La missione DART della NASA per far schiantare un veicolo spaziale contro un asteroide ha creato una scia di detriti di 10.000 km

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
La missione DART della NASA per far schiantare un veicolo spaziale contro un asteroide ha creato una scia di detriti di 10.000 km

La missione della di far schiantare un veicolo spaziale contro un asteroide per spingerlo fuori rotta ha creato una scia di detriti di 10.000 chilometri attraverso lo .

Il telescopio SOAR in Cile ha monitorato il corso di Dimorphos – l’asteroide lunare preso di mira dalla missione – da quando è stato colpito durante il Double Asteroid Redirection Test (DART) della NASA la scorsa settimana.

Dimorphos fa parte del sistema a doppio asteroide di Didymos, che è stato l’obiettivo di DART, il primo test di planetaria che ha cercato di modificare l’orbita di un asteroide.

L’obiettivo di DART è raccogliere dati per vedere se spostare un asteroide fuori rotta è un modo praticabile per affrontare un potenziale futuro asteroide che sfreccia verso la Terra.

La navicella stava viaggiando a 22.500 km/h quando si è schiantata contro l’asteroide a circa 11,3 milioni di km dalla Terra il 26 settembre.

E mentre ci vorrà del tempo per raccogliere i dati necessari, l’impatto di una collisione così violenta è già chiaro.

Il telescopio SOAR ha ripreso una coda lunga 10.000 km proveniente dall’asteroide, due giorni dopo l’impatto.

“È sorprendente come siamo stati in grado di catturare chiaramente la struttura e l’entità delle conseguenze nei giorni successivi all’impatto”, ha affermato l’astronomo Teddy Kareta, che lavora al Lowell Observatory negli Stati Uniti, e ha utilizzato SOAR per catturare i detriti.

“Ora inizia la fase successiva del per il team DART mentre analizza i dati e le osservazioni del nostro team e di altri osservatori in tutto il che hanno condiviso lo studio di questo entusiasmante evento”, ha aggiunto l’astronomo Matthew Knight dell’Accademia navale degli Stati Uniti.

“Abbiamo in programma di utilizzare SOAR per monitorare l’ejecta nelle prossime settimane e mesi”.

Il team che gestisce SOAR ha affermato che queste osservazioni forniranno informazioni sulla della superficie di Dimophos, quanto materiale è stato espulso, quanto velocemente è stato espulso e la dimensione delle particelle espulse.

Hubble e Webb catturano l’impatto

La missione è stata salutata come un successo dalla NASA, con Elena Adams di Mission Control che ha raccontato in una conferenza stampa dopo la collisione: “Per quanto ne sappiamo, il nostro primo test di difesa planetaria è stato un successo… Penso che i terrestri dovrebbero dormire meglio. Sicuramente, io volere”.

L’impatto è stato catturato sia dal , sia dal appena lanciato.

La missione da 325 milioni di dollari (333 milioni di ) è il primo tentativo di un’agenzia spaziale di spostare la posizione di un asteroide o di qualsiasi altro oggetto naturale nello spazio.

Lanciato nel novembre dello scorso anno, DART ha impiegato 10 mesi per raggiungere il suo obiettivo, che ha orbita attorno al sole per eoni senza minacciare la Terra.

Gli scienziati hanno insistito sul fatto che DART non avrebbe frantumato la luna, con la che pesa 570 kg, rispetto ai 5 miliardi di kg dell’asteroide.

Ma sono fiduciosi che dovrebbe ridurre la sua orbita di 11 ore e 55 minuti attorno a Didymos, che sottolineano equivale a un cambiamento significativo nel corso degli anni.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare