La crisi della salute mentale in Europa nei dati: quale paese usa più antidepressivi?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
La crisi della salute mentale in Europa nei dati: quale paese usa più antidepressivi?

Il consumo globale di farmaci antidepressivi (AD) è aumentato notevolmente negli ultimi due decenni, con gli europei i maggiori consumatori.

Secondo i dati dell’Organizzazione per la e lo sviluppo economico (OCSE), l’uso di antidepressivi è aumentato di quasi due volte e mezzo dal 2000 al 2020 in 18 paesi europei.

I dati dell’OCSE mostrano anche un drammatico aumento dell’ansia e della depressione durante la pandemia di COVID-19. I paesi più felici usano meno farmaci per l’AD? spiegano i ricercatori il forte aumento del consumo di antidepressivi?

I set di dati dell’OCSE dimostrano il consumo di dose giornaliera definita (DDD) di “antidepressivi N06A”. Questo gruppo “comprende preparati utilizzati nel trattamento delle depressioni endogene ed esogene”, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Il consumo medio di antidepressivi in ​​18 paesi europei era di 30,5 DDD per 1.000 persone al giorno nel 2000, salendo a 75,3 DDD nel 2020, con un aumento del 147%.

Ma questa complessiva nasconde punti di partenza molto diversi per l’uso di antidepressivi nel 2000 in alcuni paesi, che vanno da 6,4 DDD in Estonia a 70,5 DDD in Islanda.

La Repubblica Ceca ha registrato l’aumento più alto con il 577%, mentre è aumentato solo del 38% in Francia, rendendola la variazione più bassa in questi paesi tra il 2000 e il 2020, anche se da un livello relativamente alto.

Nello stesso periodo è aumentato del 304% in Portogallo, del 256% nel Regno Unito, del 208% in Spagna e del 200% in Germania.

Uno sguardo più da vicino a cinque paesi selezionati – Francia, Germania, Portogallo, Spagna e Svezia – in 20 anni dimostra come varia l’uso di farmaci antidepressivi.

Mentre l’aumento è molto basso in Francia, soprattutto negli ultimi 15 anni, è schizzato in Portogallo negli ultimi due decenni.

Il grafico della corsa a barre mostra anche come il consumo di antidepressivi sia aumentato di anno in anno nei paesi europei. In 14 paesi su 18, il consumo di droghe di AD è più che raddoppiato.

Quali paesi hanno il più alto consumo di antidepressivi?

Osservando i cambiamenti nell’ultimo decennio, disponiamo di dati per 24 paesi europei.

Nel 2020, il consumo di farmaci per l’AD ogni 1.000 persone al giorno variava da 20 DDD in Lettonia a 153 DDD in Islanda. Seguono Portogallo (131 DDD), Regno Unito (108 DDD nel 2017), Svezia (105 DDD) e Spagna (87 DDD).

Nel 2020, l’utilizzo medio in questi 24 paesi era di 68 DDD. I tre paesi più grandi per popolazione, vale a dire Turchia (49 DDD), Francia (55 DDD) e Germania (62 DDD), hanno tutti registrato un consumo al di sotto della media.

Qualche correlazione tra la felicità e l’uso di antidepressivi?

La risposta breve è no. I dati sui paesi europei non suggeriscono che più le persone sono felici meno consumano antidepressivi.

L’Islanda, che è stato il secondo paese più felice al nel 2020 secondo il World Happiness Report, ha il più alto consumo di antidepressivi in ​​Europa.

La Svezia, che si è classificata al sesto posto nell’Happiness Report, ha il quarto maggior uso di antidepressivi con 105 DDD.

I finlandesi, che secondo il rapporto erano la nazione più felice, hanno usato 82 antidepressivi DDD che hanno posizionato la Finlandia al settimo posto su 24 paesi.

La Lettonia, che ha il consumo più basso con 20 dosi giornaliere, si è classificata al 34° posto nel World Happiness Report. L’Ungheria, che segue la Lettonia con 30 DDD, era al 43° posto nella lista della felicità.

Il consumo di antidepressivi è diminuito solo in Danimarca negli ultimi 10 anni

Il consumo di farmaci per l’AD è aumentato del 36,5% tra il 2010 e il 2020 in 24 paesi europei con un consumo medio giornaliero passato da 49,8 DDD a 68 DDD. La Danimarca è l’unico paese a vedere una diminuzione dell’uso di antidepressivi nell’ultimo decennio con un calo del 4%.

L’Estonia ha registrato l’aumento più alto con il 133%, mentre i consumi sono aumentati solo del 2% in Francia.

È raddoppiato nel Regno Unito ed è aumentato del 50% in Turchia. La variazione è stata inferiore al 25% in 10 paesi.

E la spesa in farmaci antidepressivi?

Il costo della spesa per i farmaci antidepressivi è un onere per i cittadini e i loro paesi.

Nel 2020, la Germania ha speso 812 milioni di dollari (783 milioni di euro) in antidepressivi. La Spagna (649 milioni di dollari o 626 milioni di euro) e l’Italia (456 milioni di dollari o 440 milioni di euro) sono gli altri paesi leader per la spesa per gli antidepressivi.

Il rapporto tra la spesa per antidepressivi e il totale delle vendite farmaceutiche suggerisce che in alcuni paesi si tratta di un costo significativo.

Nel 2020, i farmaci antidepressivi rappresentavano il 4% delle vendite farmaceutiche in Portogallo, rispetto al 2,7% in Spagna, al 2,2% in Austria, ’1,9% in Turchia e all’1,4% in Germania.

La prevalenza della depressione cronica in Europa

Non ci sono dati ufficiali comparabili sulla percentuale di persone che hanno riferito di avere una depressione cronica o di aver consultato uno psicologo, psicoterapeuta o psichiatra.

Tuttavia, i risultati dell’indagine pubblicati da forniscono alcuni spunti. Nel 2019 Eurostat ha rilevato che il 7,2 per cento dei cittadini dell’UE ha dichiarato di soffrire di depressione cronica, un piccolo aumento rispetto al 2014 (+0,3 punti percentuali).

Nel 2019, tra i paesi dell’UE, il Portogallo (12,2%) aveva la quota più alta di popolazione che soffriva di depressione cronica, seguito da Svezia (11,7%), Germania e (entrambi 11,6%).

La percentuale di persone che hanno riportato depressione cronica è stata la più bassa in Romania (1,0%), Bulgaria (2,7%) e Malta (3,5%).

È interessante notare che i primi due paesi Islanda (15,6%) e Portogallo (12,2%) per quanto riguarda la depressione cronica hanno anche avuto il più alto consumo di antidepressivi con 153 DDD e 131 DDD rispettivamente nel 2020.

L’impatto del COVID sulla mentale

Recenti sondaggi pubblicati dall’OCSE hanno rilevato che la salute mentale è notevolmente peggiorata dall’inizio della pandemia di COVID-19.

Da marzo 2020 in poi, la prevalenza di ansia e depressione è aumentata in 15 paesi OCSE selezionati, tra cui diversi europei.

La prevalenza dell’ansia all’inizio del 2020 era doppia o più del doppio rispetto a quella osservata negli anni precedenti in Belgio, Francia, Italia, Messico, Nuova Zelanda, Regno Unito e Stati Uniti.

Anche la prevalenza della depressione all’inizio del 2020 è stata doppia o superiore al doppio rispetto a quella osservata negli anni precedenti in Messico, Australia, Belgio, , Francia, Repubblica Ceca, Messico, Svezia, Regno Unito e Stati Uniti.

Tuttavia, poiché i metodi di indagine differiscono tra gli studi, non è possibile offrire solidi confronti tra paesi.

Il consumo di antidepressivi è aumentato durante il COVID?

Mentre la prevalenza di ansia e depressione è aumentata in modo significativo durante la pandemia di COVID-19, è aumentato anche il consumo di farmaci antidepressivi?

C’è un aumento del 10 per cento o più dei consumi tra il 2019 e il 2021 nei 14 paesi dell’OCSE per i quali sono disponibili dati. Ad esempio, l’uso è aumentato del 22% in Lettonia in questi due anni, ma solo dell’1% in Ungheria.

Tuttavia, questo è sullo sfondo di una costante all’aumento del consumo di antidepressivi negli ultimi 20 anni. Pertanto, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere qualsiasi possibile impatto della pandemia su questi recenti aumenti.

Perché il consumo di antidepressivi aumenta?

Ci sono una serie di potenziali spiegazioni per questo aumento negli ultimi due decenni.

I ricercatori che hanno studiato le influenze sulle tendenze alla prescrizione di antidepressivi nel Regno Unito tra il 1995 e il 2011, hanno suggerito che l’aumento può essere attribuito al miglioramento del riconoscimento della depressione, alla disponibilità di nuovi farmaci per l’AD, ai cambiamenti negli atteggiamenti del paziente/medico, alla disponibilità di terapie, all’evoluzione clinica linee guida e un ampliamento della gamma di indicazioni trattate con AD.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare