardi, il gigante del ride-hailing sta facendo scalpore ancora una volta nella capitale francese, questa volta corteggiando i tassisti di cui un tempo si lamentava per il servizio.

“Stiamo cercando di integrare i taxi nell’applicazione Uber a Parigi”, ha detto Uber a Euronews Next.

“Siamo disposti a co-costruire con il settore un prodotto che soddisfi le aspettative dei taxi e le esigenze di mobilità dei parigini”.

L’ non lo fa solo a Parigi. Negli ultimi mesi, Uber ha stretto accordi con compagnie di taxi di tutto il mondo per arruolarle sulla sua piattaforma mentre cerca di ampliare il suo pool di conducenti e ridurre i tempi di attesa per gli utenti.

Gli accordi sono già in atto in Germania, Austria, , Grecia, Italia, Turchia e, più recentemente, a Bruxelles.

Ora sta affrontando Parigi, che potrebbe essere la europea più difficile da conquistare.

“Nessuno può dimenticare quello che è successo nel 2014-2015 e il colpo monumentale che UberPop ha inferto al francese dei taxi”, ha detto a Euronews Next Mouhssine Berrada, che guida la filiale parigina della National Taxi Union francese.

UberPop era un servizio che si basava su conducenti senza patente commerciale – essenzialmente chiunque avesse un’auto che cercasse di guadagnare un reddito extra facendo salire i passeggeri tramite l’app – che è stato attaccato da tutte le parti dalle associazioni di taxi e bloccato da diversi paesi europei.

In Francia, il servizio è stato infine soppresso nel 2015, ma le norme nazionali relative al modo in cui opera Uber, in particolare per quanto riguarda il modo in cui i conducenti acquisiscono una patente di guida professionale, sono state allentate.

Una delle principali lamentele che i taxi hanno nei confronti dei servizi di noleggio privati ​​è che i loro conducenti non devono acquistare o noleggiare una licenza costosa per iniziare a prendere clienti e che ciò equivale a concorrenza sleale.

Berrada ha detto che un altro dei suoi colleghi si è recentemente suicidato per il debito che aveva accumulato per ripagare la sua licenza di taxi di € 240.000.

“Penso che Uber non si sia comportato bene e gran parte della flotta non lo ha dimenticato”, ha detto Berrada. “La ferita non è ancora rimarginata”.

Uber è ben consapevole dei rancori.

Un portavoce dell’azienda ha affermato che, sebbene questi siano comprensibili, oltre 200 tassisti hanno già aderito alla piattaforma a Parigi e decine di migliaia nel mondo lo hanno fatto.

L’azienda sta affrontando una carenza di conducenti in diverse città del mondo per assorbire un aumento della domanda di corse post-pandemia, poiché la gente del posto torna a una vita più sociale e i internazionali tornano.

La società sostiene che l’aggiunta di tassisti alla sua app creerà un pool più ampio di conducenti e ridurrà i tempi di attesa, mentre i tassisti avrebbero maggiori opportunità di trovare clienti quando non stanno facendo molti affari alle stazioni dei taxi o quando vengono salutati dalla strada .

Uber ha persino fissato l’obiettivo di portare tutti i tassisti del mondo sulla piattaforma entro il 2025.

Sta ottenendo grandi vittorie. A marzo, Uber ha annunciato che avrebbe elencato gli iconici taxi gialli di City. L’app ha anche integrato i taxi in Colombia, e Hong Kong.

“Quando guardiamo ai prossimi cinque anni, semplicemente non vediamo un mondo in cui i taxi e Uber esistono separatamente. C’è troppo da guadagnare per entrambe le parti”, ha detto ’epoca Andrew Macdonald, vicepresidente senior per la mobilità di Uber .

A maggio, quando la piattaforma ha stretto un accordo con IT Taxi, il più grande servizio di spedizione di taxi in Italia, il CEO di Uber Dara Khosrowshahi lo ha definito “un accordo davvero storico”, aggiungendo: “Crediamo fermamente che i taxi e Uber stiano meglio insieme”.

I dolcificanti di Uber

Ma in Francia, molti tassisti sono sospettosi dei piani di Uber e non sono entusiasti all’idea che Uber prenda una parte dei loro guadagni.

Berrada, il leader del sindacato dei taxi, ha affermato che Uber ha offerto ai tassisti “da uno a due mesi” gratuitamente per unirsi alla sua piattaforma prima che una commissione entrasse in gioco sulle corse prenotate tramite l’app.

Uber non ha voluto commentare edulcoranti specifici nei suoi accordi e ha affermato che i suoi modelli finanziari variano da paese a paese. In alcuni luoghi, Uber addebita al tassista una tariffa fissa di circa € 2,50 per ogni corsa prenotata tramite l’app.

In altri, Uber prende una commissione variabile. In Spagna, dove Uber ha anche iniziato di recente a elencare i tassisti, la piattaforma prende una commissione del 12% su ogni corsa, che è inferiore alla commissione del 20-25% pagata da un conducente UberX.

Calpestando con attenzione

La società sottolinea che non impone mai alcuna esclusività a coloro che desiderano aderire alla piattaforma e che i conducenti rimangono completamente liberi di essere elencati su altre app di ride-hailing o di spedizione.

Sottolinea che offre congedi per e altri vantaggi, ma garantisce anche che i conducenti rimarranno sempre appaltatori indipendenti e godranno della loro flessibilità.

“Quello che sentiamo dai tassisti che ora lavorano sulla piattaforma Uber è che è vantaggioso: accedono a più clienti, utilizzano meglio il loro tempo. Hanno ancora accesso esclusivo al grado e alla grandine, ma hanno un’ulteriore fonte di entrate”, ha affermato il portavoce dell’azienda.

Finora, in Francia, Uber si è avvicinata solo ai tassisti della capitale.

È un mercato chiave per la corte. I 20.000 taxi a Parigi rappresentano un terzo della flotta totale del Paese.

“Se riescono a conquistare Parigi, avranno conquistato la Francia”, ha detto Berrada.

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews ( Uber vuole i taxi del mondo sulla sua app. Parigi potrebbe essere un osso duro da decifrare
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare